mercoledì 7 luglio 2010

9 Songs

9
2004, Michael Winterbottom.

Film tutto musica e sesso, breve e intenso. E una volta tanto, sesso vero e senza veli, solo il preservativo.

Una coppia di giovani a Londra, raccontata come memorie da lui che ora lavora come geologo in Antartide. Lui inglese, lei americana. Un rapporto d'amore intenso, soprattutto sessualmente, la passione condivisa per la musica, ma non c'è altro, nonostante tutto nessuna ipotesi di una vita insieme se non per quel breve periodo, prima che lei torni al suo paese.

9 canzoni in altrettanti concerti, quasi tutte pop-rock ma non sono un esperto e svicolo l'argomento, belle e non dico altro, e tra una canzone e l'altra la loro vita di coppia, pochi dialoghi, molta pulsione sessuale. Un film vero ed esplicito quanto il sesso che viene esposto: chi a 20-21 anni non viveva così? Qualche sfortunato forse, o con altri interessi, personalmente ho sognato ad occhi aperti, ringiovanito di oltre 20anni, che momenti meravigliosi della mia vita, e che bello vederli riprodotti per filo e per segno. Storia vera e come tale mostrata.

L'amore, il sesso, non è pornografia. Film v.m.18, d'altro canto cosa tagliavano? Già dura 65 min, più della metà del tempo a letto a darci che ci do, diventava un corto per altro insignificante. M'è piaciuto molto, per motivi già detti.

La recensione sarebbe anche finita, ora passo in Modalità Predicatore Rap de noartri, scusate ma i film li guardo per questo, emozionarmi, divertirmi e quando si può farci su qualche riflessione.

Non condivido certe osservazioni lette qua e là, e non mi riferisco certo a quelle bacchettone, e quindi stupide in quanto tali. Nemmeno se le avesse dette Winterbottom in persona le condividerei, perché un film una volta che è fatto è fatto, diventa di tutti, e io, di per mio, decido che valore dargli.
Mi riferisco a quelle "voci" che vogliono questo film come rappresentazione di un sesso fine a sé stesso, senza sbocchi, vite aride alla sola ricerca del piacere. Be', a parte il fatto che i 2 giovani si amano, e si desiderano tantissimo come conseguenza, a questa opinione rispondo con un caustico Vaffanculo, è un'altra forma di bacchettonismo intellettuale intollerabile. Ma dico io!, a 20anni, giovani, belli, pieni di vita ed energia, cogli ormoni a palla, ma che cazzo si deve fare se non approfittare a più non posso di gioie che non saranno più ripetibili? Sono anni che vanno colti, ed anche se acerbi quei frutti sono i più gustosi della vita. Ma sì, si fanno qualche canna, tirano un po' di coca, e allora? "Ah ma insomma, e l'amore, dove lo mettiamo, il progetto di una famiglia, dei figli, bla bla bla..." ma non rompiamo il cazzo ai giovani porcaccia la miseria!, devono pompare sangue, hanno l'argento vivo addosso, che invidia! beati loro, altro che storie. Ci sono 2 categorie d'invidiosi: quelli che criticano e che nei casi limite vogliono persino vietare agli altri quello che loro non sono in grado di fare; quelli che sgranano gli occhi e sono contenti per chi può. Appartengo senza meno alla seconda categoria.

Non ci credo personalmente, ma se un dio esiste allora hanno sbagliato a dargli un nome, non occorreva coniarne uno nuovo, ce n'è già diversi di sinonimi: arte, musica, e tutto quanto dà gioia di vivere e senso alla vita, ultimo ma non ultimo il sesso.

Cari amici giovani, e anche meno giovani per chi può, in verità vi dico: scopate, scopate, e quando avanza del tempo scopate ancora che è la cosa più bella del mondo! Imperativo categorico. E fatelo con fantasia, studiatevi i corpi, assaporatene ogni odore e sapore, è bellissimo! Quando sarete vecchi puzzerete pure a lavarvi ogni mezzora, la pelle prolasserà e mostrerà crepe, gli ormoni latiteranno, i peli incresperanno, vista e udito e sensi assortiti s'indeboliranno, e via imbruttendo; non ci sarà possibilità alcuna a quel punto di recuperare il tempo perduto.

Chi vuol essere lieto sia, del doman non v'è certezza, tranne la caducità della vecchiaia, quella col tempo è garantita a tutti.

Robydixit.

9 commenti:

  1. Nella frase "Più di metà del tempo a letto a darci che ci do" mi hai ricordato il grande Loris Battacchi... fiuuuuu... ufficio pacchi! :D

    RispondiElimina
  2. ahah! da Fantozzi subisce ancora: Pina e Ugo scoprono che Mariangela aspetta un figlio: il padre del nascituro è Loris Batacchi, suo collega di lavoro alle poste (la sua mansione è quella di "Capoufficio... pacchi"). Fantozzi e la Pina, sotto mentite spoglie, si recano a casa di quello che considerano il loro futuro genero ma scoprono che il Batacchi, volgare latin lover bolognese, ha messo incinta la loro figlia per scommessa: "un milione se ci davo all'orango!", gesùggesù :D

    RispondiElimina
  3. Ti rispondo con un poco bacchettone massì sesso ma facendo alcune considerazioni sul film dalla parte della musica perché da quella son stata 'colpita' in questo film. Tutti gruppi e cantanti che ascolto e che amo, specialmente Nyman, Black Rebel…, Elbow e The Dandy… Ma dissento con te sull'età che non permetterebbe più determinate esperienze! Per quanto mi capiti ho sempre ascoltato i ragazzi e le ragazze (ho la possibilità di avere contatti con gruppi di adolescenti e più sù e affrontiamo sempre l'argomento sesso) e quel che noto è che la curiosità di una volta è praticamente scomparsa! E secondo me è questo il motore che scaldava ai nostri tempi! Son freddi e indifferenti e purtroppo considerano il sesso solo una ginnastica da praticare, un 'compito' da svolgere, una medaglia da esibire. Sono malinconica al riguardo, perché sia per amore sia per curiosità io lo assaporavo e continuo a farlo con fantasia. Ecco il film ha buoni spunti: non censura, racconta dal punto di vista dei giovani, la musica sottolinea, ma nonostante questo non m'è piaciuto, mi sono annoiata, come a volte si annoiano loro… con l'età si maturano alcune scelte e anche un corpo non più muscoloso e sodo può diventare una meravigliosa mela da addentare! "Love burns society" ecco, per me brucia ancora! "c'mon c'mon", solo cenere!

    RispondiElimina
  4. hai ragione, nel senso che anch'io dissento da me stesso, ogni età va bene, ma hai colto lo spirito con cui ho detto certe cose? sicuramente :)
    musica: Nyman era il solo che conoscevo O_O
    come hai letto, sul film ho detto poco ché poco c'era da dire. ;-)

    RispondiElimina
  5. sì lo spirito è: 'diamoci dentro che ancora abbiam cartucce' ed esponiamo poco che sennò i ciovani ci invidierebbero! XXXX:D

    RispondiElimina
  6. ahah! giusto cara petrolio, e onore al merito per aver partecipato a questa recensione sconcia :P
    domani, per la legge del contrappasso, ci sarà un dolcissimo film cinese ;-)

    RispondiElimina
  7. Congratulazioni, hai vinto il premio Dardos passa a ritirarlo.

    RispondiElimina
  8. molto belle le musiche adoro gli elbow ,geniale alison goldfrapp,BRMC ...nyman un luminare che proprio non sopporto ma è unproblema mio:)
    boh a-parte il sesso esplicito...sono emozioni che chi ha seguito molti concerti rock (poi mettetigli i nomi che volete brithpop electronic pop,alternativepunk,progressiv,grunge,shuk e amenità varie) e vissuto l'ambiente la vibrazione che si respira e un certo modo d'intraprendere le giornate "al concerto" trovo verosimile la storia ...come tanti amori legati alle vacanze estive...mi spiego meglio se dai 15 20 anni vai in vacanz acon gli amici a cattolica riccione...trovi un ambiente più predisposto rispetto a cervinia...come se segui e vivi rocckamnete la tua giovinezza anziche andare seguire opere e operette avrai più possibilità di vivere situazioni sopralerighe e di queste "avventure" rimangono ricordi da condividire con gli aamici ...ricordando quando eravamo Re e Regine:)

    personalmente non ci vedo una trattato sulla decadenza odierna o un messaggio forte di trasgressione ma un film in cui si vede sesso con una colonna sonora rock...nonostante l'accostamente non mi ha colpito per niente...a differenza del mirabolante fuga dal mondo dei sogni ;)

    ps: se l'avete visto con la vostra donna o uomo sicuramente un "ciulino" cè scappato vero? :-D rob tu avrai praticato l'autoerotismo o peggio? :))


    adesso che hai vinto il premio zardos si può scrivere ciulino nel tuo blog? :)

    asta l mescal siempre

    RispondiElimina
  9. grande Paul, non mi potevi mancare su questo film, ahah!
    ciulino si può scrivere, anche autoerotismo, no limits in this blog :D
    cos'ho fatto io? solo appagamento mentale ovviamente, per risvegliarmi l'ormone ci vuole ben altro alla mia età.

    RispondiElimina