domenica 16 dicembre 2012

Man on the Moon

19
1999, Milos Forman.

La biografia dell’attore Andy Kaufman, vera star della trasmissione mito Saturday Night Live, interpretata da un grandissimo Jim Carrey, ancora una volta in un ruolo impegnativo. Andy Kaufman era un comico sui generis, diverso dagli altri che fanno solo battute e ti fanno ridere; lui preferiva fare spettacoli, e la sua forza stava nell’interpretare personaggi stralunati come lo straniero diventato celebre nella sitcom Taxi come Latka Graves o anche il suo alter ego Tony Clifton che beve, fuma e urla alle persone.

Man on the Moon alla sua uscita è stato un film incompreso ma bellissimo, e la cosa più sorprendente che una pellicola del genere alla sua uscita non ha ricevuto il riconoscimento del pubblico che merita, ma come spesso accade certe pellicole vengono riscoperte e apprezzate nel tempo. Non è il classico biopic, non è neanche un film comico. Per la prima volta un attore come Jim Carrey coraggiosamente accetta un ruolo complesso di una persona realmente esistita, in cui è riuscito a calarsi totalmente. Persino Danny De Vito, suo partner del film, ha detto che Jim era fuori dal set, per il resto ho visto Andy insieme a noi.

L’ascesa e la caduta di un attore mito come Andy Kaufman, la cui fama purtroppo è rimasta solo dentro gli Stati Uniti. Non è la prima volta per Milos Forman nel girare biopic, si ricorda precedentemente un'altra sua pellicola Larry Flynth – Oltre lo scandalo.

Il progetto è di gran lunga diverso dal solito film comico e dalla commedia godereccia, chi si aspetta crasse risate dovrà ricredersi e forse anche per questo che il film non ha funzionato. Ma il film risulta coinvolgente e appassionante, dalla prima all’ultima scena, con momenti davvero esilaranti, come la gara di wrestling con le donne, e le improvvisate nei panni di Tony Clifton.
Il cast del film è stellare, ci troviamo attori come Danny De vito – che ha conosciuto davvero Kaufman perché recitava nella sitcom taxi – che interpreta l’agente che scopre Kaufman e che lo fa conoscere al grande pubblico, Courtney Love – che interpreta Lynn la moglie di Andy Paul Giamatti nel ruolo del compagno/partner di Andy George Szmuda.

Un piccolo grande film con attori straordinari, ma la ciliegina sulla torta è l’interpretazione assolutamente naturale e intensa di Jim Carrey – che nella vita è un vero fan di Kaufman, tanto da essersi ispirato a lui per il suo lavoro di attore comico – che personifica in maniera impressionante Andy.
Man on the moon è un film complesso e coraggioso, che risalta soprattutto nella sostanza e nella forma più che nella superficialità forse per questo non è stato compreso alla sua uscita. Ma resta comunque il fatto che sia un opera molto coinvolgente che conquista lo spettatore, e forse con il tempo in tanti lo rivaluteranno. Bellissima la colonna sonora firmata dai Rem che sono veri fans di Andy Kaufman, il titolo del film Man on the moon è tratto da una loro canzone, che si sente spessissimo nel film.

In conclusione, un piccolo grande film, guardatelo sono sicura che alcuni di voi lo apprezzeranno.

ArwenLynch


19 commenti:

  1. sono del tutto d'accordo, tranne sul piccolo, è un grande film, e basta :)

    RispondiElimina
  2. ciao Francesco! un saluto intanto... è un gran personaggio Kaufman, quello sicuramente. mi sono divertito parecchio a vederlo. questo è uno dei casi dove invidio molto chi può apprezzarlo in lingua originale. per quanto si siano sforzati i doppiatori, inevitabilmente qualcosa abbiamo perso.
    Jim Carrey è uno dei migliori attori in assoluto, cosa che penso dall'acchiappanimali, figuriamoci qua

    RispondiElimina
  3. Se non è stato già recensito mi prenoto per "Lenny" interpretato magnificamente da Dustin Hoffman. Si tratta della storia del re della satira contemporanea: Lerry Bruce.

    Che dire del film che recensisci? Un grande film e due grandi comici: Kaufman e Carrey. L'ho visto più volte e sperimento sempre quel misto tra risate e magone che contraddistinguono le grandi commedie, anche se stiamo parlando di un film biografico.

    RispondiElimina
  4. "LeNNy Bruce", ovviamente, non "LeRRy", scusate il lapsus.

    RispondiElimina
  5. Lenny è tutto tuo Giovanni. manca anche Larry Flynth ;)

    RispondiElimina
  6. ah grande grande film larry flynth, mi sa che recensisco anche qualche altro film di carrey, te lo mando a giorno robertino :)

    RispondiElimina
  7. benissimo Arwen, quando vuoi! :*

    RispondiElimina
  8. Un gran film, un gran attore, un grande comico!

    RispondiElimina
  9. Ancora un'ottima scelta per una recensione dell'amica Arwen.
    Anche io un paio d'anni fa ne parlai in toni entusiastici. Ritengo che Carrey sia davvero un grande attore, ma non digerisco i 3/4 di film che fa, purtroppo; qui, invece, è magnifico lui ed è magnifico il film, roba da farlo ripartire da capo l'attimo dopo che è finito. Stupendo!

    RispondiElimina
  10. Quoto tutto. Man on the moon è una perla.

    RispondiElimina
  11. Era bellissimo "Taxi", con Judd Hirsch grande attore, Christopher LLoyd,Danny De Vito, Marilu Henner (bellissima ne ero innamorato, Tony Danza,Carol Kane, Jeff Conaway. Che cast irripetibile oltre a Kaufman/Latka Gravas, -non Graves-, era un personaggio greco la al solito bravissima Kane era sua moglie, Simka come la macchina. Il meccanico dall'accento e le interlocuzioni incomprensibili, ben tradotte nel doppiaggio italiano, e ci credo cazzo, lo doppiava Mino Caprio, mica un Andrea Ward del piffero. Che bello, bei tempi. Lo davano su Retequattro la notte, era l'83, l'84...Belle estati...In America era già finito, quinta e ultima serie.Poi fino a un a decina d'anni fa lo replicava nei pomeriggi il benemerito Canal Jimmy del fu bouquet di Tele+ e poi Sky. Finalmente recuperi i mancanti e gli ri-registrai tutti.
    La sigla italiana era bella...che bella..."Bugiardi noi" di Umberto Balsamo, altro che quel finocchione insopportabile di Battiato.
    il film di Forman invece è come "Larry Flint", sopravvalutatissimo e purtroppo insignificante rispetto a quello che è stato davvero il personaggio, l'epoca e la/e storia/e che pretenderebbe di narrare e restituire. Purtroppo Forman era già da tempo finito.
    Soprattutto se si pensa che è un cineasta il quale ha realizzato in passato solo capolavori o quasi come "Qualcuno volò sul nido del cuculo"('76), "Hair"('79), "Amadeus"('84).
    Per (ri)scoprire e poter apprezzare davvero chi era Andy Kaufman, rivedersi appunto le puntate di "Taxi", non l'insopportabile attore più sopravvalutato e imposto per marketing di Hollywood, Jim Carrey, che soltanto come protagonista di "Majestic"('019 si salva. E grazie al c., potrà dirmi qualcuno, è un film di Frank Darabont. Se non riesce a "limarlo" e moderarlo un autore come lui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi sembra così sopravvalutato Jim Carrey, anzi semmai è il contrario :) cmq rispetto il tuo parere anche se non lo condivido ^_^

      Elimina
    2. E non sono d'accordo sul fatto che Carrey sia stato imposto dal marketing, se non sbaglio ha rinunciato al suo cachet per interpretare Kaufman di cui è un grande fan e il film non è che sia stato sto gran successo al botteghino, anzi è un film che piace a un numero ristretto di persone, quindi possiamo definirlo un film di culto che non ha nulla a che fare con il marketing di hollywood.

      Elimina
  12. E' un film sopravvalutato, Da 1 a 10 è sopravvalutato 11.Difatti dopo Forman è tracollato quasi ignominosamente. Parlate di "Lenny", non c'è proprio confronto tra i due. E Carrey se lo può permettere ogni tanto di lavorare al minimo sindacale, tra un simil-"The Mask" è l'altro. Quel film con i pinguini in CGI, dell'estate scorsa e quella prima, che fu anche un flop in patria, come si potrebbe definire se non in linea con la sua "evoluzione" artistica, che è tornata eccome al punto di partenza? Pienamente conforme invece, a quello che è ed è sempre stato. Del resto, anche "The Truman Show" è un film enormemente sopravvalutato e negli anni non lo ho sostenuto soltanto io, e Weir è un regista che solitamente mi piace, e molto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sinceramente parlando se fosse sopravvalutato Man on The Moon non posso darti ragione, poi se ha fatto un film di pinguini ed è andato male già subito a buttarci dentro, ti ricordo che ha fatto quel capolavoro Se Mi Lasci ti cancello dove gli hanno tessuto lodi a non finire, ed è uscito dopo Man on The Moon è evidente che a te Carrey non piace, rispetto il tuo parere ma non lo condivido. Comunquesia Carrey è anche un comico, che non si è limitato solo a fare l'acchiappaanimali, o film di pinguini, ha fatto anche altri film e tutti osannati da critica e pubblico, che lo ha laureato a ripetizione. Poi Man on the Moon non ha avuto successo al botteghino, è stato un flop, ma è di gran lunga un film incredibile soprattutto per la straordinaria performance di Jim Carrey, ti consiglio di guardarti meglio i suoi film :)

      Elimina
    2. Poi The Truman Show non è un film sopravvalutato anzi, è un capolavoro il cui merito è stato quello di anticipare l'arrivo dei reality nella televisione, capisco che non ti piaccia ed è un conto, ma non si può parlare di questi due grandi film come opere sopravvalutate, posso capire se si parla di Ace Ventura, ma di questi film proprio non lo capisco.

      Elimina
    3. Un ultima cosa e poi concludo, ma chi lo dice che The Truman Show è sopravvalutato? Finora tu sei la prima persona che ne parla in questo modo :)

      Elimina
  13. aho, nun me toccate Ace Ventura che me 'ncazzo eh!!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No non t preoccupare, io sono una fan del mitico ace ventura hahaha XD

      Elimina