sabato 3 ottobre 2009

Tarda Primavera

2

1949, Yasujiro Ozu

La solita trama semplice incentrata su persone comuni. Noriko vive felicemente col padre ma a 27 anni è necessario che si sposi. Un matrimonio combinato, non sarà facile convincerla, è troppo legata al padre, vecchio professore di scuola rimasto vedovo e con lei solamente che può accudirlo. Che ne sarà di lui dopo?

Solita è anche la meravigliosa esposizione della storia, senza mai un picco inutile, una scena dopo l'altra, mai una parola fuori posto, tutto emerge.

Come detto altre volte, non so come descrivere la bellezza dei film di Ozu, ma la bellezza la si percepisce nitida. Mi sento come 2 personaggi del film, che ammirano un giardino Zen e parlano tra loro di cose banali o importanti sempre con lo stesso timbro di voce, sempre sorridenti.

Onore al maestro Ozu.

2 commenti:

  1. Conosco Ozu perchè sto leggendo l'Elenganza del Riccio, in cui viene nominato sia il regista ,sia il film in questione.
    Devo documentarmi per forza su questo signor Ozu!!
    la sensibilità dei giapponesi sconfina nel sublime...


    Ps: mi dispiace che nel rinnovo del blog sia andato perduto il tuo commento...:(
    in ogni caso lo ricordo:
    allora, forse hai ragione,però quello che mi infastidisce della non presa di posizione dell'autore è che sia una voce invasiva che bistratta Maria ma allo stesso tempo sembra condividerne i pensieri.
    Non mi piace l'ambiguità ,ecco.
    Per quanto riguarda i romanzi:
    Padri e figli è uno dei miei libri preferiti :)
    gli altri tre mi ripropongo sempre di leggerli ma purtroppo non riesco mai a mettere in pratica le intenzioni :S
    vedrò cosa posso fare.
    e cmq , mi fa piacere che tu conosca la letteratura russa...è il mio più grande amore dopo i libri in generale, nata quando avevo 13 anni.
    E praticamente non condivisa da nessuno -.-"
    Beh, prendo commiato...ho quasi scritto un libro qui! :)
    a presto!

    RispondiElimina
  2. sei stata precoce, complimenti!
    io ho iniziato a leggere tardi in assoluto, ma quando poi ho cominciato, di russi dell'800 soprattutto, ne ho divorati molti, li adoro. ne parleremo...

    N.B.: anch'io ho conosciuto Ozu leggendo l'Eleganza del riccio, è stato inevitabile cercarne dei film. ne ho visti diversi e ti garantisco che le aspettative procurate dal libro sono state completamente attese.

    RispondiElimina