sabato 5 agosto 2006

Trainspotting

8

1996. Danny Boyle.

Me lo sono trascritto l'incipit del film. E' Marc Renton che parla, il principale protagonista:
Scegliete la vita. Scegliete un lavoro. Scegliete una carriera. Scegliete una famiglia. Scegliete un maxy-televisore del cazzo, scegliete lavatrici, macchine, lettori cd e apriscatole elettrici. Scegliete la buona salute, il colesterolo basso e la polizza vita. Scegliete un mutuo a interesse fisso. Scegliete una prima casa. Scegliete gli amici. Scegliete una moda casual e le valigie in tinta. Scegliete un salotto di 3 pezzi a rate e ricopritelo con una stoffa del cazzo.
Scegliete il fai-da-te e chiedetevi chi cacchio siete alla domenica mattina. Scegliete di sedervi sul divano a spappolarvi il cervello e lo spirito con i quiz mentre vi ingozzate di schifezze da mangiare.
Alla fine scegliete di marcire, di tirare le cuoia in uno squallido ospizio, ridotti a motivo di imbarazzo per gli stronzetti viziati ed egoisti che avete figliato per rimpiazzarvi. Scegliete un futuro. Scegliete la vita.
Ma perché dovrei fare così? Io ho scelto di non-scegliere la vita. Ho scelto qualcos'altro. Le ragioni? Non ci sono ragioni. Chi ha bisogno di ragioni quando ha l'eroina?
La gente pensa che si tratti di miseria, disperazione, morte, merdate del genere che pure non vanno ignorate. Quello che la gente dimentica è quanto sia piacevole, se no noi non lo faremmo. In fondo non siamo mica stupidi, almeno non fino a questo punto, e che cazzo! Prendete l'orgasmo più forte che abbiate mai provato, moltiplicatelo per mille, neanche allora ci siete vicini.

Quando ti buchi hai una sola preoccupazione: farti. E quando non ti buchi di colpo devi preoccuparti di tutto un sacco di cazzate [...] a tutte quelle cose che invece non contano quando hai una onesta e sincera tossicodipendenza.
Film famosissimo che fece scalpore, non ammette vie di mezzo: o lo si adora o lo si disprezza.
IO L'ADORO!

In poche parole è la storia di un eroinomane, della sua vita allucinante e dei suoi amici, compagni di siringhe, dei familiari, ecc... . I luoghi sono la Scozia, con qualche capatina a Londra.
E' girato con grande velocità. Alcune scene sono letteralmente storiche, come quella che descrive quando lui è a rota in casa sua, quando i genitori decidono di farlo smettere, soprattutto il particolare di quel bambino...

Non mi va ora di fare discorsi sulla droga e sui drogati. Dico solo che questo film è molto sincero e, per una volta, non parla di disadattati con storie familiari strane, ma solo di disadattati a cui piace drogarsi.

Un cult-movie.


8 commenti:

  1. Anche io me lo ricordo in particolare per quella scena agghiacciante e per la colonna sonora, azzeccatissima.

    RispondiElimina
  2. Altro che "Requiem For A Dream", questo è un film sulla tossicodipendenza. Niente moralismi, niente "fighismi" visivi, solo la messa in scena di quello che è il mondo della tossicodipendenza: merda a palate. Il tutto condito da abbondante ironia, for sure.
    Del Boyle del periodo mi piace assai anche "Piccoli omicidi tra amici", un gioiellino dimenticato.

    RispondiElimina
  3. di Piccoli Omicidi sto cercando la versione originale coi sub, quella italiana è stata tagliata...

    RispondiElimina
  4. Ecco i sottotitoli: http://it.podnapisi.net/it/shallow-grave-1994-sottotitoli-p580465 . Il film lo trovi facilmente sul torrent/mulo/megaupload.

    RispondiElimina
  5. uuhhh... grazie! :)
    guarderò a breve allora...

    RispondiElimina
  6. Ecco lo sapevo che l'adoravi. Uno che mi disprezza il direttore generale....figurati....hihihi. No va beh ma io sono prevenuta perchè quando l'ho visto...non sono stata bene di stomaco...ma che ne so. E poi quello che mi è rimasto impresso era il water...cheneso. ah... V per vendetta? Non fregarmi che poi li trovo da sola.:)))

    RispondiElimina
  7. ce sta "V", ce sta!!!
    questo è uno di quei film che ne riescono quasi per sbaglio ogni tanto così bene.

    RispondiElimina
  8. Ehilà ne ho parlato proprio poco fa da me ecco il link http://lafabricadeisogni.blogspot.it/2012/08/trainspotting.html, un abbraccio ^^

    RispondiElimina