mercoledì 14 ottobre 2009

The Man from Earth

4

2007, regia Richard Schenkman, scritto da Jerome Bixby.

Sinossi lunghissima da riportare anche se il film dura solo 1h 30'. Per chi vuole rovinarsi la visione consiglio quella dettagliatissima su Wiki, perfetta, della quale riporto solo il sommario e qualche cenno storico interessante sullo stesso film: "The Man from Earth è un film indipendente del 2007 scritto da Jerome Bixby e diretto da Richard Schenkman. Il film ha per protagonista David Lee Smith nel ruolo di John Oldman. La sceneggiatura di questo film fu elaborata da Jerome Bixby nei primi anni '60 e fu completata nel suo letto di morte nell'aprile 1998, ed è stata la sua ultima opera.

Il film narra la storia di un uomo di Cro-Magnon dell'età di 14.000 anni, John Oldman, sopravvissuto fino ai giorni nostri. L'intero film è girato in una piccola casa con veranda, a dimostrazione del bilancio risicato con cui questo film è stato prodotto. Il film si affida esclusivamente alla conversazione per lo svolgimento della trama, senza effetti speciali, azione, o musica elaborata, in quanto l'intero film non è altro se non una discussione intellettuale tra l'uomo di Cro-Magnon e i suoi amici professori e insegnanti, alla sua festa d'addio.
"

E' stato come leggere un libro, con le immagini del narratore. Un po' come fanno gli amici protagonisti, ti siedi con un bel whisky, qualche stuzzichino e ti godi dei dialoghi ed una storia sconvolgenti. John, non si capisce se ci è o ci fa, ha vissuto tutta l'evoluzione dell'uomo moderno, da che viveva di caccia e pesca ad oggi. Ha partecipato, a volte come semplice spettatore altre da protagonista, a vicende di fondamentale importanza storica. Nessuna domanda dei suoi amici lo mette in difficoltà mentre lui, invece, incrina alle fondamenta le certezze di tutti, soprattutto quelle religiose e sono proprio queste ultime quelle che creano turbamenti tali da portare poi a termine il loro incontro, con un finale spiazzante. In quei momenti di difficoltà, di tensione, emerge il Cinema, la regia: superba. Per il resto l'ego del cineasta si mette da parte, e fa bene, è la trama l'epicentro, i dialoghi.

Film decisamente d'analisi introspettiva che, anche per la tecnica scenografica, ricorda altre opere di stampo teatrale. Penso a The Big Kahuna, a Morte di un commesso viaggiatore, anche altri. Qui però l'analisi, o meglio l'autoanalisi, la fa lo spettatore su sé stesso. Tranne qualche breve passo scientifico e qualcuno di curiosità personale anche spicciola, le domande che i colleghi di John gli pongono e soprattutto le risposte date scavano nelle fondamenta delle convinzioni più diffuse sulla cultura del genere umano, le sue credenze e convinzioni sia religiose che non, con forza semplice e devastante. John lo afferma a un certo punto: "è tutto molto semplice", una breve frase che va colta senza distrazione.

Siete disposti a mettervi in gioco? Praticate la fede nel Dubbio? Allora non potete perdervi questo film!
Non lo siete? Vi piacciono le sane certezze delle tradizioni e delle religioni indubitabili? Lasciate perdere, potreste restarne estremamente turbati.

Un ultimo aspetto "tecnico" interessante, sempre da Wiki: "In quella che è probabilmente una mossa senza precedenti, il produttore di questo film, Eric D. Wilkinson, ha pubblicamente ringraziato gli utenti di BitTorrent che hanno distribuito il film senza avere permesso esplicito, affermando che ciò ha innalzato il profilo di questo prodotto molto al di là delle aspettative dei finanziatori. I produttori Schenkman, Bixby e Wilkinson hanno tutti scritto commenti sui forum di IMDb rispondendo alle domande dei fan".

E' fin troppo evidente, da quanto detto e letto altrove fino ad ora, che questo Capolavoro non ha fini di fama o fortuna, almeno a me pare così. Qui si Supera di infinite lunghezze la materia, c'è dietro lo scopo di una vita di Bixby, la volontà di lasciare qualcosa dopo di sé, la Summa finale di quello che la sua capacità ed intelligenza hanno prodotto nella sua Coscienza. Io almeno ho percepito molto forte questo aspetto.

Non importa come! L'importante è che il Messaggio si diffonda!
Spero nel mio piccolo di poter contribuire a questo scopo.

4 commenti:

  1. E' un film molto origiale e anche molto bello. Dovrebbe ricevere piu' attenzione dal pubblico...

    RispondiElimina
  2. peccato non poterti salutare per nome... ;-)
    ciao e grazie del commento, sono ovviamente d'accordo con te.

    RispondiElimina
  3. Ehi non avevo visto che c'era la recensione di questo film..
    E' decisamente un capolavoro, con pochissimi mezzi riesce a tenerti incollato allo schermo; gli argomenti trattati non sono banalizzati e le risposte che il protagonista sono molto verosimili.
    Potrebbe essere proposto nelle scuole, seguito da un bel dibattito...di certo avrebbe meritato e meriterebbe molta più notorietà.

    RispondiElimina
  4. sono d'accordissimo con te Nicky, su tutto

    RispondiElimina