venerdì 22 luglio 2011

Tawan Young Wan yoo - Bangkok loco

18
2004, Pornchai Hongrattanaporn.

Divertentissimo film dal ritmo vertiginoso e dalla trama grottesca, esibizione di tecnica cinematografica di ogni genere unita ad una parodia di filosofia buddista/orientale. Un trionfo di fantasia pieno anche di musica. Ottimo e corroborante film adatto alla stagione, già i titoli di testa che sembrano un fumetto introducono ad un clima di assoluto svago, e chiudo qua questo invito ad "andare al cinema".

Sono un ragazzo ed una ragazza, amici sin dall'infanzia quando andarono discepoli in un tempio dove il maestro era il rappresentante della "Batteria degli Dei". Con dei flashback persino proiettati dagli occhi, scopriamo che il maestro anni prima morì proprio al termine di una sfida con la "Batteria dell'Inferno" (contro niente di meno che Ringo Starr), senza fare in tempo a trasmettere al ragazzo l'ultimo segreto per raggiungere il "decimo livello" della Batteria, stato di saggezza fondamentale per battere il Maligno e la prossima sfida è a brevissimo. In costante fuga dalla polizia, composta da un branco di matti e un cane meticcio molto ingrifato, che lo caccia perché accusato di aver ucciso la padrona di casa (è stata ridotta a carne trita con dei coltellacci da macellaio), scoprirà che per raggiungere il decimo livello dovrà fare del "sano su e giù" con la ragazza la quale non attende altro da tempo, solo che poi scopriremo ... finale spiazzante, dopo una mitica sfida da musical forsennato, con tutti i personaggi che vengono "rivoltati".

Prati che diventano blu invece che verdi; colori "all'orientale fantastico" che più non si può pretendere; un po' di splatter; una magnifica scena di sesso senza sesso fatta al ritmo di batteria con un ottimo handjob ad una bacchetta e una rullata forsennata sulle natiche di lei; arti marziali con rullanti, piatti e grancasse; soggettive dall'interno di un cestino, da un occhio; tanti momenti di musical in stile "musicarello"; un pezzo a cartoni (sequenza di immagini) che è la storia illustrata dei sacri testi della Batteria degli Dei; varie ed eventuali.

Film di svago, fin cazzaro, ma fatto benissimo e talmente ricco di trovate che si può guardare più volte scoprendone di nuove probabilmente.
Stupefacente quasi, quanto riescano a ridere ed ironizzare in oriente sulle loro religioni e tradizioni, e qua mi fermo sul concetto, mi basta enunciarlo.

Aspettatevi l'inaspettabile e buon divertimento.
Nei miei Cult.

Robydick

frameshow:

Simpaticissimo, soprattutto se si è visto il film, questo montaggio di riprese del set.



18 commenti:

  1. Ma che razza di figata... ma esiste in italiano o si beccano i sub?

    RispondiElimina
  2. eddy, è stupendamente subbato in ita, così ti godi anche la loro lingua che è già uno spasso di per sé, ahah!
    vai qua: http://robydickfilms.blogspot.com/p/redazione.html
    c'è la mia mail, scrivimi che ti rispondo coi link che servono alla bisogna ;-)

    RispondiElimina
  3. Ah!Ah!Ah! Lontana visione! Me lo consigliò un amico amante dei Beatles, appunto per la citazione di Ringo. Aho, non te l'avevo ancora detto ma, gajardo er frameshow! I regazzini che suonano la batteria hanno la tuta gialla con bande nere tipo Bruce in "The Game of Death"! Delirio Thailandese! Devo rivederlo, thanks! Ciaooo!!!

    RispondiElimina
  4. belu', trova' un film cazzaro che non conosci te è IMPOSSIBILE! ahah!
    vero, bravo, c'è anche la tuta gialla di chen :P

    RispondiElimina
  5. Ottima dritta, devo recuperarlo assolutamente!

    RispondiElimina
  6. ciao simone! il consiglio dato sopra ad eddy vale anche per te... ;-)

    RispondiElimina
  7. ciao ernest! recupera recupera... :D

    RispondiElimina
  8. sei fantastico: ma dove li prendi????

    RispondiElimina
  9. ciao cri! grazie... guarda, questo non mi ricordo minimamente da che fonte ho preso la dritta, ahah! tengo le "antenne dritte" sempre, come ho scritto in cima alla rece di ieri, non te la perdere... ;-)

    RispondiElimina
  10. argh, sono riuscito solo a vedere i primi dieci minuti, poi sono crollato. chiedo venia, erano le cinque. ma devo rimediare al più presto, che da quel poco che ho visto pare na bomba di assurdità! mi è bastato l'intro che un po' fa il verso ai prodigy di 'smack my bitch up' e la cosa capisci roby che mi ha regalato la mia prima erezione mattutina.
    ti farò sapere al più presto!

    PS: ma PORNchai honGRATTAna(l)PORN è il suo nome vero? no perchè se è così tiro un lol che va da qua a st'inverno.

    RispondiElimina
  11. ahahah! tira pure il LOOOLLLLL nick, alla grande, si chiama proprio così, anche a me ha fatto sganasciare! :D

    RispondiElimina
  12. Questo PornGrattPorn mi mancava ed è in assoluto il migliore, certo che in Italia gli sarebbe difficile lavorare con 'sto nome... ma non si scherza neanche con Weerasethakul Apichatpong, Pisanthanakun Banjong, Chukiatsawirakul Ma-Deaw, che hai recensito... altro che Chong Chang Ching e Chung Cheng Chong... I tailandesi sì che son creativi!

    RispondiElimina
  13. ahah! grazie, mi vai a sfruculare nel thai del blog? eh ma i cinesi guarda che fanno delle cose... questo non l'hai commentato ed è pane per i tuoi denti, fidati: Tai yang zhao chang sheng qi - The sun also rises

    RispondiElimina
  14. Eh Roby, mica ho sfruculato nel blog, io dal 2006 sono munita di mostruosi elenchi (manufatti) che raccolgono i film per regista e paese, che aggiorno quasi quotidianamente e che crescono... crescono...! all'inizio erano solo appunti buttati lì, ma poi... In realtà una mission impossible, ma mi servono per non perdere la bussola e sapere quello che ho, dov'è (importantissimo!), la qualità, cosa ho visto e quello che vorrei vedere e tanto altro, tra cui, appunto, i film recensiti sul blog. Ovviamente mi servo di simboli e colori, mica scrivo un romanzo. Facile trovare quindi l'elenco dei tailandesi e vedere che hai recensito 13 Beloved, no?
    Guarda che io fatto solo una battuta sui nomi, mica sui film cinesi! Ho riletto la tua recensione di The sun also rises, vero, mi dovrebbe piacere assai, mi fido e lo metto in evidenza, poi è tratto da un bel romanzo di Hemingway, che purtroppo non ho letto.
    In questo periodo mi sono data uno stop alle novità, ho un elenco infinito di cose da vedere, ma quando riprendo...
    Devo scappare, qui si sta scatenando il finimondo e credo sia saggio staccare il computer per un po'.
    Per ora buona serata! (Chissà cosa stai vedendo????)

    RispondiElimina
  15. ah, questa cosa degli appunti la sento adesso sai? bravissima! io ho iniziato col blog per fare la stessa cosa, poi è diventato "la cosa" attuale.
    cosa sto vedendo? un trashione immondo che belushi recensirà domenica, ahah! ma poi, siccome è venerdì, forse mi risistemo le meningi con un ferreri ultradoc, vediamo come mi sento...
    certo che l'ho visto 13 Beloved, eheh... i miei complimentissimi!

    RispondiElimina
  16. Ahahahahah, oddio a perdere contro Ringo Star non doveva essere poi 'na cima 'sto batterista, ahahahah, con tutto il rispetto per Ringo, che per me è come uno zio, ma se faceva 'na sfida contro, che so', Keith Moon degli Who il film finiva subito. ahahahah

    RispondiElimina
  17. che gruppo mi vai a nominare harmo, miei cult giovanili... presto è in arrivo un "loro" film ;-)

    RispondiElimina