giovedì 8 novembre 2012

Rabbit-Proof Fence - La generazione rubata

2
2002, Phillip Noyce.

“Sono state rapite dal governo, e adesso vogliono percorrere le 1500 miglia che le separano da casa.” “Quando il governo rapisce i bambini, non ti aspetteresti più di vederli di nuovo.” 
“Se il governo le strappò lontano dalla tua famiglia, come faranno a percorrere le 1500 miglia che le separano da casa?” 
“1500 Miglia è una lunga strada per tornare a casa.” 
“Segui Il Tuo Cuore, Segui la barriera.”
“La vera storia di una famiglia che ha sfidato una nazione.” 
“Una fuga rocambolesca. Un viaggio epico. La vera storia di 3 ragazze che camminarono 1500 miglia per trovare la strada di casa.”
“Basato su una storia vera.” 
“Che cosa succede se il governo ha rapito sua figlia?”
Frasi di lancio originali del film.

La Generazione rubata” (Rabbit-Proof Fence), è un film diretto dal regista australiano Phillip Noyce al suo ritorno in patria dopo due decadi di lavoro ad Hollywood, e ha portato a un pubblico più vasto una delle molte e tragiche, fino a poco tempo fa, storie non raccontate della "generazione rubata", i circa 30.000 bambini aborigeni allontanati con la forza dai loro genitori australiani e dalle autorità tra il 1900 e la fine degli anni sessanta.

Il film usci in Australia nel 2002 suscitando naturalmente molta emozione e poi uscì negli Stati Uniti, in Gran Bretagna, e anche in Italia. Esso drammatizza la storia vera di tre giovani ragazze aborigene che avevano resistito a questa abominevole politica. Le ragazze quattordicenni Molly Kelly, la sorella Daisy con i suoi otto anni, e la loro cugina di 10 anni, Gracie Cross, le quali vennero prelevate dalle loro famiglie con la polizia nel 1931 a Jigalong, un insediamento aborigeno ai bordi del il deserto di Little Sandy nel nord-ovest dell'Australia, e trasferite al famigerato riformatorio di Moore River Native vicino a Perth. Rifiutando di accettare questo stato di cose, le ragazze fuggirono, oltre la “Rabbit Proof-Fence”, ovvero la grande barriera che protegge i campi coltivati dai conigli, sezionando il Western Australia da nord a sud, per 2.400 chilometri, nel tentativo di raggiungere le loro comunità nel nord dello stato. Gracie venne catturata prima di fare ritorno a casa. Ma il viaggio epico attraversato dalle altre due ragazze ha avuto luogo in alcuni dei luoghi più duri dell'outback, l'immenso deserto interno dell'Australia. Doris Pilkington Garimara, la figlia di Molly Kelly, narrò questo viaggio incredibile nel suo primo libro sull'argomento pubblicato nel 1996, “Searching The Rabbit-Proof Fence”.

Il film di Noyce inizia nel Jigalong. I padri delle ragazze, che nel frattempo andarono avanti per cercare di incontrarle, erano dei lavoratori bianchi impiegati nella costruzione della barriera anti-conigli. Molly (Everlyn Sampi), Daisy (Tianna Sansbury) e Gracie (Laura Monaghan) venivano collettivamente allevate e curate da Maude e Lily, le loro madri aborigene. Come figlie meticce, passarono sotto il controllo della polizia locale, che ne denunciò la loro esistenza all'autorità di A.O. Neville (Kenneth Branagh), il Protettore Capo degli aborigeni in Australia occidentale. Neville, che è stato nominato alla posizione nel 1915, ha avuto il completo controllo legale su tutti gli aborigeni dello Stato. Egli ordinò agli agenti di polizia di prelevare i bambini. Un poliziotto locale trascina le ragazze terrorizzate strappandole alle loro madri, costringendole in una macchina e poi alla stazione ferroviaria più vicina, dove sono ingabbiate e trasportate alla struttura di Moore River. Questa scena, dalla così forte carica di emotività, così come altri momenti nella nuova “casa” dei bambini a Moore River, catturano accuratamente la brutalità della politica del governo verso la popolazione indigena. La rappresentazione della vita impostagli con la quale distruggono il loro spirito di nativi è particolarmente efficace e inquietante. I bambini sono rinchiusi ogni notte, come criminali comuni, in dormitori di massa, proibendogli di parlare la propria lingua e dicendogli che non hanno i genitori. Il cibo gli è servito in dei pasti che devono essere mangiati con le mani e ogni giorno è scandito dal canto degli inni e dalla dura disciplina. Chiunque venga catturato contravvenendo le regole della missione tentando la fuga viene posto in isolamento per 14 giorni.

Questi eventi si alternano con le scene di Neville, che è raffigurato come un burocrate austero, il quale con scrupolosa e abominevole meticolosità coordina e gestisce il programma di governo per la "assimilazione". L'obiettivo immediato di questa politica, che è stata legalmente istituita nel Western Australia nel 1905 per sessant'anni e praticata a vari livelli in tutta l'Australia per i successivi sei anni e mezzo, è stato quello di separare i bambini aborigeni meticci dalle loro famiglie e cultura, per convertirli al cristianesimo e addestrarli come domestiche/ci o altre forme di lavoratori a basso costo. L'obiettivo a lungo termine del governo, tuttavia, era ancora più sinistro, per evitare che i bambini meticci procreassero poi con purosangue aborigeni, al fine di "allevare un'estinzione" della razza aborigena. In una scena inquietante, Neville utilizza delle lastre retroilluminate da una lanterna per spiegare le sue teorie in merito, a un pubblico di donne della classe media di Perth. Si reca poi alla missione per controllare il colore della pelle dei bambini imprigionati. Secondo il Protettore Capo, quei bambini con la pelle più chiara sono più intelligenti. Essi dovrebbero essere separati dal resto degli altri e quindi datagli una formazione un po' migliore. Spinte da Molly, le ragazze fuggono dall'insediamento e iniziano il loro pericoloso viaggio. A differenza del resto dei detenuti del Moore River, a cui è stato detto di non avere i genitori, le ragazze Jigalong non hanno dimenticato le loro madri e sono determinate a tornare a casa.

Il resto delle sequenze cinematografiche è incentrato sui tre mesi del viaggio delle ragazze. Inseguite da Moodoo (David Gulpilil, il più famoso attore aborigeno), un inseguitore nativo come nel coevo “The Tracker” di Rolf De Heer specificamente occupato presso la missione nel riconquistare i fuggiaschi, e un sempre più arrabbiato e frustrato Neville. Con l'aiuto sporadico di pochi lavoratori aborigeni e bianchi rurali lungo la strada, Molly e Daisy torneranno a casa per avere un emozionato benvenuto dalla famiglia. Un tentativo da parte di un poliziotto locale per portare via le ragazze è respinto dalla comunità e il film si conclude con una breve apparizione da Molly e Daisy, adesso negli anni '80 e che ancora vivono a Jigalong.
Poco prima dei titoli finali appare un breve testo il quale spiega che Molly ha continuato a subire gli orrori delle politiche di assimilazione del governo. Dopo il matrimonio e la nascita di due figli, Doris e Annabelle, lei e le ragazze sono state catturate nel 1940 e trasportate indietro a Moore River. Molly è fuggita ancora una volta e, anche se costretta a lasciare per quattro anni Doris alle sue spalle, attraversando il corso della Rabbit-Proof Fence trasportando con sé Annabelle di soli 18 mesi è riuscita a tornare alla Jigalong. Un anno dopo, Annabelle è stata presa dalle autorità governative. Molly non ha mai più visto la figlia più giovane di nuovo, e non è stato fino a 30 anni dopo che Doris si riunì con la madre.

Un lungo passo in ritardo prima
Un veterano del cinema australiano, con una filmografia di 20 lungometraggi, Noyce ha detto che egli considerava “Rabbit-Proof Fence” come la sua "più grande sfida", perché voleva un film che un "australiano potesse vedere permettendogli di venire a patti con la storia delle relazioni razziali," e che avesse fornito "una comprensione delle emozioni profonde che hanno alimentato dibattiti sul tema della generazione rubata ". Mentre l'allora cinquantunenne regista ha fedelmente raccontato la storia delle ragazze, il film non fu in patria il successo commerciale che avrebbe potuto essere.
Noyce, che ha iniziato con il cinema nei primi anni settanta, ha avuto una carriera a scacchi. Da segnalare i primi lavori comprendendo “Backroads” (1977), sulla vita nell'outback per gli aborigeni e “Newsfront” (1978), la storia di due fotografi di attualità nell'Australia tra gli anni quaranta e cinquanta. Questi film sono stati seguiti da due film tv eccezionali-”The Dismessal” (1983), sul colpo di stato costituzionale appoggiato dalla CIA che rovesciò il governo laburista Whitlam nel 1975, e “Cowra Breakout” (1984), che si era occupato dell'evasione di massa dei prigionieri di guerra giapponesi nelle zone rurali dellAustralia durante la seconda guerra mondiale .
Dopo aver diretto “Ore 10: Calma piatta”(Dead Calm) nel 1989, un bel thriller interpretato da Sam Neill e Nicole Kidman, Noyce si trasferì a Hollywood, dove è rimasto per oltre dodici anni prima di questo film. Come molti altri prima di lui, Noyce ha dovuto sottostare a dei compromessi creativi e politici per cui ha trascorso la maggior parte degli anni '90 alla produzione di thriller di seconda mano seppur di successo o film d'azione, come “Giochi di potere” (1992), “Sotto il segno del pericolo” (1994), “Il Santo” (1997), “Il Collezionista di ossa” (The Bone Collector) (1999) e altri film dimenticabili. Nonostante questo, Noyce ha trovato in se stesso le risorse che ne fecero uno dei migliori e più importanti registi della “Prima ondata”, la First Wave del cinema australiano negli anni '70, per fare “Rabbit-Proof Fence”, il primo film in assoluto con lungo ritardo sulla pratica della "Generazione rubata". Secondo come riferito ha abbandonato una produzione hollywoodiana da 220 milioni di dollari per fare il film, dovrebbe dunque essere applaudito per averlo fatto.
Anche grazie all'impegno di tutti i soggetti coinvolti, tra cui Kenneth Branagh, che ha rinunciato al proprio compenso suo solito, il film scava in profondità. Branagh, l'unico personaggio con tutti suoi dialoghi veramente incisivi, fornisce una interpretazione a regola d'arte e, a volte, è veramente interessante nella prestazione freddamente efficiente di A.O. Neville. Le giovani ragazze- Everlyn Sampi, Tianna Sansbury e Laura Monaghan- non avevano mai recitato prima e sono lodevoli nei loro ruoli. Ma l'attenzione del film sulla meccanica del viaggio ha la precedenza su un approfondimento dei loro personaggi. Il film riesce però comunque a far capire le ragazze, o sul senso del reale dei loro primi anni di vita a Jigalong.

La riuscita più importante, però, è il contesto storico ampio che Noyce riesce a fornire agli eventi, o a seguire il collegamento tra le azioni di Neville e la registrazione della lunga e sanguinosa oppressione aborigena in Australia. Questo rafforza l'impatto complessivo del film. Questo approccio ha trovato il favore di alcuni critici australiani che hanno lodato “Rabbit-Proof Fence” perché non è "troppo politico". Ho letto una recensione di tal Leigh Paatsch di Sydney sul “Daily Telegraph” . "[...]il film non ha bisogno di martellare l'enunciato fin troppo evidente né di sottolinearlo.Paatsch ha scritto anche che, "Rabbit-Proof Fence” sposta leggermente il dibattito in corso sulla “Generazione Rubata” al punto in cui avrebbe dovuto essere fin dall'inizio: come un enigma tragico e umanitario che sfugge ancora ad una inafferrabile risposta.". Noyce avrebbe, senza dubbio, rifiutato un offuscamento delle posizioni del film. Ma il suo film sarebbe stato molto più forte se avesse chiaramente stabilito che Neville non era un individuo isolato, e che "l'assimilazione" non era che una tappa nella genocida guerra in corso contro gli aborigeni, che ha avuto inizio con la colonizzazione britannica in Australia nel tardo 18 ° secolo . Questo avrebbe fornito un resoconto più veritiero della "Storia delle relazioni razziali" e dato al film una struttura più ricca e più potente.

Come è stato ampiamente documentato, le prime autorità australiane consideravano gli aborigeni come una sub-specie umana che non poteva, per lo più, essere immediatamente sfruttata per la manodopera a basso costo e ha dovuto essere cacciata da tutti i terreni di valore agricolo. Mentre i concetti razzisti di superiorità bianca hanno costituito la giustificazione ideologica di oppressione del governo, gli aborigeni sono stati, infatti, le vittime dello sviluppo capitalista dell'economia, in particolare, dall'unità del capitale britannico e successivamente australiano per massimizzare i profitti e gli investimenti del continente, che richiedeva la distruzione di tutti gli ostacoli, compresi quelli umani. Per i primi 120 anni di colonizzazione britannica e nei primi decenni del 20° secolo, gli uomini aborigeni, le donne e i bambini sono stati cacciati e uccisi come animali selvatici in una politica che non può che con precisione, e in linea con le convenzioni delle Nazioni Unite del 1948, essere definita come di genocidio, il tentativo sistematico di distruggere una razza di persone.
Le cifre variano, ma la popolazione aborigena, che è stato stimata essere stato tra i 250.000 e 750.000 nel 1788, è stata ridotta a 31.000 nel 1911. Nello stato di Tasmania una combinazione di forze di polizia, soldati, e di gruppi di vigilantes bianchi e singoli coloni spazzarono via l'intera popolazione aborigena nei primi decenni del 19 ° secolo. Dopo aver preso possesso della terra migliore per l' agricoltura, le autorità di governo e della chiesa cominciarono la pastorizia e a chiudere gli aborigeni nelle riserve, dove ogni aspetto della loro vita, reddito, lingua, religione, cultura, passò sotto il controllo amministrativo. Questa politica è stata ufficialmente definita come di "protezione". Nell'ultima parte del 19° secolo e all'inizio del 20°, gli amministratori pubblici prepararono consapevolmente l'eventuale eliminazione della razza aborigena. Ogni stato aveva un protettore e ogni protezione aveva il potere di separare i meticci bambini dai loro genitori e imprigionarli in missioni governative, o chiese.
James Isdell, uno dei protettori regionali dell'Australia Occidentale, ha scritto in una lettera a un suo superiore nel 1907 nella quale affermava che le donne aborigene erano "prostitute nel cuore" e tutti gli aborigeni erano "sporchi, sporchi e immorali". Isdell disse anche che non avrebbe esitato a separare i bambini meticci, perché le loro madri aborigene si sarebbero rapidamente dimenticate della loro prole. Il loro dolore, ha dichiarato, era solo legato alla delusione per la perdita di reddito derivata dal trasformare le loro figlie in prostitute.

Fu in questo clima politico e culturale che A.O. Neville divenne Protettore Capo del Western Australia per gli aborigeni. Il suo "allevamento" si basava su teorie, descritte nel suo libro, “Minoranza di colore in Australia: il loro posto nella nostra comunità”(Coloured Minorance in Australia: our place in own community), le politiche già codificate e in corso di attuazione da parte di funzionari statali e federali in tutta l'Australia. Sotto Neville chi era aborigeno almeno al terzo grado, i meticci sarebbero stati presa dalle loro madri, i matrimoni combinati incoraggiati mentre i matrimoni misti tra meticci e "bianchi", o purosangue aborigeni sarebbe stati proibiti, alla fine, l'etnia aborigena nel suo complesso sarebbe scomparsa . “Come disse un australiano della Western Australia Royal Commission: "[I mezzo sangue] devono essere protetti contro se stessi .... Il punto dolente richiede l'applicazione del bisturi del chirurgo per il bene del paziente, e probabilmente contro la volontà del paziente. "
Chiedere la sterilizzazione da parte di altri legislatori non era un evento raro. In effetti, nel 1934, tre anni dopo la fuga di Molly, Daisy e Gracie, da Moore River, il sottosegretario del Dipartimento del Queensland, ha pubblicamente sostenuto la sterilizzazione di tutti i meticci aborigeni.
Certo, tutto questo non potrebbe essere stato incluso in “Rabbit-Proof Fence.”, Ma il ritratto rimane abbastanza approfondito, sia per quanto riguarda Neville che le condizioni subite da Molly, Daisy e Gracie, insieme ad innumerevoli altri bambini aborigeni, dipendenti dalla comprensione di almeno gli aspetti di questa storia in un contesto politico più ampio.
Noyce riduce la seconda prigionia di Molly e i suoi due figli a Moore River e la sua fuga a ritroso attraverso la “Rabbit-Proof Fence” a poche parole di testo alla fine del film. Ma avrebbe potuto descrivere questi eventi e averli usati per esplorare l'impatto psicologico più profondo della politica sulla donna ormai matura. Farlo avrebbe inoltre fornito a Noyce l'opportunità di drammatizzare l'aspetto di Neville alla prima conferenza nazionale dei “Protettori” degli aborigeni nel 1937, appena tre anni prima che le autorità arrestassero Molly di nuovo.
Neville era una figura di primo piano a questa conferenza e la sua oramai famosa “Politica degli allevamenti”" era stata approvata all'unanimità come un obiettivo nazionale. Egli chiese ai delegati riuniti "Stiamo andando verso l'avere una popolazione di un milione di neri nel Commonwealth”, “o stiamo andando verso una loro unificazione nella nostra comunità bianca e, infine, a dimenticare che ci fossero gli aborigeni in Australia?" Questo potrebbe essere stato altro materiale potente per il film.

Nonostante le debolezze, che tendono ad indicare una perdita di coraggio politico da parte di Noyce, “La Generazione rubata/Rabbit-Proof Fence” è un lavoro sincero e sentito. Si getta una luce nuova e importante su forse il più sporco segreto del capitalismo australiano e, si spera, aprendo la strada ad altri di approfondire questo ed altri aspetti critici.


Aspen Filmfest Anno 2002 Ha Vinto il Premio del pubblico come film preferito aPhillip Noyce
Australian Film Institute Anno 2002 Ha Vinto l'AFI Award per il Miglior Film aPhillip Noyce
Christine Olsen
John Winter
Miglior Colonna Sonora Musiche originali Peter Gabriel
Miglior Suono Bronwyn Murphy
Craig Carter
Ricky Edwards
John Penders
Nomination all'AFI Award Miglior attore non protagonista David Guilpilil
Miglior Fotografia Christopher Doyle
Migliori Costumi Roger Ford
Miglior regia Phillip Noyce
Miglior Montaggio Veronika Jenet
John Scott
Miglior Production Design Roger Ford
Miglior sceneggiatura non originale da un'altra fonte Christine Olsen
Camerimage Anno 2002 Nomination al Golden Frog per Christopher Doyle
Castellinaria Festival Internazionale del Cinema Giovane Anno 2002 Ha Vinto l'ASPI Award a Phillip Noyce
il Golden Castle a Phillip Noyce
Chlotrudis Awards Anno 2003 Nomination al Chlotrudis Award per il Miglior Regista a Phillip Noyce
Miglior FilmDenver International Film Festival Anno 2002 Ha Vinto il Premio del pubblico Miglior lungometraggio Film aPhillip Noyce
Durban International Film Festival Anno 2002 Ha Vinto il Premio del Pubblico a Phillip Noyce Edinburgh International Film Festival Anno 2002 Ha Vinto il Premio del pubblico a Phillip Noyce
Critics Circle of Australia Awards Anno 2002 Ha Vinto il FCCA Award per Miglior Regista
a Phillip Noyce
Miglior Sceneggiatura - Adattamento Christine Olsen
Nomination al FCCA Award per il Miglior attore - DonnaEverlyn Sampi
Miglior Fotografia Christopher Doyle
Miglior Film
Musica Best Score Peter Babriel
Golden Globes, USA Anno 2003 Nomination al Golden Globe per la Miglior Colonna Sonora Originale - LungometraggioPeter Gabriel
Golden trailer Awards Anno 2002 Nominato al Trailer d'Oro Miglior indipendente (TriCoast Studios).
IF Awards Anno 2002 Ha vinto un IF Award per la Miglior Attrice aEverlyn Sampi
Miglior Montaggio
Veronika Jenet
John Scott
Produzione Miglior Design
Roger Ford
Nomination IF Award Miglior Fotografia
Christopher Doyle
Miglior regia
Phillip Noyce
Miglior Musica
Peter Gabriel
Miglior Suono
Craig Carter
Julie Pearce
John Penders
Leeds International Film Festival Anno
2002 Ha Vinto il Premio del pubblico a Phillip Noyce
London Critics Film Circle Awards Anno
2003 Ha Vinto ALFS Award come Regista dell'Anno
a Phillip Noyce
Anche per The Quiet American” (2002).
M
otion Pictures Editors audio, Stati Uniti d'America Anno 2003 Nomination al Premio Golden Reel per Miglior montaggio sonoro in un Film straniero
John Penders(supervisione al montaggio sonoro / supervisione al montaggio del dialogo)
Craig Carter (supervisione al montaggio sonoro)
Steve Burgess (supervisione al montaggio effetti sonori)

Ricky Edwards (ADR editor) Andrew Plain (ADR editor) National Board of Review, USA Anno 2002 Ha Vinto il Liberty of Expressions Award NBR Award per il Miglior Regista a
Phillip Noyce
Anche per “The Quiet American” (2002).
Top Ten Films
Political Film Society, Stati Uniti d'America Anno 2003 Nomination al PFS Award Exposé
Diritti Umani San Francisco Film Critics Circle Awards Anno 2002 Ha Vinto una Citazione speciale a Phillip Noyce
Anche per “The Quiet American” (2002).
Sao Paulo International Film Festival Anno 2003 Ha Vinto il Premio del pubblico al Miglior Film Straniero aPhillip Noyce (Regista) Valladolid International Film Festival Anno 2002 Ha Vinto il Premio del pubblico Sezione Meeting Point: Lungometraggio a Phillip Noyce

La prima mondiale di questo film si è svolta in una proiezione all'aperto a Jigalong, la comunità entroterra dove sono state scappate le ragazze, e dove le loro famiglie ancora vivono.

Everlyn Sampi, ( Molly Craig ), è scappata due volte durante le riprese. In un caso, è stata trovata in una cabina telefonica, e dopo cercando di acquistare i biglietti per tornare a Broome.

L'ultima scena del film, che mostra Molly Craig nella vita reale che cammina con un bastone da passeggio, fu girata per prima. Secondo Phillip Noyce, nel corso di un'intervista, dopo la proiezione, l'età e la salute di Molly hanno fatto in modo che sarebbe stato meglio se quella scena fosse girata per prima.

Doris Pilkington, autrice del libro "Follow the Rabbit-Proof Fence", è la figlia di Molly Craig (interpretato da Everlyn Sampi nel film).
Napoleone Wilson
















2 commenti:

  1. grazie Napoleone, rece al solito grandiosa ed anche molto istruttiva. film da vedere assolutamente, sto provvedendo alla bisogna

    RispondiElimina
  2. ti ho messo un po' di frame...
    cinematograficamente è un film abbastanza "ordinario", ma la storia è tremenda e solo per averla portata al grande pubblico merita lodi.

    RispondiElimina