sabato 5 marzo 2011

Repo Men

24
2010, Miguel Sapochnik.

Lavorare come recuperatore di crediti non è, già oggi, un mestiere proprio alla portata di tutti. Certo non è adatto a persone timide o miti, e parliamo di cose banali, magari andare a riprendere una macchina, una moto, oggetti vari da clienti insolventi.

Ora immaginiamo di essere nel futuro prospettato da questo film, nel quale chi ha bisogno di un trapianto d'organi non ha alternative se non rivolgersi ad una fantomatica ditta denominata Unione alla quale pagare un corrispettivo ingente. Inevitabile ricorrere ad un finanziamento, e l'Unione te lo dà ché provvede anche a questo, salvo poi, se non paghi, venire a riscuotere, e in questo caso il "recuperatore", chirurgicamente, provvede a riprendersi l'oggetto che ti ha venduto, con effetti immaginabili.

Non lo nego, mi ha fatto pensare tanto (con risate annesse) al famoso episodio de "Il senso della vita", quando vanno a riscuotere da un donatore di organi prima che questo muoia!
La situazione qui è diversa, ovviamente. Anche per il livello del film, ché quello dei Monty Python è veramente imperdibile.

A parte il finale abbastanza a sorpresa, è un action-movie futuristico abbastanza brillante e dinamico, che ha però nella prevedibilità la sua peggior caratteristica, con il recuperatore che poi si ritroverà ad essere uno da recuperare e quindi lotterà contro il sistema che rappresentava, ecc... . Tutto sommato non male per impegno neuronale minimo, buono per una visione disimpegnata in tutto relax. Non fosse per la violenza anche sanguinosa di alcune scene (quelle che mi sono più piaciute, s'intende) ottimo anche per una prima serata su tv generalista, molto meglio della media di roba che mettono di solito in palinsesto.

Certamente non consigliato, né saprei se sconsigliarlo. Fate vobis.
Per un "pizzebbirra" in compagnia si può guardare senza provarne disturbo mentre si chiacchiera con gli amici.

p.s.: anche se esce oggi, è una rece vecchissima e ho perso i frame. ma non è grave...

24 commenti:

  1. Roby, dormi meno di me, sono impressionato! ;)
    Questo mi sa che lo lascio correre.
    In fondo, ho ancora il recupero degli Stallone d'annata, parlando di action movies! ;)

    RispondiElimina
  2. iniziai a vederlo in compagnia di mio figlio, poi dopo la prima scena "forte", mi ha pregato di toglierlo. che poi il pischello, quando vede film con pistolettate e spadate con troncamento di arti non è che lo schifano, anzi.
    ora, tu mi consigli di vederlo con un pizzaebbirra e magari rutto libero, ma te pensa, se la visione avvenisse ,nel mio caso, dopo avere visto una partita demmerda della Fiorentina e il film fosse pure demmerda, come faccio poi a trovare l'ispirazione per un dopocena erotico?

    RispondiElimina
  3. MrFord, no no, le rece sono programmate alle 6:00 ogni giorno. oggi è sabato e vivadio, mi sono appena svegliato! :P

    harmo, a me 'sta roba fa effetto peggio del bromuro, fai te! ahah!

    RispondiElimina
  4. Ecco il film del giorno! Il primo che commento è quello sbagliato...uff. L'Ho messo nel lettore DVD...e dopo un pò l'ho tolto...aiuuuuuuuto. Ahahahah!

    RispondiElimina
  5. questo qui me lo guardo (penso che sarei bravissima nel mestiere del "recuperatore"...anche se magari ammazzerei più i creditori che i debitori...sono cosi ingenia e idealista io...)

    :) love, mod

    RispondiElimina
  6. eh laura, non sono sempre capolavori! :)

    l'idea è bella mod, e qualche scena truculenta non manca.... buona visione :)

    RispondiElimina
  7. ..Non avrei mai immaginato Roby, uscisse anche la tua recensione di questo film. Remake solo nello spunto e per volere della comune casa di produzione per entrambi, la Universal, del famosissimo e splendido "Repo-Man"(Usa 1984) di Alex Cox -e difatti fin dal titolo è "variato" al plurale in "Repo Men"-, stranissimamente,in Italia non ha ottenuto neppure una distribuzione cinematografica ed è uscito direttamente in dvd, seppur nella più graficamente violenta, edizione "Unrated" americana.
    Il film dell'esordiente Sapochnik è notevole Roby, ma è stato sottovalutato fin dall'inizio un pò da tutti qui in Europa.
    Negli Stati Uniti no, dove è stato maggiormente e più appropriatamente centrato nei suoi valori e originali proprietà, che non sono pochi/e.
    E non mi pare, almeno a me eh sottinteso, propriamente un film come si potrebbe dire "da sabato sera con gli amici", in quanto solo per la violenza grafica e l'amoralità amara e rassegnata (ha un finale di rarissima sconfitta e imposizione del male e dei "cattivi"!)che lo contraddistingue, è un "prodotto" quantomai singolare e personale, per poter anche solo lontanissimamente aspirare ad essere l'ennesimo blockbuster distribuito da una major, per la fantascienza contemporanea giocattolosa ed effettistica.
    Alcune sequenze come quella più bella e famosa del film, nel lungo corridoio della stanza rosa, con il massacro uno per uno degli ezecutive e dei security men della Corporation, girata come un lungo videoclip musicato dalla splendida "Burn My Shadow" degli Unkle, evidente e dichiarato omaggio ad una celeberrima e molto simile sequenza di "Old Boy"('05) di Park Chan-Wook, sono strepitose e rimangono impresse nella memoria.
    Anche il finale nella stanza rosa, tra il protagonista Jude Law/Remy e Alice Braga/Beth,e le varie dissezioni nel corpo di lei per "disinnescare" gli "account" di debito dei suoi organi artificiali innestati, è fantastica e quasi inedita, per come riesce a coniugare chirurgia ed erotismo,in un'accostamento all'apparenza impossibile ma qui riuscito, con l'aggiunta di un vero sentimento ad esempio assente programmaticamente in "Crash" di Cronenberg, affine per estremizzazione dell'argomento e del tentativo. E in questa di sequenza c'è anche "Sing it Back" dei Moloko, scusate se è poco.

    RispondiElimina
  8. bello ogni tanto che non la pensiamo uguale Napoleone, se no sarebbe una noia...
    più motivata la tua di opinione eh, a me il sapere già in anticipo tutto quello che accadeva mi ha prodotto una visione troppo scontata. e va be' :)

    RispondiElimina
  9. Anche la padronanza dello stile e della sua personalissima immaginazione visiva, da parte dell'esordiente e "genietto" pubblicitario e videoclipparo Sapochnik è notevole, e ne ha fatto uno dei migliori esordienti del 2010, quasi quanto il molto simile per molteplici aspetti, Joseph Kosinski di "Tron Legacy".
    [...]

    RispondiElimina
  10. E l'ambientzione urbana di un futuro prossimo tecnologicamente e neoliberisticamente opprimente e disumano è convincente,non sarà "Blade runner" ma ai livelli comunque straordinari di "Robocop" ci arriva in quasi tutti gli esterni metropolitani che mostra; la sequenza di Remy e Beth in aeroporto al check-in come molti penso già avranno notato è uno scoperto omaggio-citazione de "L'Implacabile" (The Running Man)('87)di Paul Michael Glaser(Starsky!), dal libro stupendo di Richard Bachmann aliàs pre-Stephen King, lì erano Arnold Schwarzenegger e Maria Conchita Alonso.

    RispondiElimina
  11. Attoroni in ballo però! Mi sa che un occhio glielo do.. giusto alla prima pizzebbirra in solitaria! ;)

    RispondiElimina
  12. film fuffo! abbastanza inutile e scopiazzato qua e la.

    RispondiElimina
  13. servlad, in solitaria si rutta alla grande! :D
    con la fidanzata, mmm...

    ciao frank! e grazie per quel che sai, il problema erano i sub ;-)

    ci sono diversi film napoleone, tra quelli che nomini, che mi paiono proprio degni d'attenzione. :)

    @tutti: cmq ho visto che il "pizzebbirra" ha funzionato anche un po' da stroncatura. non l'ho messo nell'ade eh! ho anche detto che appunto alcune scene sono ben succulente. ripensandoci, ci avessero fatto un horror sadico-sanguinario con quel tema, non sarebbe stato male!

    RispondiElimina
  14. Non avrei mai detto...si riprendono anche gli organi trapiantati....che fantasia! : ) Ciao Roby! : )

    RispondiElimina
  15. Gran bello spunto, per un film che ha deluso di brutto anche me. Prevedibile sotto ogni aspetto. Il finale lo avevo capito dopo la prima volta che viene citata la faccenda che sai tu. Sono d'accordo con te: non consigliato. Se proprio si vuole illuminare la tv con un action movie mentre si fa dell'altro, va bene. Ma un "pizzebbirra" secondo me è un po' poco. ;-)

    RispondiElimina
  16. ciao Cris! che vuoi fare. merce non pagata va resa, eheh...

    marziano, come siete severi voi lì in alto! :D
    prossimo pizzebbirra sarà un horror però, promesso

    RispondiElimina
  17. per il pizzebbirra io opto sempre per un bel van damme d'annata :D

    RispondiElimina
  18. ahah! non male frank, è che me piàs no... io ho in programma machete per ora ;-)

    RispondiElimina
  19. Màh...Evidentemente in questo caso hanno visto tutti un'altro film rispetto a quello che ho visto io. Forse non è l'Unrated, con il finale che avevo "descritto" sopra.

    RispondiElimina
  20. onestamente non ti so dire quale versione ho visto, non ricordo

    RispondiElimina
  21. Ormai ho imparato, e come, a fidarmi di @Napoleone Wilson ed in questo caso la storia mi intriga veramente.

    RispondiElimina
  22. Il finale mi ha ricordato un pò Vanilla Sky

    RispondiElimina
  23. vanilla sky la scopiazzata patetic-hollywoodiana dell' Apri Gli Occhi di Amenabar..? mah..

    sono d'accordo con Napoleone Wilson (devo chiamarti Napoleone o Wilson?), unrated o meno, il film non è niente male ma l'originale di cox era tutt'altra roba.. ;)

    RispondiElimina
  24. ciao lenz! mmmm... il nick mi ricorda qualcuno...
    ormai lo chiamiamo tutti napoleone, te lo posso dire io ;-)

    RispondiElimina