martedì 8 agosto 2006

L'Atalante

0

1934, Jean Vigo.

Jean Vigo morì subito dopo le riprese a soli 29 anni.
Questo film, che per l'epoca fu una vera rivoluzione, lo rese celebre.

E' una storia semplice. Una ragazza di paese, bellissima, sposa il capitano d'una chiatta fluviale. Lei non ha mai visto nulla al di fuori del paese e quando giunge a Parigi, di nascosto, fugge una sera ad ammirare la ville lumiere. Ma lui non la prenderà bene... ci sarà comunque un lieto e romantico finale.
La famosa scena che poi è diventata la sigla di "fuori orario", di rai3, è veramente bellissima e finalmente ne ho capito il significato.

Guardare questi film che sono all'origine della settima arte è importante per apprezzare il modo in cui poi il cinema stesso si è evoluto. Ne consiglio una visione attenta anche alle piccole tecniche, ai movimenti macchina ad esempio. Quando i 2 sposini escono dalla chiesa e s'avviano al fiume, ad esempio, camminano sempre alla stessa andatura però certe riprese danno veramente il senso della voglia di fuga da quei luoghi.

E' storia del cinema.

0 commenti:

Posta un commento