martedì 11 dicembre 2012

The Constant Gardener - La cospirazione

1
2005, Fernando Meirelles.

Amore. Ad ogni costo
Frase di lancio originale del film

Sir Bernard Pellegrin/Bill Nighy :- “Avete nulla di buono per andare a frugare sotto le rocce, Justin. Alcune cose molto brutte vivono sotto le pietre, in particolare nei giardini stranieri.”

Justin Quayle :- “Arnold Bluhm è gay, Bernard. Gli uomini gay non violentano le loro amiche.” Sir Bernard Pellegrin :- [confuso] “Bèh, ho conosciuto un paio di regine molto selvagge ai miei tempi.”

Tim Donohue/Donald Sumpter :-[dopo un inseguimento nel deserto] “Chi credevi che fosse stato?” Justin Quayle/Ralph Fiennes :- Vaffanculo, Donohue! Questo è un paese bandito!.

Tessa Quayle/Rachel Weisz :-” E' una cosa scandalosa. E' quasi se è: è un matrimonio di convenienza, e l'unica cosa che sta per produrre come prole è morta.”

Tessa Quayle :- “Pensavo che le spie sapessero tutto.” Tim Donohue :- “Solo Dio sa tutto. Infatti lavora per il Mossad.”

Lorbeer/Pete Postlethwaite :- “Le grandi compagnie farmaceutiche sono proprio come i trafficanti di armi.”


Lorbeer :- “Ho solo da dare il cibo alle donne, Mr. Black. Le donne fanno le case, gli uomini sanno fare solamente le guerre ... e booom. Adamo era la prima bozza di Dio - ha capito bene con Eva. Andatelo a dire ai tuoi lettori, Mr. Black.”

Tim Donohue :- “Posso uscire del Kenya. è ancora una delle poche cose che so fare bene. Inseriscila ora, e finita. Farò parola che arrivi alle persone giuste. Vai a casa ... e vivi.” Justin Quayle :- “Ma io non ho una casa, Tim. Tessa era la mia casa.”

[Ultime battute] Justin Quayle:- [sussurrando] “Tessa ...”

Justin Quayle- [Tessa dice a Justin di rallentare, volendo caricare una donna, il suo bambino, e suo fratello che camminano a 40 chilometri da casa loro] “Non possiamo coinvolgerci nella loro vita, Tessa.” Tessa Quayle-: “Perché.” Justin Quayle :- “Sii ragionevole. Ci sono milioni di persone, tutti hanno bisogno di aiuto. E' per quello che le agenzie sono qui per questo.” Tessa Quayle :- “Sì, ma si tratta di tre persone che possiamo aiutare.”

Tessa Quayle :- “Spiacente, ho appena ricevuto una sola domanda: che giustificazione è stata utilizzata dalla Gran Bretagna quando ignorando completamente le Nazioni Unite ha deciso di invadere l'Iraq?”Tessa Quayle :- O pensi che sia più diplomatico di piegare la volontà di una superpotenza e cortesemente prendere parte ad un sequel del Vietnam?”

Justin Quayle :- “Beh, ah, io non posso parlare per Sir Bernard ...” Tessa Quayle :- “Oh, ho pensato che era perché eri qui?”[Il pubblico ride alle lezioni] Justin Quayle :- “Beh, i diplomatici devono andare dove vengono inviati:-

Tessa Quayle “Così fanno labrador.” Justin Quayle -: Ssorridendo] “Eh ... Bèh, penso che il signor Bernard sostenga che quando i mezzi pacifici sono esauriti ...” Tessa Quayle :- “Esauriti? Mr.Quayle, non sono esattamente esauriti, stanno solo spendendo per i carri armati!”

Sandy Woodrow/Danny Huston :- “Non provare a giocare a fare il detective.”

[Prime battute] Justin Quayle :- “Oh, grazie Arnold. Io. .. Sono in grado di gestire questo. Ma io ancora non vedo perché non si poteva aspettare un paio di settimane. Perchécon tutto il senso che ci pyò essere, andare a Loki?”Tessa Quayle :- “Bèh, vogliamo sentire come parlerà Grace Makanga visto che non arriveranno a Nairobi.

Arthur “Ham” Hammond/Richard McCabe :- “Quindi, chi l'ha fatta franca? Non è, ovviamente, il governo britannico. Essi si limitano a coprire, come si fa, i cadaveri potenzialemente offensivi. Anche se non letteralmente. Questo è stato fatto da ignoti. Quindi, chi ha commesso un omicidio? Non è, ovviamente, l'azienda altamente rispettabile della KDH farmaceutica, che ha goduto di profitti record questo trimestre, e ora ha concessoa in licenza la ZimbaMed di Harare, per continuare a testare il Dypraxa in Africa. No, non ci sono omicidi in Africa. Solo delle morti spiacevoli. E da quelle morti che derivano i benefici della civiltà, benefici che possiamo permetterci così facilmente ... perché quelle vite sono state acquistate così a buon mercato.”

Poliziotto N°1/Peter King Nzioki :- “Per un diplomatico non sei un bravo bugiardo.” Justin Quayle :- “Io non sono di un livello molto alto.”. Sir Kenneth “Kenny” Curtiss/Gerard McSorley :- “Tu sei quello che passa per James Bond da queste parti. Come il servizio segreto di Sua Maestà a tirare un paio di cose. E' quello che fanno le spie, non è vero?” Tim Donohue :- “Davvero? Non sono proprio sicuro di quello che facciamo.”

Birgit/Anneke Kim Sarnau :- [Sulla sperimentazioni di farmaci] “Metti 50.000 dollari in mani giuste e si può testare l'acido della batteria come lozione per la pelle.”

Gli operatori umanitari sono stati [trasferiti in aereo da un villaggio prima da banda di razziatori. Justin prende a bordo na ragazza del villaggio locale] Jonah Andika/Sidede Onyulo :- “Mi dispiace, non posso prendere la ragazza.” Justin Quayle :- “Io non la lascio!“Jonah Andika :- “Stiamo solo permettendo di evacuare gli operatori umanitari.” Justin Quayle :-” Al diavolo ciò che è permesso! Guarda bene, quanto vuoi per lei? “[Tira del denaro fuori dalla tasca] Justin Quayle :- “Ci sono 800 dollari.” Jonah Andika :- “Non mettermi in imbarazzo! Non è possibile comprare questo. Le regole sono fatte per una buona ragione. Per favore.” Justin Quayle :- “Questa è la vita di un bambino! Non ci sono regole per coprire questo!” Jonah Andika :- “Guarda, ci sono migliaia di loro là fuori. Non riesco a fare un'eccezione per questo bambino, una.” Justin Quayle :- “Sì, ma questo è quello che può essere d'aiuto!”


“The Constant Gardener” è un sofisticato thriller politico tratto dal romanzo di John Le Carré dallo stesso titolo. Esso è uno stimolante sguardo offerto allo spettatore sulla situazione africana attuale, della quale siamo colpevoli e con complicità cerchiamo di tenere fuori della mente e fuori dalla vista. Un thriller di cospirazione culminante in una storia d'amore che segue un diplomatico britannico in Kenya, Justin Quayle (Ralph Fiennes), il quale contro tutte le probabilità vuole scoprire perché la moglie, Tessa (Rachel Weisz) è stata uccisa su un sentiero polveroso dell'Africa orientale.

Il film inizia con la fine del viaggio di Tessa, mentre il suo corpo mutilato è identificato in un obitorio in Kenya. Lo shock della morte di sua moglie e della presunta infedeltà con un medico nero fa precipitare Justin in una spirale. Di fronte a un fumus boni iuris di un delitto passionale tra 2 amanti, gli investigatori fanno marcia indietro dallo scavare sul lavoro di Tessa con i keniani poveri e la sua preoccupazione al riguardo degli apparenti sforzi umanitari di una società farmaceutica.

Dopo aver scoperto le lettere illecite nascoste da Tessa, Justin è scosso in indagando sulle ultime settimane prima della morte di sua moglie. Come un robot, Justin si riprogramma da un diplomatico mite ed educato ad un uomo deciso, spinto dalla rabbia e dai suoi crescenti dubbi sulle circostanze dell'omicidio della moglie che vengono alimentati dai suoi superiori. Si imbarca quindi in una missione in Europa al ritorno dai confini del continente africano.

Justin è sempre più a disagio per la relazione di Tessa con il suo confidente, Arnold Bluhm (Hubert Koundé), il medico nero, con il quale condivideva il suo idealismo e gli sforzi umanitari. Ciò sviluppa la suspense, mostrandoci sequenze di cui justin non era al corrente. Come il film ci mostra Justin che viene condotto lungo sbagliati sentieri, si costruisce anche l'empatia immediata per un personaggio delineato sempre più a tutto tondo.

L'odissea di Justin per trovare le risposte lo costringe a guardare attraverso gli occhi di Tessa. Continua ciò che lei aveva iniziato con i suoi sforzi per aiutare ferventamente gli indigeni indigenti, a cercare indizi, superare vicoli ciechi ed estirpare le false piste. Si costringe al suo cambiamento dall' essere un uomo avventato e ingenuo fino a trovarsi sul precipizio e di ammalarsi della sua crescente paranoia. La fase di scoperta del complotto e gli attori del film sollecitano lo slancio del film fino ad una seconda parte molto dinamica, mentre Fiennes offre una delle sue migliori interpretazioni, fino ad oggi che è diventato persino il nuovo “M” in 007 Skyfall” di Sam Mendes.
Fiennes, pur ricevendo meno candidature rispetto alla Weisz per diversi prestigiosi premi cinematografici (soprattutto la nomina della Weisz per la migliore attrice non protagonista agli Oscar di quell'anno), con la sua interpretazione travolge quella della Weisz. Il suo forte ritratto di un burocrate distaccato e pragmatico che diventa un uomo motivato e arrabbiato in cerca della verità è contrapposto a quello di Tessa Weisz, una testa calda radicale che combatte contro le ingiustizie del mondo lasciandosene coinvolgere fino a farsi travolgere.
La metafora dell' hobby di Justin, il giardinaggio, è poi utilizzata per descrivere la sua delicata personalità. Un "mondo senza erbacce", come dice Tessa, è il suo modo per tenere le cose perfette e controllate nel suo mondo, qualcosa che la relazione di Tessa sui test dianti. droga farmaceutica in Africa capovolge.
Questo film divenne anche un altro fiore all'occhiello per la Focus Features e il regista, Fernando Meirelles dopo il suo epico e sensazionale, “City of God” (Città di Dio), che si occupava degli ambienti poveri delle favelas brasiliane e delle limitazioni che sono , non soltanto viste dal punto di vista borghese. “The Costant Gardener” si adatta come un guanto al suo stile invocandone la simpatia e il senso di colpa per il circostante che i personaggi nutrono nell' immergersi nel corso della loro ricerca della verità.

Lo stile levigato e lineare di Meirelles nelle scene ci immette direttamente nel suo ambiente colorato e nello stato emotivo dei suoi personaggi. La sua cinematografia fantastica e colorata in Kenya lo rende uno dei più turistici impaginatori d'immagini, siamo trasportati in terre nelle quali molti di noi non osiamo neppure sognare di trovarsi un giorno. La tavolozza visiva rappresenta dunque l'anarchia e la confusione delle regioni nel nord-est dell'Africa. Una decisione ispirata che esalta ogni sfumatura e emozione provata ogni volta che viene mostrato un frammento di informazioni sulla morte di Tessa.
La colonna sonora di Alberto Iglesias (anch'egli ominato agli Oscar di quell'anno) è ossessiva ed estatica, andando dal celebrativo al cupo. La musica ricca e stratificata nativa della regione africana è sparsa sulle scene integrando in maniera incisiva le immagini.
Il lavoro di editing è uno dei più belli che abbia mai visto per l'anno 2005 (non c'è da meravigliarsi che fu anch'esso nominato per il miglior montaggio agli Oscar di quella stagione), mentre la storia passa continuamente dal passato al presente. Il suo ritratto triste di Tessa e il futuro di Justin nelle scene di apertura rendono i rari momenti di felicità gioiosa nei ricordi di Justin, diventando un'esperienza agrodolce come il mettere in discussione il loro impegno per l'altro e il loro destino finale.
Era adesso o lo era mai stata Tessa l'unico vero amore? O forse, egli è stato solo una vittima di una donna in fin dei conti insensibile impostata unicamente nei suoi modi selvatici dopo la storia d'amore che avevano condiviso , e che è stata prematuramente ostacolata dalla noia del matrimonio. Oltre alle questioni che attraversano la nostra mente, quella vera costante del film è l'amore che Justin prova per Tessa durante tutta la tortuosa e disarticolata narrazione.
La struttura enigmatica del romanzo è stato mantenuta, esponendola come una visione avvincente e non filtrata, della trasformazione di un uomo in un angelo vendicatore. Justin viaggia di paese in paese con un passaporto falso, come si impegna in attività investigative e di sfida che per lui si traducono nel ricevere messaggi minacciosi lasciati nella sua stanza d'albergo. Come una pagina di James Ellroy e “L.A. Confidential”, il viaggio di Justin per la verità è così banale che finisce per riempire pienamente il suo personaggio. E' in uno stile operistico come la passione e gli intrighi che i colpi di scena della sceneggiatura svolgano un ruolo fondamentale nella storia. I personaggi non sono come sembrano essere, attraverso i flashback e le rivelazioni episodiche, e cominciando ad avvicinarsi sempre più vicino alla verità.
L'aspetto thriller del film, anche se ben fatto è sminuito dalla necessità intrinseca della storia di rivelare una verità più grande di quella che è successa a Tessa. Vuole mostrarci una visione più profonda e uno spaccato della vita in Africa, quel di cui abbiamo sentito parlare, ma mai veramente voluto conoscere. Mettendoci il cuore, ma senza bisogno di mettere in discussione le sue motivazioni di creare consapevolezza nella regione. La risonanza della storia colpisce con i giochi di prestigio della messa in scena di Meirelles nella creazione di uno spirito indomito degli africani, mentre vengono risucchiati in un vortice di inquietante attualità.
I suoi sforzi sono selvaggiamente determinati a produrre in noi il cambiamento necessario affinchè si possa guardare il quadro più piccolodel privato dei due protagonisti da un punto di vista diverso. E' un documento di draconiano, austero “cinema-veritè” sul tema dell'avidità e della sofferenza. Non è posto solamente un problema africano, ma come anche un problema umano che abbiamo di fronte. Le verità schiude l'avvento di conati di vomito, essendo sempre triste e senza alcun segno di ottimismo possibile all'orizzonte.

La rappresentazione della vita nel Kenya post-coloniale è impressionante, anche se deprimente. Estratta la storia contenuta nel romanzo di Le Carre di riflessioni politiche e socio-economiche necessarie, questo film ottiene di darci un dialogo molto letterato e derivativo che come per il recente “La Talpa” non è di così facile accesso allo spettatore medio. Tuttavia, la natura della direzione di Meirelles prende spunto da inquadrature facilmente distinguibili di africani morenti e degli uomini in giacca e cravatta famelici accoppiati con le interpretazioni al top del suo cast, che come detto lo rende un film molto coinvolgente.
La burocrazia e la responsabilità della governance delle corporation sono messe sotto un microscopio, la loro indifferenza e la tolleranza per i mali necessari sono visti come il primo passo per gli atti più efferati e atroci. Come ad esempio le case farmaceutiche che riprovevolmente devastano l'umanità e la libertà degli africani ignari offrendo offensivamente poco o nulla a che gli africani, fissati da un prezzo misero sulle loro vita non possano fare altro che favorire i loro profitti in più «civili». La società ha percepito l'interesse acquisito nella situazione dei malati di Aids keniani il quale non è altro che una truffa per sfruttarli come manodopera a basso costo e cavie più efficaci per i loro nuovi farmaci.
E tutto questo ci lascia con un problema ansioso e pieno di speranza, ma piuttosto pesante per il fatto che questo film con la prospettiva desolante della vita in Africa, o forse della vita in generale dovrebbe raggiungere i nostri migliori propositi, e coscienze. O sarà questo solo un altro film in cui viene sfruttata per l'intrattenimento una realtà vergognosa e lurida da osservare da parte del pubblico in poltrona.
Elegantemente lavorata, la storia d'amore è ambientata nel mondo contemporaneo della politica globale, le intuizioni di Le Carrè delle macchinazioni di coloro che sono coinvolti potrebbero essere intese come frutto di una congettura, anche se vi è chiaramente una misura significativa della realtà nelle sue preoccupazioni circa l'influenza delle multinazionali e la loro capacità di esercitare ancora la loro influenza senza pietà fra le forze politiche.
Nonostante una trama pretestuosa e assenza di finzione, è una testimonianza molto ben realizzata a rendere ancora omaggio alla realtà per quanto riguardano per le violazioni umanitarie che hanno avuto luogo in Africa nella vita reale. Il gigante farmaceutico, della Pfizer, una volta ha somministrato un farmaco pericoloso in Nigeria per ottenere licenze dopo il divieto in altri continenti in cui è stato accertato che ha causato l'artrite.

P.S.: I risultati dei test anti-commercializzazione devono ancora essere pubblicati.
Purtroppo il film personalmente mi ha lasciato freddo e cinico, con la consapevolezza che non c'è fine in vista per gli orrori incontrati in Africa. È la realtà di una vita umana erogabile finalmente messa in finzione sotto forma di film d'azione fruibile dal più grosso pubblico possibile?
La vera gravitas della situazione, mascherata dietro il lussureggiante Sahara, ti colpisce nelle scene finali del film. Percorrendo l'intera gamma di emozioni quando ti rendi conto di essere stato preso in giro attraverso il dolore e poi la rabbia, e l'orrore, infine, la purezza del messaggio della storia . Non come “Hotel Rwanda” ma anche questo è un film che tiene lo spettatore emotivamente investito nella vita dei personaggi nei modi del suo messaggio clamoroso - se si può aiutare una persona, è comunque meglio che non fare nulla.

Lorbeer Marcus (interpretato da Pete Postletwhaite ) indossa un berretto da baseball che ha un quadratino giallo all'interno di un quadrato blu. Questo è il logo della Human Rights Campaign, una organizzazione non-profit che opera per la parità dei diritti basati sull' orientamento sessuale e l' identità di genere. È la più grande organizzazione di difesa gay, lesbiche, bisessuali, e transessuali negli Stati Uniti.

Il regista Meirelles ha fatto fatto pressioni per girare il suo film ilm in Kenya (dove la storia dovrebbe aver luogo) anziché in Sud Africa (dove la maggior parte dell'industria cinematografica si trova).

Ralph Fiennes da detenuto ha gestito la cinepresa per le inquadrature dal punto di vista di Justin.

Dopo le riprese, il Trust The Constant Gardener è stato impostato in modo da aiutare gli abitanti delle baraccopoli vicino a Nairobi dove la troupe era stata per le riprese.

La scena in cui Tessa ( Rachel Weisz) cammina attraverso la baraccopoli, e numerosi marmocchi le chiedono "Come stai?" e lei risponde "Sto bene, te come stai?" era senza copione. I marmocchi sono marmocchi reali che vivevano a Kibera e non extra, così non dovettero pagarli.

Il romanzo è stato originariamente vietato in Kenya perché raffigura la corruzione dei funzionari keniani.

Il personaggio di Tessa Quayle è basato sulla famosa attivista sociale e per la carità dei lavoratori Yvette Pierpaoli, che è stata uccisa nel 1999, con due altri lavoratori sociali quando il loro camion si è schiantato in Albania. Il libro è stato scritto in sua memoria.

L'attrice svedese Pernilla August aveva originariamente partecipato al film, interpretando una dipendente presso l'azienda canadese che era responsabile per la ricerca della droga. Il suo personaggio ha dato a Justin Quayle informazioni che lo hanno portato al dottor Lorbeer. Un momento dopo aver fatto questo, viene ucciso in un misterioso incidente d'auto. La scena è stata eliminata nel montaggio finale, ma appare tra gli extra del DVD.

Il numero di targa della vettura di Justin è 22CD 20K. Le lettere CD indicano che l'auto appartiene a un diplomatico.

"Huruma", il gioco che Tessa Quayle porta nel mercato, è stato creato da Nick Reding che ha giocato a Cricket nel film. E 'stato costruito a cura della compagnia Kizingo Arts.

Il produttore Simon Channing Williams ha acquistato i diritti del libro in anticipo prima della sua uscita nel 2001 con l'intento di portarlo sullo schermo. Al fine di ottenere da John Le Carrè il permesso per farlo, ha scritto una lettera a Le Carre e al procuratore Michael Rudell informandolo dell'intenzione e volò a New York lo stesso giorno. Questa è la seconda volta che Le Carré ha lavorato alla sceneggiatura di un film, la prima volta è stato per “Il Sarto di Panama”. Per garantire la precisione totale, la biologa molecolare e residente a Nairobi Bonnie Dunbar è stata portata come consulente del film.

Per preparare il film, Meirelles ha studiato il documentario della BBC di Michael Shelter e Michael Simkin Dying for Drugs”.

I serbatoi d'acqua installati dai registi, un ponte nuovo e un'aula a Kibera, la baraccopoli in cui è stato girato il film, sono poi rimasti. Hanno anche costruito una scuola secondaria nel deserto del nord del Kenya, dove sono state fotografate le scene finali.

L'Attrice danese Iben Hjejile è stata originariamente lanciata come Birgit la donna tedesca ed era stata inserita nei titoli per il ruolo. Quando i finanziatori tedeschi del film hanno scoperto che una danese era stato lanciata come una tedesca, hanno fatto in modo che un'attrice tedesca, Anneke Kim Sarnau , interpretasse il ruolo.

Originariamente era stato ingaggiato per la regia Mike Newell, ma egli abbandonò dopo che gli fu offerto di dirigere “Harry Potter e Il Calice di fuoco”. Per coincidenza, entrambi i film sono interpretati da Ralph Fiennes.

Eva Green era stata originariamente lanciata come Tessa Quayle, ma dovette abbandonare a causa di altri impegni. Kate Winslet, Sienna Miller, Naomi Watts, e Nicole Kidman furono provinate per sostituirla, ma soltanto Rachel Weisz ebbe poi il ruolo.

Primo di due adattamenti filmici dai romanzi di John Le Carrè con la colonna sonora composta da Alberto Iglesias, il secondo è stato “La Talpa”.

Cameo
Jeffrey Caine :- lo scrittore appare come il portiere del club liberale.

Spoiler
Le voci di trivia/curiosità seguenti possono rivelare importanti aspetti della trama.

All'elogio per Justin, Pellegrin cita questa linea: "Niente nella sua vita era diventata mai come quella che ha lasciato” Questa citazione è presa dall'inizio del Macbeth: Re Duncan: Non sono quelli delle missioni ancora ritornati? Malcolm: Mio signore, non sono ancora tornati. Ma io ho parlato con uno che lo ha visto morire, che ha fatto rapporto e che molto francamente ha confessato i suoi tradimenti, Implora il perdono Vostra Altezza ", e di cui un profondo pentimento. Niente nella sua vita gli divenne come quella che sta lasciando. Nel Macbeth, il "lui" di cui è un traditore, era stato giustiziato per aver tradito il suo re. Justin è stato assassinato per aver fatto la stessa cosa. Fiele Pellegrin nell'utilizzo di questa citazione è incredibile, soprattutto quando sembra abbastanza chiaro che è lui il mandante, in primo luogo.

Napoleone Wilson


1 commento:

  1. E' uno splendido film. Del resto se trai una pellicola da una spy-story di Le Carré il risultato è assicurato, almeno per il mio palato. Suggerirei di metterlo nel Partenone, lo merita.

    RispondiElimina