lunedì 7 agosto 2006

Strade Perdute

8

1996, David Lynch.

Un sassofonista riceve una videocassetta filmata da qualcuno che entra in casa sua e lo filma mentre dorme a fianco a sua moglie, non ci sono segni d'effrazione, nulla fa sospettare che qualcuno sia riuscito ad entrare a casa sua, però c'è entrato. Lui comincia a sospettare che lei lo tradisca, poi dopo aver incontrato un bizzarro personaggio...

Da lì cominciano tutta una serie di avvenimenti surreali, reali, visionari in perfetto stile Lynch. Come al solito lui ci lascia mille interrogativi da porci lasciando parecchie questioni in sospeso, credo che la sua abilità sia quella di far andare la fantasia dello spettatore in un'arte che normalmente (nella maggior parte dei films) porta il regista/sceneggiatore a sbattere in faccia allo spettatore le vicende in modo che veda e capisca, ma Lynch questo non lo fa e penso che la sua più grande abilità sia proprio questa, oltre ad una grandissima capacità di mettere tensione allo spettatore anche solo con un' inquadratura.

Film bellissimo.

(by paolorossi)

8 commenti:

  1. Sì, Lynch è senza dubbio il più grande cineasta vivente

    RispondiElimina
  2. Insieme a Lars Von Trier. :)

    RispondiElimina
  3. Il mio preferito di Lynch, geniale delirante unico lo vedrei ininterrottamente SEMPRE, se non avessi la catasta di film che ho da vedere...

    RispondiElimina
  4. io ho il mio mito in Mulholland Drive, intoccabile ;-)

    RispondiElimina
  5. ci ho dormito sopra! devo rivederlo...

    RispondiElimina
  6. uh! dr.Nick, come dormito??? ahah! sì, rifarei un tentativo :)

    RispondiElimina
  7. Come successe con Mulholland Drive, sono corso piangendo su wiki per cercare di capirci qualcosa. Ma forse e dico forse, questo mi è sembrato meno criptico e meno ingarbugliato. Ancora non ne sono sicuro. Concordo sulla capacità di mettere "strizza" allo spettatore. Gli basta davvero poco. Un nano da giardino col calcestruzzo in faccia, un ghigno, un corrugarsi della fronte e quel senso di inquietudine si è già insinuato sottopelle.Ah e bella anche la colonna sonora.
    P.s.
    Sono l'unico che sul finire, quando c'è la proiezione del filmato nella villa ha sperato in una brusca sterzata verso il genere torture porn come sotterfugio per piazzarci lo "spiegone chiarificatore totale"? Se sì mi sa che Lynch lo conosco ancora poco :)

    RispondiElimina
  8. ciao Ostdem! per Mulholland Drive qua c'è una delle mie prime corpose rece se vuoi.
    questo lo ricordo poco, non saprei dirti del finale, però la tua mi pare una splendida ipotesi, ahah!

    RispondiElimina