venerdì 29 luglio 2011

Malibu Express

13
1985, Andy Sidaris.

Commedia sexy-action ottantesca che rappresenta un distillato puro e non edulcorato dello stile di Sidaris.

Impossibile non pensare alle opere di un certo regista statunitense che comincia per R e finisce per Uss Meyer, quando ci si pone di fronte all'operato di Andy Sidaris. Sarebbe già un accostamento di quelli azzardati e improponibili, tuttavia i film di Sidaris si fanno voler bene, almeno dal sottoscritto, sia chiaro, e, sebbene senza la carica unica e dirompente del cinema Meyeriano, ripropongono un erotismo gioioso e cartoonesco venato da un tocco di violenza che rende sicuramente la pietanza più speziata. Senza parlare poi del parterre femminile disinvoltamente spogliato dal regista originario di Chicago.

Sidaris era un regista operante in ambito sportivo. Insomma, uno dei più quotati professionisti televisivi nella regia di eventi popolari, basket, baseball, naturalmente a livello agonistico, financo le Olimpiadi, in cui già si poteva notare la sua ossessione per i "corpi gloriosi" delle atlete, delle cheerleaders e, perchè no, delle spettatrici, a cui dedicava diversi stacchi e close-up. Ossessione che si riscontra ovviamente nelle sue produzioni cinematografiche, in cui, libero dai limiti espressivi del mezzo televisivo, denuda attori e attrici a tutto spiano. Attenzione, però. Non una sequenza sterile di nudi appiccicati uno dietro l'altro, anzi, il tono scanzonato e ironico delle sceneggiature di Sidaris é collante prezioso che rende la visione delle sue opere esperienza piacevole e sollazzante. Non fa eccezione alcuna questo "Malibu Express", in cui l'investigatore privato Cody Abilene (Darby Hinton, carriera sterminata in cinema e Tv, ancora in attività, giovanissimo nel "Daniel Boone" televisivo, ma attivo anche sul versante horror e Sci-Fi con "Incontri Stellari - The Return" di Greydon Clarke con Martin Landau, Cybil Sheperd e Jean-Michael Vincent del 1980) si ritrova invischiato in una intricata trama di ricatti e omicidi correlati alla ricca casata dei Chamberlain. Abiline é negato con la pistola, all'inizio lo vediamo al poligono con la sua pistolona stile Eastwood, che manca clamorosamente ogni bersaglio, ma fa centro con tutte le belle e disponibili ragazze che incontra durante il metraggio. E' un bel piacione, il Nostro, costruito sul personaggio di Tom Sellek/Magnum P.I. che vive su una barca (il Malibu Express, appunto) alla ricerca di un caso con le palle che gli possa aprire nuovi orizzonti. Troverà sul suo cammino la splendida Contessa Luciana (Sybil Danning) che si offrirà a lui in tutti i sensi. Geniale Sidaris. L'incontro tra i due costituisce la rimorchiata più fenomenale e veloce che la storia ricordi. La Danning si presenta seminuda, poi si va a rivestire e ritorna di nuovo seminuda, vestita di rosso, una mise da sturbo, subito dopo, cena, ballo, champagne e poi sesso, il tutto in pochi secondi di montaggio! Impareggiabile, Sidaris, nel costruire scenette soft-core per quasi tutto il primo tempo, per poi virare verso l'action nella seconda parte, che diventa a tutti gli effetti un film d'azione con inseguimenti e sparatorie. Senza mai perdere di vista il sottotesto ironico, sottolineato per tutto il film dalla voce fuori campo del protagonista. Che é incapace come uomo d'azione, come "duro" e come pilota, surclassato dalle ragazze protagoniste della pellicola, vere "bad ass" della situazione. Tutte bellissime, naturalmente, la maggior parte playmates disinvolte davanti alla cinepresa che offrono prestazioni attoriali tutt'altro che scialbe o svogliate. Qualche nome, bé c'è l'imbarazzo della scelta, Lynda Weismeier, Lori Sutton, Lorraine Michaels, Shelley Taylor Morgan, con menzione speciale per la bellissima "Sexy Sally" alias Susan M. Regard, la centralinista very hot che proprio non ce la fa a restare abbottonata con Cody, nemmeno per via telefonica, già vista in "48 Ore" di Walter Hill e poi nel poliziesco "French Quarter Undercover" (1986) di Patrick Poole e Joe Catanalotto con il grande Michael Parks.

Come antagonista troviamo l'ottimo caratterista italo-americano Arthur "Art" Metrano, conosciuto dal grande pubblico come Comandante Mauser in "Scuola di Polizia 2 - Prima Missione" (1985) e "Scuola di Polizia 3- Tutto da Rifare" (1986) entrambi di Jerry Paris, ma attivissimo in praticamente tutte le serie Tv anni settanta e ottanta più famose, da "Sulle Strade della California" fino a "Hill Street Blues" tanto per intenderci, e in film quali "Chi ha ucciso Jenny?" (They only kill their Masters, 1982) di James Goldstone con Katharine Ross, James Garner, Christopher Connelly e Hal Holbrook e "Un Duro al Servizio della Polizia" ("Slaughter's Big Rip-Off, 1973) di Gordon "Them" Douglas con l'immarcescibile, grandissimo Jim Brown. John Alderman, nel ruolo del Lt. Aldredge, é stato avvistato in diversi hard dell'epoca aurea, come "Desire within young Girls" (1977) di Richard Kanter con Annette Haven e Georgina Spelvin, e "Center Spread Girls" (1982) caposaldo del grande Gary Graver con le sopracitate regine a cui si aggiungano Veronica Hart e Lisa DeLeeuwe. Il tutto con il nome de plum di Frank Hollowell, senza dimenticare "La casa di Mary" ("The Witch Superstition/Superstition, 1982) di James W. Robertson. Scomparso nel 1987.

Tuttavia gli occhi e il cuore di chi scrive sono tutti rivolti verso la magnifica Sybil Danning, qui al massimo della forma in un periodo in cui si era convertita ai cheapies degli eigthies, vedi "They're playing with Fire" (1984) di Howard Avedis, bellissima, dal fascino ottundente, é la vera protagonista del film, con tanto di doccia nel finalissimo. Impossibile non amarla. Da riscoprire la sua sterminata filmografia, con alti e bassi paurosi. Mattei, Deodato, non si é fatta mancare niente, nemmeno "Scuola di Buone Maniere" ("Reform School Girls, 1987) di Tom DeSimone..

Consigliata, naturalmente, anche tutta la filmografia di Sidaris ("Le Porno Detective"- Stacy-1973, "Savage Beach"-1990- tra gli altri), regista sapido ed essenziale, che paga sì tributo al genio di Meyer, vedi, nella pellicola in questione, la famiglia di bifolchi che sfida in continuazione Abilene a correre in automobile per riscattare un'antica sconfitta, ma che é riuscito a trovare una sua nicchia nell'exploitation degli anni ottanta e novanta, ripresa e risputata al pubblico da blockbuster cazzari come il dittico "Charlie's Angels" di McGinty-Nichol, comunque inferiore al capolavoro, sempre e credo solo per chi scrive "Nome in Codice: Picasso Trigger" ("Picasso Trigger,1987) di lontana visione su vhs Columbia/Tri Star. Cameo del regista nei panni di un cowboy camper-munito che recupera i nostri eroi dopo aver osservato le grazie esibite della bionda autostoppista. Consigliato, a patto di recuperare obbligatoriamente, "SuperVixens", "Up", "Beneath the Valley of The UltraVixens", "Motorpsycho" e "Faster, Pussycat! Kill! Kill!" di Meyer.

Omaggio a Andy Sidaris, nato il 20 febbraio 1931 e scomparso il 7 marzo 2007.
Belushi

robydick:
frameshow con sottofondo dell'amato, da me e Belushi, Huey Lewis & The News con la famosissima "If This Is It" dall'album sport, del quale ne conservo la versione LP con Cover Art.
video


13 commenti:

  1. Mamma mia come sono "arrapeto"...A quando un film con Nina Hartley? ;o)

    RispondiElimina
  2. ahahah! avremo un "agosto caldo" harmo! :D
    però queste rece, lette alla mattina... non so se vanno bene, ahah! ciao e buona giornata :)

    RispondiElimina
  3. Ho appena pranzato, ma mi è tornata la fame ;)

    RispondiElimina
  4. alli... ahah! e ti capisco sai?
    m'ha fatto troppo ridere poi in certi momenti. c'era la pilota che ogni volta che voleva ottenere qualcosa mostrava le tette spalando la camicetta, un amore... :D

    RispondiElimina
  5. A' Gajardo!!! Qui se sta à fà la standing ovation pè il frameshow!!! Bellissimo!

    Harmonica, tè metto subito un titolo pè Nina,"Red Hot Fire Girls" (1987)

    Alligatore, pure a me, pure a me. Un grande saluto!

    RispondiElimina
  6. aho... redde hotte è ggià in daunloudde. vediamo de mantene' la parola eh, siamo gente "seria" qua! :D

    RispondiElimina
  7. me lo cerco..meyer grandissimo...

    RispondiElimina
  8. ciao brazzz! te devo chiama', mannagg... sorry :P

    RispondiElimina
  9. Napoleone Wilson:
    Proprio poche settimane ho visto "Fit to Kill", bruttissimo come al solito ma e c'è un ma,ed è quello del solito inspiegabile fascino del brutto con un perchè, alle volte e in altrettanto inspiegabili casi, ma solo alcuni, casi ...Erik Estrada ha lavorato con Andy Sidaris, spero che il buon caro vecchio Poncherello abbia potuto leccare a nastro almeno un pò delle supertope dei film del caro vecchio voyeur Sidaris.

    RispondiElimina
  10. mentre cerco di procurarmi questo Malibu express il dubbio mi attanaglia; il paragone con il sommo Meyer era tanto per affiancare Sidaris ad un regista noto che lavorava nello stesso campo da gioco oppure calza del tutto?

    RispondiElimina
  11. ciao lake! prima che si esprima belushi, a mio parere siamo nel caso di "stesso campo da gioco", d'altronde meyer è personaggio talmente unico...

    RispondiElimina
  12. Ciao Lakehurst. Mi sembra di essermi spiegato già nell'introduzione, il cinema di Sidaris si ispira a Meyer, con tutte le cautele del caso, senza averne la genialità. Sono opere che sono figlie imbastardite del cinema dei seventies, brutte quanto vuoi, ma sempre espressione di un uomo di cinema che guardava prima di tutto al dollaro e che, come Meyer, ma ripeto,con tutte le sacrosante differenza autoriali, era un one-man band della situazione, produttore, sceneggiatore e regista, anche un pò cane, di film sexy travestiti da beceri action movies, perchè era quello che chiedeva il mercato a quei tempi. Poi che Meyer fosse un'altro pianeta, bè è risaputo. Un grande saluto!

    RispondiElimina
  13. be', belu', con questo film sei andato a sfruculiare su "l'effetto meyer", diciamo così. anche se non fondò una scuola, il suo genio dettò ispirazione a molti

    RispondiElimina