giovedì 1 luglio 2010

Ghost Dog - Il codice del samurai

17
1999, Jim Jarmusch.

Dichiarato omaggio al capolavoro di Melville "Le Samourai", non ne ripercorre la strada, non è un remake, è una cosa "alla Jarmusch".

Ambientato in un'america che assume l'aspetto che Ghost Dog, killer afroamericano solitario (ottima prestazione di Forest Whitaker) ed abilissimo, gli vuole dare, all'inizio lascia un po' così, straniti, poi si entra nel personaggio, sembra di vedere una specie di manuale d'uso del film di Melville. Ghost anni prima era stato salvato da un linciaggio grazie all'intervento di un mafioso italo-americano e da quel momento decise di ripagarlo con una devozione assoluta.

Studioso del Bushido, il Codice dei Samurai, e cultore dell'antica cultura giapponese in generale, l'applica con cura nella sua vita. Ogni situazione trova nel Codice risposta adeguata ed opportuna, la sua visione della vita non prescinde mai da esso. E' anche un allevatore di piccioni viaggiatori, che usa per comunicare, ma ama gli animali in generale.
Nell'ultimo incarico che il suo "padrone" gli dà, non per colpa sua si trova a commettere un affronto al boss dei boss e decidono che deve morire. Inizia una sfida nella quale si trova a dover scegliere se vivere lui o il suo padrone ed il codice ha una risposta precisa anche per questa situazione.

Andamento da hip-hop lento per Ghost, mafiosi spietati ma piuttosto stupidi, quasi caricaturizzati (e francamente, il ritratto gli sta proprio bene!), brevi pezzi di storici cartoons che anticipano metaforicamente quanto accadrà subito dopo, brani del Bushido riportati scritti che rispondono a quanto avvenuto e dovrà poi accadere, c'è un vago sapore di fumetto-noir che avvolge tutta la storia.

M'è piaciuto, un film originale, particolare, con sprazzi anche divertenti.
Inutili i paragoni con il samurai di Melville, film troppo diversi.
Visione consigliata.


17 commenti:

  1. Ghost Dog l'ho visto con degli amici ad un vecchio "cineforum" che facevamo il giovedì... Hai presente una stanza, birra a fiumi, una tv, un lettore dvd e 4 amici? Piacque quasi a tutti, ricordo voti tra il 67 e l'83 più o meno... Io pure ne rimasi favorevolmente colpito, anche se ammetto che ero mezzo sbronzo. :D

    RispondiElimina
  2. vedo sempre i film da solo, ma se devo immaginare una situazione in compagnia quella che descrivi è l'ideale! :D
    il cinema, a parte lo schermo grande, mi stufa, nessuna pausa, non ti puoi muovere...

    RispondiElimina
  3. Proprio un bel film. Un po' perché adoro Withaker, un po' perché mi è piaciuto l'esperimento nel voler mescolare le regole secolari dei samurai all'era moderna:)

    RispondiElimina
  4. di Jarmush per ora ho visto solo Dead Man, questo sembra promettente...

    RispondiElimina
  5. @ale: dead man l'ho visto ieri, la rece uscirà fra qualche gg, niente male! se t'è piaciuto ti piacerà anche questo.

    vitone! è un po' che non mi faccio in vena un bell'horror, ma guarda il film della rece precedente, c'è qualche scena interessante :)

    RispondiElimina
  6. piaciuto assai..resto dll'idea che dead man sia il miglior film che ha fatto,però questo è molto buono..poi ovviamente amo moltissimo stranger than paradise,sarà perchè c'è il divino john lurie

    RispondiElimina
  7. stranger è da mo' che ce l'ho segnato, bravo brazzz. guarderò presto, sono in fase Jarmusch oltre che asiatica :)

    RispondiElimina
  8. questo è un capolavoro, un film ricchissimo di riferimenti diversi mixati in maniera geniale e con un protagonista all'interpretazione della vita

    sull'opera di jarmush nel complesso però ho qualche dubbio maggiore. l'ultimo the limits of control è talmente estenuante e noioso che non sono nemmeno riuscito a vederlo tutto...

    RispondiElimina
  9. ciao Marco!
    addirittura un capolavoro? e per il film di Melville allora dobbiamo inventarci dei termini nuovi, ahah! mi pare eccessivo, opinione personale...

    RispondiElimina
  10. Lo vidi un po' di tempo fa ma è un film che mi è rimasto
    un saluto

    RispondiElimina
  11. jarmush è riuscito a farmi piacere perfino benigni, quindi indubbiamente ha qualcosa in più. Ghost dog l'ho rivisto diverse volte, mi piacciono troppo i mafiosi sconclusionati (caricature, ma nemmeno troppo...). ma la parte che mi piace di più sono i dialoghi con il gelataio haitiano.

    RispondiElimina
  12. ah sì, il gelataio! simpaticissimo. peccato che ci capivo poco ché parlava in francese ;-)

    @Ernest: ricambio il saluto :)

    RispondiElimina
  13. fa ridere perchè in pratica ripete tutto quello che gli dice ghost dog, senza saperlo peraltro...

    RispondiElimina
  14. davvero? ahah! questa è bella :)

    RispondiElimina
  15. adoro jim jarmusch daunbailò da trasmettere nelle scuole, ghost dog è unpo il film d'azione "secondo jarmusch" mi è piaciuto :)

    broken flower na palla ma belllissima

    RispondiElimina
  16. toccata e fuga dal buon robydick, anche se, come indovinato da un paio di miei commentatori, pur avendo ripreso a postare sono ancora, vergognosamente, in vacanza... ma non potevo esimermi dal dire che questo è un film splendido, anche se per me il capolavoro di jarmusch rimane Dead man... :-)

    RispondiElimina
  17. ciao Nick! beato te per le ferie.
    Dead Man già visto, la rece uscirà il 17-7 p.v. ;-)

    RispondiElimina