giovedì 6 dicembre 2012

Cross of Iron - La Croce di Ferro

6
1977, Sam Peckinpah.

Il potere di Peckinpah non è mai stato così reale ... O così brillante!”
Gli uomini in prima linea dell'inferno.”
Frasi di lancio originali del film

Era un brutto bastardo. Ma una volta visto il film finito, ti rendevi con ammirazione conto che tutto era giustificabile.”
James Coburn su Peckinpah e la lavorazione del film, nell'intervista contenuta nel Blu-ray statunitense.



Il Colonnello Brandt/James Mason : -”Che cosa faremo quando abbiamo perso la guerra?”
Capitano Kiesel :- “Ci preparare per la prossima. “

Capitano Kiesel :- “Steiner ... è un mito. Uomini come lui sono la nostra ultima speranza ... e in questo senso, è un uomo veramente pericoloso.”

Capitano Stransky/Maximilian Schell :- “Io vi mostrerò come combatte un vero ufficiale prussiano.”
Sergente Steiner/James Coburn :- “Allora io vi mostrerò, dove crescono le croci di ferro.”.

Capitano Stransky :- “Va bene. Lo farò. Io vi mostrerò come un ufficiale prussiano combatte.”
Sergente Steiner:- “E io vi mostrerò dove le croci di ferro crescono.”

Kern/Vadim Glowna :- “Credi in Dio, sergente?
Sergente Steiner :- “Credo che Dio è un sadico, ma probabilmente lei nemmeno lo sa.”.

Tenente Triebig/Roger Fritz : “E' stato tutto un ordine di Stransky! Non ho avuto alcun ruolo in esso!”

Il Colonnello Brandt/James Mason :- “Perché ha chiesto di essere sollevato del dovere in Francia?
Capitano Stransky :- “Volevo ottenere la Croce di Ferro.”
Il Colonnello Brandt :- [Prendendosela in tasca] “Sono in grado di dargli una delle mie.”

Klaus Lowitsch :- “Rimango sporco per un motivo. Se siete stati in campo fino a quando ci sono stato io, dovete sapere perché.” Sergente Steiner -”Spiega.”
Unteroffizier Krüger :- “Oli per il corpo naturalmente, in combinazione con lo sporco, si può essere impermeabili.”
Capitano Stransky :-” Chi è questo? “
Sergente Steiner - “Il Caporale Schnurrbart, signore.”
Capitano Stransky :- “E l'altro?”
Sergente Steiner :-” Questo è un prigioniero russo, signore.”

Sergente Steiner :- “Gli spari lei ... signore.”
Capitano Stransky :- Lo farò ... sul posto.”
Capitano Stransky :- “Un mondo senza donne. E' una vecchia mia teoria . Gli uomini possono fare a meno delle donne facilmente. Facilmente. Vi dico che il vero destino di un uomo non è solo l'allevamento dei bambini, tutto questo parto è, ma di essere liberi. Per governare e di combattere. In altre parole: di condurre l'esistenza di un uomo. Le donne non sono altro che un fastidio. A volte necessario.”

Sam Peckinpah è - adesso - tra i registi più rinomati e rispettati del cinema, per lo più in particolare per “Il Mucchio selvaggio”, ma anche per alcuni altri classici percepiti come "Cane di paglia" e si potrebbe dire l'intera propria filmografia. Con “La Croce di ferro”, tra gli ultimi anni della sua tormentata e tumultuosa carriera, Peckinpah si concentra sulla seconda guerra mondiale, e in particolare (e coraggiosamente) la situa dal punto di vista dei soldati tedeschi mentre combattono sul fronte russo.

L'esercito tedesco che vediamo (il film è in inglese, e Peckinpah invece dà solo a tutti un leggero accento tedesco) è un plotone di commilitoni che in pratica vivono soltanto in galleria sotterranee che sono scavate dalle trincee in una posizione difensiva, trattenendo i russi. Un arrogante, aristocratico ufficiale prussiano di nome Stransky (Maximilian Schnell, magnifico in una parte non certo gradevole), che cerca solo di raggiungere la medaglia della croce di ferro per saziare la sua famiglia, non importa il costo, viene assegnato come il nuovo comandante del plotone tedesco. Quando Stransky chiede al coraggioso sergente Rolf Steiner (James Coburn, con “Giù la testa” e “Pat Garrett e Billy the Kid”, forse nel ruolo cardine della propria carriera) di mentire testimoniando come testimone di un atto di coraggio che Stransky non ha commesso, Steiner si rifiuta e una battaglia di volontà tra i due uomini ne consegue.

Come previsto, Peckinpah porta qui la sua solita quantità di azione e gore, in entrambi i quali permane di alta qualità. E non essendo mai a spese del contenuto che è profondo e significativo. Il film permette meravigliosamente di simpatizzare con i soldati tedeschi, vedendo gli eventi dal loro punto di vista, testimoniando la loro natura amichevole e a comprendere la loro situazione, come se fosse la propria, con il pieno potenziale di alterare la percezione per il pubblico (essi parlano inglese e Stransky che annunciando il suo disgusto per il partito nazista a un certo punto aiuta troppo a empatizzarsi - e l'uso del termine "Il Fuhrer" diventa indignato). “La Croce di ferro” è ineffabilmente contro la guerra, probabilmente riuscendo ad essere uno dei film più antimilitaristi mai realizzati, uno di quei film di guerra nei quali si raggiungono dei livelli di allucinato e al contempo lucido mostrare di tutto l'orrore vero che porta la guerra come ad esempio nell'accecante “Va' e Vedi” (1985) di Elem Klimov, lasciando un ricordo indelebile nella mente dello spettatore.

La prima metà è molto più lenta e si impone con un impatto visivo sempre altissimo ma minore rispetto alla seconda. Infatti, non è che fino da abbastanza tardi nel film Steiner rifiutandosi di testimoniare per Stransky faccia sì che il conflitto inizi veramente. L'assalto al campo di soldatesse russe nel primo tempo (questa se ben ricordo è la situazione nella quale Stransky cerca di strumentalizzare l'accaduto), fornisce diverse scene d'azione allucinate e con il celebre ralenty marchio di fabbrica del regista utilizzato in numerose sequenze, ma a parte tutto questo ci vengono assieme fornite delle informazioni sulla fragilità degli uomini attraverso i loro dialoghi e reazioni. E' la seconda carica dei russi che veramente fa ingranare la marcia al film, come il nostro plotone è costretto a fuggire e a finire in profondità in territorio russo. Qui si assiste ad una serie di scene potenti quando il nostro gruppo si imbatte in una stalla piena di donne soldatesse dell'Armata Rossa che stanno dando un contributo di guerra dietro le linee, ma che sono in uniforme e sono armate. Diversi attriti morali entrano in gioco fra gli uomini, come alcuni di loro tentano di violentare le donne, o le donne falsamente li portano con sè, provando quindi ad ucciderli a metà del coito. Uno dei soldati tedeschi appartatisi viene addirittura evirato mentre la ragazza russa ha del sangue sulla bocca, in una tipica cruda visione peckinphiana Altri soldati, come lo stesso Steiner, scelgono di lasciare le donne sole e ad un certo punto arrivano addirittura fino a prendere la parte delle donne rispetto a quelle dei loro uomini. Come lo scenario si intensifica di drammaticità, esso permette che il dialogo diventi più profondo e significativo, e anche - Coburn offre alcune linee di dialogo particolarmente eccellenti e altamente memorabili, per esempio: "Credo che Dio sia un sadico, ma probabilmente lei nemmeno lo sa," quando Stransky gli chiede delle sue opinioni teologiche

Le interpretazioni di tutti sono splendide. Schell, grande attore, era nato in Austria, quindi l'ottimo accento tedesco che gli qui sfodera era per lui naturale. Altri come James Mason e David Warner gestiscono l'accento abbastanza bene, e Coburn è come al solito eccellente, nei panni dell' apparentemente duro, freddo e con più di un funzionale accento eroico, protagonista Steiner. Sia quelli infatti più in alto nei ranghi che coloro che hanno un grado più in basso sono a parità di spazio e siamo portati a simpatizzare con entrambi, il che rende abbastanza difficile decidere chi morirà per primo quando la situazione degenera. Steiner è senza dubbio il personaggio più giusto, scrupoloso e morale del film, Stransky è invece un manipolatore pazzo e senza scrupoli, amaramente deviato come quando vuol fare ingannare da sé un ufficiale a farglisi dire che goda della compagnia di altri uomini più che delle donne, fingendo che egli stesso la pensi così – comportando le immancabili sfumature omosessuali peckinphiane, che qui sono all'ordine del giorno- perchè solo così lo si può rimproverare e minacciare di fronte a tutti per la sua la vita come per quella degli altri in seguito), ci sono comunque anche altri uomini che lavorano a fianco di Stransky e che non avrebbero troppo buone intenzioni.


Nel complesso, “La Croce di ferro” di Peckinpah è oggi generalmente considerato per quello che realmente è ed è sempre stato, seppur all'epoca come ogni film di Peckinpah abbia scatenato e sia stato al centro di innumerevoli controversie, cioè di essere uno dei migliori film di guerra mai realizzati e forse uno dei pochi autenticamente risultanti anti bellici e militaristi nella rappresentazione così cruda, belluina nella violenza, e astiosamente anti eroica di quanto la guerra, ogni guerra anche quella apparentemente più “giusta”, sia quanto esista di più sbagliato. Tutto il film ha innumerevoli momenti veramente eccellenti, e che soprattutto nella parte finale sono uno dopo l'altro. Anche il resto è comunque di altissimo livello e intelligenza, con quel quid in più che dà rispetto ad altri film di guerra degli anni '70, l'allucinata e morbosamente affascinante visione di Peckinpah. Grazie anche ad uno script piuttosto sottile. Il finale è bellissimo, uno dei più belli che Peckinpah sia mai riuscito a costruire, ti inchioda con il massimo successo al potere che la guerra ha di far diventare pazzi gli uomini, e mette in evidenza puramente peckinphiana il punto che arriva dopo aver visto così tante atrocità tutto quel che puoi fare è ridere, con una conclusione coerente e al contempo surreale e massimamente efficace per l'intero film..Amiate Peckinpah oppure no, questo è innegabilmente un film straordinario, anche nelle sue scene spettacolari, da godere ad ogni visione come una nuova esperienza personale di enorme piacere.

Il VCD (Video CD) della Ocean Shores è di 133 minuti, la versione R Rated. Con un po 'di parolacce in più e brutalità.

Una versione lunga e fuori catalogo venne pubblicata su VHS nel 1982 dall'etichetta Merchant Nostalgie sostenendo di essere una versione di 143 minuti (la quarta di copertina dice così). Purtroppo è la comune versione a 132 minuti. La versione di 143 minuti non esiste.

Il DVD del 2000 pubblicato negli Stati Uniti dalla Henstooth video è la versione integrale di 132 minuti, ma è stata trasferita da un nastro VHS PAL e incorpora quindi la velocità, accresciuta del 4% del sistema PAL risultante in un film di 127 minuti di durata.

Il distributore americano tagliò il film a 119 minuti per la distribuzione nelle sale nordamericane. La versione internazionale è stata la versione non tagliata di 132 minuti che è la versione più comune oggi disponibile.

Due versioni sono state pubblicate anche in Germania, dalla durata di 122 e 133 min.

Esistono diverse versioni in Germania (TV e video) che sono tutte tagliate per ridurne la violenza.

Bambi Awards Anno 1977 Ha Vinto il Bambi Film - National a Lupo C. Hartwig
Golden Screen, West Germany Anno 1977 Ha Vinto il Golden Screen (Constantin (distributore)).

Il finale non era quello originale dello script. Al momento il film era a corto di soldi e così Peckinpah ha ottenuto da James Coburn la sua improvvisazione.

Le parole del testo della canzone il famoso "Kinderlied" che si sente sul montaggio all'inizio del film sono, in tedesco: Hänschen klein Geht allein In die Weite Welt hinein. Foto Hut und im Steht intestino, Ist. gar Wohlgemut. [Prima strofa] Il che, tradotto, significa: “Piccolo Johannes Lui è andato a vedere il mondo da solo con la sua persona e il suo cappello, Guarda, Lui è felice. Ma la sua mamma piange molto Ora lei non ha più avuto Johannes. "La fortuna troverà, ma si badi bene, ritornare dovrà da dove è venuto." Sette anni, Gioia e lacrime, Johannes appare in molti paesi. Poi pensò che avrebbe dovuto andare a casa e trovare- Ma ora lui non è il piccolo Johannes, No, ora è alto e grande Johannes. Alto e abbronzato, nel viso e sulle mani. Saranno in grado di conoscere quest'uomo? Una, due, tre possibilità di vederlo, non so chi potrebbe essere questo uomo. Anche Sis: "Chi è questo?" Non sai sachi è. Poi arriva la cara madre, vede a malapena i suoi occhi così chiari, dice: ". Mio figlio, Benvenuto a casa, Dio ti benedica mio figlio" [Tutti i versi]

Girato in Iugoslavia con il denaro messo da un tedesco occidentale produttore di porno.

La pistola che Stransky disegna per girare il prigioniero russo adolescente al primo incontro con Steiner è un modello 1934 Beretta.

Il generale tedesco che visita l'ospedale è interpretato da Robert Rietty

Sergente. Steiner, come ufficiale alle note ospedale, "è stato molto gusto." I suoi premi: la Croce di Ferro di seconda classe, Croce di Ferro di 1ª classe (raramente assegnato a militari di truppa), la Medaglia d'argento della ferita (3 volte separati feriti), il distintivo Assault Infantry (combattimento in 3 battaglie separate) e la rara Bar Combattimento Oro Chiudi .

Secondo Vadim Glowna, Peckinpah si beveva quattro bottiglie intere di whisky o vodka durante tutti i giorni di riprese e dormiva circa tre o quattro ore per notte

Questo è l'unico film sulla seconda guerra mondiale diretto da Peckinpah.

Questo film si chiude con la parte finale di un testo di Bertolt Brecht: Essa afferma: "Non gioire nella sua sconfitta, voi uomini per il mondo vi siete alzati e avete fermato il Grande Bastardo, Ma la cagna che lo portava lui è di nuovo in calore.".

Secondo James Coburn, Kris Kristofferson avrebbe avuto nel film un piccolo ruolo non specificato, ma ha dovuto abbandonare a causa di difficoltà di programmazione con l'impegno per un altro film.

Napoleone Wilson




























6 commenti:

  1. film veramente eccezionale, e scusa se mi limito a dire questo dopo la tua ottima rece. questo regista s'ha da completarsi da queste parti

    RispondiElimina
  2. si s'ha da completarsi..è uno deimiei 3 regiati più amati...

    RispondiElimina
  3. Un film veramente bello. Non saprei usare le parole di Napoleone Wilson, da cui ho imparato del resto altro in proposito, ma corrispondono a quanto ricordo io. Potrei solo aggiungere: un dramma di compiuta resa artistica.

    RispondiElimina
  4. Grazie Adriano, apprezzo i tuoi apprezzamenti e le parole.

    RispondiElimina
  5. semplicemente ;la guerra,i soldati,la violenza.Con piccole esplosioni di lirismo controllato.Immortale

    RispondiElimina