mercoledì 21 novembre 2012

Elling (review #2)

4
2001, Petter Næss.

Sono creati e pronti per la più grande avventura della loro vita. Tutto quello che devono fare è uscire di casa.”
Una piacevole, affascinante, commedia norvegese.”
Frasi di lancio originale del film

Elling è in procinto di ordinare due biglietti del treno per Oslo] Bigliettaio dei treni :- “Sì?£ Elling/Per Christian Ellefsen : Sì! Bigliettaio dei treni :- “Hai intenzione di?” Elling :- “Sì noi! Kjell Bjarne e io stiamo andando a Oslo, naturalmente. Bigliettaio :- “Solo andata?” Elling :- “Ci sono più modi?”

[L'ordine dei biglietti continua] Bigliettaio :- “Saranno 130 corone per biglietto.” Elling :- “130 corone? Mia madre l'ultima volta che ha preso il treno per Larvik il costo del biglietto era di 25.” Bigliettaio :- “Deve essere stato circa 30 anni fa.” Elling :- “Sì”

Elling” nell'ormai lontano 2001 venne candidato come Miglior Film Straniero agli Oscar, ed è facile capire il motivo per cui non vinse. Cogliendo i suoi personaggi in un piacevole, divertente viaggio attraverso la vita, il suo campo di applicazione è quello della piccola e della sua gente amabile, alla maniera di Kaurismaki. E' leggero e arioso. E' proprio come "Amelie" che precedette di pochi mesi, in altre parole, non riuscì a vincere un Academy Award. (Che andò alla Jugoslavia per il dramma bellico e cinico di “No Man's Land”, invece).


Se questo fosse un film americano - e un remake ne è stato tratto - non dovrebbe mai nemmeno essere pronunciato il suo nome nello stesso ambito di quello che fa "Oscar", tranne forse per dire "Oscar Madison e Felix Unger," de “La Strana coppia” (The Odd Couple) la celebre commedia di Neil Simon poi al cinema e in tv, alla quale i protagonisti di questo film somigliano molto. Questa è, in fondo, una versione norvegese de "La Strana coppia", dove Oscar è brutale e affamato di sesso e Felix è leggermente folle, ed entrambi sono quarantenni e vergini.

Elling (Per Christian Ellefsen) è un auto-suggestionabile cocco di mamma che deve essere trascinato fuori dal suo armadio - Voglio dire letteralmente, anche se le implicazioni metaforiche sono da prendere in considerazione - e portato in un ospedale psichiatrico dopo la morte di sua madre. Dopo due anni lì, nella quale egli condivide una stanza con il fantastico e concupiscente Kjell Bjarne (Sven Nordin), la coppia viene rimessa in libertà, per condividere un appartamento e, auspicabilmente, assumere una funzione nella società. Essi sono incoraggiati da un assistente sociale molto rilassato, Frank (Jorgen Langhelle).

L'integrazione sarà difficile. Per Kjell i problemi non sono precisati, ma sembra altrettanto pauroso di aprire la porta o rispondere al telefono esattamente come per Elling. (Quando egli diviene preda dell'ansia, la cinepresa si fa traballante, come se il film stesso diventasse debole quanto lo sono le sue ginocchia quando si tratta di interagire con gli estranei.) Elling tende a farsi prendere dal panico in pubblico, in modo che è Kjell ha dovere avere a che fare tutti i negozi di alimentari. "Perché avere un appartamento se lo dobbiamo lasciare per tutto il tempo?" è la risposta di Elling quando gli viene chiesto perché non vuole uscire.

La vigilia di Natale, Kjell assiste una donna ubriaca e incinta che passa sulle scale fuori dalla casa dei due uomini. La donna è Reidun (Marit Pia Jacobsen), il padre del bambino non si sa. Lei e Kjell sviluppano un rapporto, lasciando Elling più solo e spezzato di lui.

Ma egli si mette anche in testa di essere un poeta, e mentre frequentava - sì, frequentando! - Una serata di letture di poesie esilaranti e pretenziose, incontra Alfons (Per Christensen), un anziano vedovo bisognoso di compagnia. Alla fine tutti e quattro i maggiori partiti hanno intrapreso insieme una piccola avventura, e Elling comincia a capire di avere l'intenzione di vivere una vita “normale” nel mondo “normale”.
Le prestazioni sono divertenti e reali, con grazia viene tratteggiata la linea di demarcazione tra la raffigurazione dei disturbi mentali e il prendersi gioco degli stessi. E anche se la maggior parte del film si concentra sulla commedia, in gran parte di natura facile e popolare, c'è anche qualcosa di leggermente triste sui personaggi principali ed i loro drammi. Questa sensazione è rafforzata dalla dolce, lamentosa partitura musicale, dolci melodie che suggeriscono che non dovremmo essere sorpresi se ci imbattiamo in un poco di intensità lungo la strada del racconto.

AFI Fst Anno 2001 Nominato al Gran Premio della Giuria Petter Naess
Academy Awards, USA Anno 2002 Nomination all'Oscar per Il miglior film straniero in rappresentanza della Norvegia.
Amanda Awards, Norvegia Anno 2001 Nominato all' Amanda per il Miglior Attore (Arets mannlige skuespiller) Per Christian Ellefsen
Nordic Film Days di Lubecca Anno 2001 Ha Vinto il Premio del Pubblico del "Lübecker Nachrichten" a Petter Naess
Premio della Giuria Ecumenica a Petter Naess
Peñíscola Comedy Film Festival Anno 2002 Ha Vinto per il Miglior Film a Petter Naess
Rouen Nordic Film Festival Anno 2002 Ha Vinto il Premio del pubblico a Petter Naess
Miglior Attore a Per Christian Ellefsen
San Sebastiàn International Film Festival Anno 2001 Ha Vinto per il Miglior Nuovo Regista/ Best New Director - Menzione Speciale a Petter Naess (regista) Dag Alveberg (produttore)
Premio della Giuria Giovani Petter Naess
Seattle International Film Festival Anno 2002 Ha Vinto il Premio Golden Needle Space al Miglior Film Selb Film Festival Anno 2002 Ha Vinto il Premio del pubblico al Miglior Film (Bester Spielfilm) Petter Naess
Stockholm Film Festival Anno 2001 Ha Vinto per la Miglior Sceneggiatura a Axel Hellstenius
Premio FIPRESCI Sezione Northern Lights Petter Naess
Per le sue eccezionali prestazioni, la sua sceneggiatura che attraverso la scrittura restituisce al lettore le dettagliate descrizioni, con ironia e compassione della situazione di persone marginali. Nominato Cavallo di Bronzo Petter Naess.
Varsavia International Film Festival Anno 2002 Ha Vinto il Premio del pubblico a Petter Naess
Wurzburg International Film Festival Anno 2002 Ha Vinto il Premio del pubblico a Petter naess

Sven Nordin, che ha interpretato uno dei ruoli principali in questo film ha guadagnato 25 £ per adattarsi al personaggio che stava impersonando.

Ogni scena dal quartiere in cui vive Elling è stata girata nei dintorni per Majorstuen, sul lato ovest di Oslo. Le attività commerciali, come il negozio di alimentari dove nasconde le sue poesie in confezioni di crauti, e la tavola calda dove mangiano la cena sono tutti luoghi reali. Sia il nome che l'aspetto dei negozi e la cena servita hanno esattamente lo stesso aspetto nella realtà, ancora oggi.

Napoleone Wilson



4 commenti:

  1. me lo sono perso quando è uscito..se ricorda kaurismaki mi attira automaticamente

    RispondiElimina
  2. è veramente bello questo film

    RispondiElimina
  3. Ecco i film che piacciono a me :unire dramma,commedia,contesto sociale o politico.Un grande film.Penso all'imbarazzante Si può fare e comprendo sempre più perchè amo profondamente il cinema del nord europa

    Qui metto la mia recensione di Le Orme di Buazzoni,per sapere che ne pensi di questa pellicola !Ciao Napoleone

    RispondiElimina
  4. vabbuò...metto e poi scordo eccola

    http://lospettatoreindisciplinato.blogspot.it/2012/10/le-orme-di-luigi-bazzoni_7.html

    RispondiElimina