mercoledì 26 dicembre 2012

Wu gong zhou - Centipede Horror

4
1984, Keith Li.

In astinenza dopo le meraviglie di Tom Six, "The Human Centipede (First Sequence)" e "The Human Centipede 2 (Full Sequence)", e in attesa che venga completata la trilogia, mi son messo a cercare qualcosa che avesse ancora a che fare con l'artropode misterioso. E' saltato fuori questo animal horror ottantesco made in Hong Kong che se non altro mi ha allietato con scolopendre in quantità industriale, un po' di gore, una spruzzata di figa e tanta, esilarante, magia nera, 'na roba veramente da schiantare. Il cocktail risultante è un b-movie che merita la mia categoria Trash.

La rampolla di una famiglia benestante di Hong Kong si reca in vacanza nel Southeast Asia (location molto sui generis). Il fratello le darà un talismano ereditato dal nonno, che protegge dai demoni, ma lei dopo poco lo toglierà. Mentre s'abbuffa di succo di cocco ha un impellente e comprensibile bisogno e si allontana un attimo dal gruppo. La ritroveranno assalita da centipede famelici. In ospedale peggiorerà continuamente, quasi una decomposizione da viva, e il veleno da solo non spiega il fenomeno. Si fanno tutte le ipotesi, persino l'atomic dust post Hiroshima, e tu pensi a quello anche per i centipede terribili. Il fratello, accorso, chiederà ovunque ed una volta accettato il fatto che possa trattarsi di una maledizione comincerà ad indagare sulla vita del nonno menzionato, che ne combinò una molto grossa da quelle parti prima di arricchirsi... Uno stregone, di una bruttezza inquietante a metà tra Sai Baba e Padre Pio, gli giurò vendetta e non potendo ormai prendersela né col nonno né col padre, cercherà di farla pagare ai figli...

Il film ha una partenza strepitosa, con i vermacci ripresi da vicino a là Microcosmos e rumori di zampette che come nacchere martellano il cervello. Con attori della porta accanto che presto si dimostrano da fotoromanzo e fanno gran tenerezza, il soggetto è però ricco di personaggi, eventi, misteri, ti tiene attento. Sarà in quel talismano una delle origini dell'enigma? Alla ennesima inquadratura dello stesso un "dubbio" ti viene. E quei primi piani con occhi spiritati stile "faccio spaventare il bebè per gioco"? Ti fan gridare dalla gioia... ma il meglio deve ancora venire.


Le indagini non saranno brevi e porteranno a rivolgersi soprattutto a preti e stregoni assortiti. Il fratello dimostrerà un sangue freddo incredibile: la sorella ha appena fatto una morte orrenda, ma lui sereno e tranquillo insegue senza indugi il suo scopo privo di ogni sconvolgimento interiore. Una specie di esorcista, capace di generare fantasmi con le bambole, sarà colui che darà l'informazione chiave. Non prima di aver mostrato loro il grande potere di cui dispone togliendo il demonio da una giovane pulzella con la pancia dura come un tamburo. E' una scena intrigante dove la giovane, tutto sommato appetibile e in nudo integrale, prima verrà timbrata con primi piani epidermici di ogni sua grazia, poi si dimenerà in spasmi tremendi per poi alla fine vomitare una poltiglia di sangue mista a scorpioni neri, effetto speciale sorprendente.

Alla fine verrà a galla il crimine del nonno, talmente cruento che quasi fai il tifo per lo stregone crespocorvino. Proverà a combatterlo un prete arancione, buddista esoterico con occhialoni, che farà una brutta fine. Ne salterà fuori un altro però, uno stile "maestro d'arti marziali sul monte", capelli bianchi lunghi e barbetta uguale, il quale, in mezzo alle frasette da oroscopo orientale, dice "no cazzo, voi non avete colpe, siete solo nipoti dell'imbelle, non è giusto!" e allora si mette ad usare la sua arte per difenderli. Una lotta di magie nere contrapposte, a suon di macumbe, scolopendre esondanti, polli volanti e fiammeggianti e, dulcis in fundo, anche un cobra perforante. Finale pirotecnico con urla infernali, teste perforate, altre vomitate di poltiglie spermiformi miste artropodi... un tripudio!

L'astinenza da Tom Six permane, ma il divertimento è stato grande. Non uscito in Italia, si trova però coi sottotitoli inglesi, per comprendere i quali è sufficiente una conoscenza scolastica.
Visione consigliatissima agli amanti di genere.
Robydick




























4 commenti:

  1. il centipede,specie il secondo,è grandioso..proverò con questo...ciao auguri amico...

    RispondiElimina
  2. questo è tutt'altra cosa eh... come spiegato. ciao!

    RispondiElimina
  3. Mi manca, purtroppo però come sai da come lo descrivi mi sa proprio che non lo posso più vedere, e non certo per la brutalità, la violenza più dura e cruda.

    RispondiElimina
  4. caro Napoleone, quando vuoi te lo spedisco senza problemi. ok, capisco le ragioni, ma come hai potuto vedere, non siamo certo di fronte alla Barbara o alla Corinne o alla Marisa dei bei tempi...

    RispondiElimina