venerdì 21 ottobre 2011

The Money Movers - Squadra speciale 44 magnum (La morte fa l'appello)

5
1978, Bruce Beresford.

Molti film realizzati nel periodo della cinematografia australiana di ogni genere e filone tra la seconda metà degli anni '70 e gli anni '80 e comunemente detta “Ozploitation”, sono giustificatamente esaltati. Questo periodo in cui nacque una fervida industria e si incominciarono a produrre molti film di tutti i generi, fu reso possibile grazie all'introduzione di detassazioni governative per incoraggiare la produzione, e alla costituzione di enti governativi cinematografici che investirono nell'esplosione della produzione locale.

Un solo genere è stato però poco affrontato dal cinema australiano di quel periodo, il cosìddetto crime -thriller o “heist-film”, “film di rapina”.
Eccezione fu appunto “Money movers” (in Italia distribuito su base regionale nell'estate del 1979 dalla mitica Nickelodeon con il grintoso titolo a là Callaghan di “Squadra speciale 44 Magnum – La Morte fa l'appello”).
Tratto dal romanzo dallo stesso titolo scritto da un ex addetto alla sicurezza, come molti altri film del periodo Ozploitation, “Money Movers” fu un totale flop all'uscita cinematografica in altri paesi che non fossero l'Australia, nel 1979.

E, a differenza di sempre molti altri film della Ozploitation che da allora hanno continuato a godere di grande successo di critica e di culto, Money movers” è restato poco conosciuto o apprezzato fuori dall'Australia, nonostante la versione DVD uscita nel 2004. Questo è un grande peccato perchè “Money movers” è la prova che l'Australia era già nelle capacità di produrre un noir grintoso e stratificato come e anche meglio di altri, precisando che probabilmente “Money movers” è il migliore film di quel genere che la cinematografia australiana abbia prodotto, in quegli anni.

La sua dura atmosfera d'insieme è stabilita già nelle scene di apertura, a un raduno dei portavalori nella sala blindata di conteggio dei soldi della Compagnia dei Servizi di sicurezza Darcy's. I portavalori poi si posizionano nei loro blindati, e dopo un canonico scambio di barzellette e un ultimo tiro alle loro sigarette, si preparano ad uscire per il loro giro settimanale delle banche. Due di loro, Brian Jackson (l'iconico e notissimo attore australiano Bryan Brown) e suo fratello Eric (Terence Donovan), capo della sicurezza di Darcy, li vediamo osservare con particolare interesse il denaro scaricato da uno degli autoblindo.

Questo inizio è giustapposto in magistrale montaggio, con l'attività di altri personaggi che si occupano della “gestione”, come coloro che controllano il percorso degli autisti dai monitor della sala di comando, o come quei meccanici in officina, dai commenti derisori verso i portavalori, e con le immagini degli (allora) moderni accessori di sicurezza in dotazione: griglie a rete d'acciaio che si abbassano, strumenti elettronici, luci lampeggianti, e il rumore inconfondibile dei portelloni blindati che si richiudono.
Sulla strada, uno dei camion si ferma in un parcheggio per la pausa pranzo dei suoi uomini. Al loro ritorno, sono assaltati da uomini che indossano maschere da clown e che brandiscono fucili da caccia dalle canne segate, a mò come si dice dalle nostre parti, di “lupara”. L'unico uomo a resistere all'aggressione è Dick Martin (Ed Devereaux),il quale riesce a resistere a oltranza prima di essere bastonato anch'egli. La sua resistenza lo contraddistingue come qualcuno che non si farà mai intimidire, anche quando ha a che fare con un bandito che ha appena ucciso in pieno giorno un innocente testimone.

I ladri sono vicini a festeggiare il successo del colpo in un vicino garage. Non appena hanno hanno finito la loro “spaccata” aprono le prime birre per fare baldoria per quello che sono riusciti a fare quando sono raggiunti da un loro complice che era la vera “mente” al lavoro dietro tutta l'operazione, Henderson, questo il suo nome, (interpretato da un altro attore veterano australiano, Charles 'Bud' Tingwell), il quale non ha alcuna intenzione di condividere la sua autorità nella banda.

Nel frattempo dall'altra parte della città, un segretario dell'amministratore delegato della Darcy viene in possesso di una lettera anonima (composta di lettere di giornale tagliati e incollati, non altro), la quale informa che la direzione della compagnia verrà presto derubata. La gestione chiama a raccolta tutte le sue forze per trovare velocemente nuove misure di sicurezza - se riescono però anche a superare l'opposizione del locale sindacato.

Essi non sono gli unici a doversi preoccupare. I fratelli Jackson, a capo del locale sindacato, stanno progettando di rapinare la sala di conteggio dei soldi e non sono felici della prospettiva di concorrenza.

Eric Jackson ha lavorato sul posto di lavoro per cinque anni, prendendosi tutto il tempo necessario, assicurandosi che tutto fosse perfetto con maniacale precisione, con grande dispiacere della sua testa calda di fratello. "Quando sei pronto a pronto a realizzare il colpo, sarai relegato in casa su di una sedia a rotelle" - dice Brian al fratello troppo cauto. Ora però che la loro mano è stata forzata, devono muoversi rapidamente.

Mentre parlano, i tre uomini sfogliano i file personali delle nuove reclute della società per trovare qualche indizio su chi stia tentando di sopravanzarli nel loro lavoro. Il loro sospetto principale è Leo Bassett (Tony Bonner), un uomo giovane e cordiale palesemente fuori luogo nel pattugliamento notturno di lotti industriali nel cuore della notte.

Stressato e distratto dal loro piano che sta andando a rotoli, Eric Jackson fa cadere in una trappola una pattuglia di Darcy ad una fabbrica di cosmetici. Nella sparatoria viene uccisa una delle guardie di sicurezza. Bassett intanto trova delle prove che lo collegano alla lettera, inconsapevole che è anche sotto sorveglianza dei sicari di Henderson. Catturano allora Jackson, trovano la replica del camion blindato di Darcys a cui lui e suo fratello stavano lavorando, e si rendono conto di cosa stavano facendo.

Con l'aiuto di alcune cesoie a tagliargli le dita dei piedi (sequenza molto cruda e brutale), Henderson convince i fratelli Jackson a lavorare per lui al colpo in qualità di partner. I termini di Henderson sono semplici: secondo lui i suoi uomini daranno una mano per il colpo e prenderanno il 60 per cento di tutto ciò che riusciranno a rubare, in cambio dell'aiuto ottenuto dai fratelli e il loro impegno a lasciare il paese quando tutto sarà finito. Non è molto, soprattutto considerando che abbiamo già visto come Henderson tratta i suoi partner.

Utilizzando un incontro sindacale come copertura, i fratelli tentano la rapina. Tutto andrebbe “quasi” liscio fino a quando Dick, fresco delle percosse subite durante il suo precedente tentativo di proteggere il denaro della società Martin, nota qualcosa che non va. Inutile dire che, come nella maggior parte dei film rapina, finisce tutto molto male.

La sensazione con “Money movers” è quella di assistere ad un noir da Olimpo, come si direbbe qui. La città di Sydney è anonimizzata come geometrico e sconfinato percorso dei camion. La storia si svolge in molti camion, nelle fabbriche, in cantieri e contenitori e per le strade illuminate al neon, non c'è un teatro o una distesa d'acqua azzurra in vista. Nelle poche occasioni in cui il film ci porta in luoghi più illuminati, i personaggi sembrano tesi e inquieti.

Uno degli aspetti meglio riusciti di “Money movers” è il modo con il quale Beresford esegue il classico tema del noir della sottile linea di demarcazione tra buoni e cattivi. La corruzione è così diffusa, così materia di fatto, che non è certo neanche commentata. La direzione della Compagnia lamenta che le ragazze addette al conteggio del denaro facciano scivolare le banconote nella loro biancheria intima. Prima che sarà lui a sollevare un dito, il poliziotto Ross indagando sulla lettera che minacciava la rapina alla stanza di conteggio dei soldi casualmente scuote verso il basso il direttore del personale di Darcy anche lui in cerca di una tangente. "Potrebbe essere un po' costoso" - dice a Ross per lasciargli aperta la porta blindata. :-"Non è roba da veri ortodossi".
Anche Dick Martin è contaminato, incastrato dai suoi ex colleghi e spinto fuori delle forze di polizia dopo 24 anni perché non avrebbe preso tangenti più consistenti.

La confusione della morale si estende alle metodologie commerciali moderne. La direzione di Darcy è più preoccupata per l'impatto delle ultime rapine ai suoi furgoni blindati sui loro premi assicurativi rispetto alla sicurezza dei loro dipendenti. Il Consiglio d'amministrazione medita ad alta voce se si debbano cercare di ottenere alcune guardie più giovani, "ex-ragazzi del Vietnam" (l'Australia fu l'unica nazione non asiatica a prendere parte con circa 600 suoi militari alla guerra del Vietnam, in appoggio all'esercito americano), solo per essere informati che sono considerati dal grilletto troppo facile. Oltre ad ottenere una migliore qualità delle guardie si romperebbe la politica non ufficiale dell'azienda, veramente unica, cioè di impiegare candidati che non superano il test: sono gli unici che non si annoieranno con il lavoro.

A seguito dei soldi fatti dalla vendita di droghe, alcol e sesso a consumo dei soldati americani durante la guerra del Vietnam, gli anni Settanta furono un periodo di corruzione massiccia in gran parte della costa orientale dell'Australia. Il nesso tra i criminali, il commercio, le sezioni del movimento operaio e della polizia era stretto. Affari illegali fiorìvano spesso sotto il patrocinio diretto della corrotta polizia .


Contro queste forze, dilettanti come Eric e Brian Jackson non hanno alcuna possibilità, non importa quanto veloce si rimettano in piedi o quanto veloci siano con i pugni. Beresford non perde molto tempo a spiegare perché questi uomini vogliano derubare il loro datore di lavoro. Per il fratello maggiore, un ex pilota di auto da corsa ora intrappolato in un matrimonio infelice, si tratta di riconquistare in un certo senso di essere ancora in una pista. Suo fratello minore vuole solo la bella vita. Tutto quello che sappiamo circa il più anziano rappresentante del sindacato, è una vecchia fotografia in bianco e nero di una donna asiatica e la sua promessa di tornare da lei.

Il divario di classe è crudamente disegnato, rafforzato attraverso il film da immagini di ricchezza e denaro; l'economia australiana è stata sull'orlo della recessione alla fine degli anni Settanta, i sindacati rappresentavano oltre la metà della popolazione attiva (ora è circa il 20 per cento), e la visione che il management e i lavoratori non fossero stati dalla stessa parte era la normalità. Il desiderio dei fratelli Jackson di strappare il denaro alla gestione per ottenere ciò che hanno, è solo un dato di fatto. Anche il boss Henderson è una vittima della congiuntura economica, architetta rapine a mano armata di fondi per ristrutturare la sua fabbrica tessile che è andata a gambe all'aria quando il governo ha revocato le restrizioni alle importazioni.

Dato l'ambiente che descrive, “Money movers” ha un aspetto maschile e l'aggressività e la violenza sono sempre molto in superficie. Gli uomini sono sottoposti, le donne relegate al ruolo di segretarie molestate, le mogli arrabbiate, e un poco ai margini. Leo Bassett, l'uomo dei fratelli Jackson sospettato di essere dietro la lettera, non è solo un outsider, ma è anche bollato come "checca" da Brian Jackson perché afferma nel suo fascicolo personale che gli piace la musica e la poesia - il “bacio della morte” negli anni settanta australiani, della cultura maschile da classe operaia.

Coloro che provano a fare il loro lavoro e non accettano compromessi, come l'ex poliziotto Dick Martin, ottengono poco in cambio. Alla fine del film, a Martin che è stato tirato fuori di casa su una barella e messo su un ambulanza dopo essere stato quasi ucciso per sventare la rapina del fratello di Jackson, il corrotto poliziotto Ross dice, su di lui: "Prendi su questo, gli faranno attaccare una medaglia al petto e gli appiopperanno un salario premio".

Un piccolo pezzo di metallo per forzare una serratura decisiva nella stanza dei conteggi o un lavoro al minimo salario - l'affare migliore per l'eroe del film, sarebbe probabilmente stato quello di non entrare mai, tra i “Money movers”. Finale grandissimo e tesissimo, un vero pezzo magistrale di cinema d'azione allo spasimo di montaggio e suspence, che non rivelerò se non che è anche di molta azione violenta e disperata, il quale si imprime indelebilmente nella memoria di ogni spettatore che abbia visto il film alla prima volta.

Il regista Bruce Beresford vide una copia del libro di Devon Minchin in un negozio di libri usati di Adelaide e ha pensato che se ne sarebbe potuto trarre un buon film. Beresford ha detto una volta questo: "E 'stato proprio quello che mi serviva. E' un racconto così autentico - il tutto è realmente accaduto.".

Questo è stato il primo film della mitica South Australian Film Corporation, che mirava a un pubblico adulto e che si aspettava di ricevere una classificazione "R-rated", anche prima che le cineprese cominciassero a girare.

Il film è liberamente basato su due eventi della vita reale, e sui quali il maestro dell'Industria della Sicurezza poi trasformatosi in autore Devon Minchin ha basato il suo romanzo. Il primo era una rapina fatta a Sidney nel 1970 ad un furgone portavalori blindato della 000 Mayne Nickless dove furono rubati 587'000 $ AUS. L'altro è avvenuto sempre nel 1970 ed è stata una rapina agli uffici della Metropolitan Security Services dove i banditi si presentarono vestiti da poliziotti e portarono via 280'000 $ AUS.

I campioni di banconote utilizzate nel film sono stati fotografati nella volta principale della Banca Centrale di Adelaide. Sono stati sorvegliati da due guardie di sicurezza.

Gli inviti alla Premiere mondiale di Sydney, in Australia il 1° febbraio 1979 furono chiusi in una busta di plastica che comprendeva una banconota, una carta, un piccone, una lama seghettata e alcuni tornanti.

Questo film è stato il primo film di tre nel quadro di un 'accordo che il regista Bruce Beresford aveva con la South Australian Film Corporation. Il secondo film è stato lo splendido “Breaker Morant - Esecuzione di un eroe” ('80) mentre il terzo e ultimo film fu ”The Club” ('80). Poi Beresford andò a lavorare negli Stati Uniti maturando anche lì la lunga carriera che conosciamo.

Beresford disse volta di questo film: "Dopo aver fatto “The Getting of Wisdom”, che è un film molto lento e tranquillo, volevo fare qualcosa che era pieno di azione e ho pensato ad un thriller giocandomi alcune mie idee. "

Questo era uno dei due film del 1978 (l'altro era The Getting of Wisdom”) che il regista Bruce Beresford ha diretto dopo aver vinto l'Australian Film Institute Award come Miglior Regista per “Don's party” (1976).

Un certo numero di persone addette alla produzione che hanno lavorato a questo film ha lavorato anche con il regista Bruce Beresford al film precedente, “Don's party”. Tra questi, le attrici Jeanie Drynan e Candy Raymond, il bravissimo direttore della fotografia Don McAlpine, il direttore di produzione William M. Anderson, la costumista Anna Senior e il sound designer Peter Fenton.

In questo film hanno recitato insieme Ed Devereaux e Tony Bonner che erano molto noti al pubblico australiano da essere apparsi insieme per un certo numero di anni nella serie televisiva australiana per famiglie “Skippy”.

Ed Devereaux è tornato in Australia dopo otto anni per apparire in questo film. La star di “Skippy” ha una volta detto di questo film: "Sono venuto perché la mia parte mi piace molto- e perché ho (??) grande fiducia in Bruce Beresford."

Secondo quanto riferito, la pubblicità per questo film ha dichiarato che in origine il regista Bruce Beresford aveva prima tentato di scrivere un film d'azione da solo come da una sceneggiatura originale, ma che non è riuscito a farlo. Beresford ha poi come suddetto scoperto il libro 'Movers Money' di Devon Minchin il quale ha poi scelto di scrivere anche una sceneggiatura come adattamento del libro.

La fonte del romanzo dell'una volta famoso autore Devon Minchin ha detto che l'unica persona che avrebbe potuto rubare nella sua azienda di sicurezza era lui stesso. Come tale la premessa di un "inside job" ha costituito la base della rapina del romanzo e anche quella dell'adattamento cinematografico che ne è stato tratto.

Nei titoli di testa del film si afferma che esso è basato su eventi realmente accaduti.

Secondo quanto riferito, dallo stunt britannico e coordinatore degli stuntman Alf Common esso è andato in Australia per lavorare specificamente su questo film durante una pausa che aveva dal lavoro su “Superman” (1978) di Richard Donner .

Secondo quanto riferito, “Money movers” girato nel 1978, fallì al box-office al momento della prima uscita nelle sale in Australia nei primi mesi del 1979.

Questo film è stato realizzato e fatto uscire dopo circa sei anni che l'autore Devon Minchin aveva scritto il romanzo originario e dallo stesso titolo, che venne pubblicato la prima volta nel 1972.

"Allmovie" scrisse di questo film che venne realizzato "Al fine di raccogliere il denaro per il film successivo e “svolta” della sua carriera, “Breaker Morant - Esecuzione di un'eroe”. Il regista australiano Bresford realizzo “Money movers” esclusivamente cercando di venire incontro a quelli che ci si sarebbe aspettato fossero “i piaceri del pubblico”.

Un gigantesco set di case venne costruito contando sull'appoggio finanziario South Australian Film Corporation studio nel quartiere di Norwood ad Adelaide, per le riprese di questo film. Le riprese (compresi gli esterni) vennero fatte anche in una casa vera e propria nella contea di Sydney.

Secondo quanto riferito, la pubblicità per questo film ha dichiarato che fu la prima volta che una società di sicurezza (almeno in Australia) aveva lasciato a persone esterne l'utilizzo dei loro veicoli blindati e di filmare all'interno della sua stanza blindata di conteggio ad alto livello di sicurezza.

Oltre un milione di dollari in mazzette di reali soldi australiani è stato utilizzato per i pacchi di banconote che si vedono nel film.

Guardie di sicurezza armate sono state costantemente in guardia durante le riprese di scene che prevedevano l'uso di grandi quantità di soldi veri.

Devon Minchin, autore del romanzo fonte del film e dallo stesso titolo, ha anche collaborato con la produzione come consulente tecnico.

Questo film di Beresford ebbe immediato seguito al suo “The Getting of Wisdom” (Il Sapore della saggezza) ('77), film che è stato pieno esclusivamente di personaggi femminili. Beresford ha scelto questo film di rapina successivo, come un progetto cinematografico molto duro e testosteronico, e perché era quindi molto antitetico al genere di cui dette un eccelso saggio con il film precedente.

Dopo aver finito la lavorazione di questo film, il regista Bruce Beresford ha continuato a girare pellicola (non accreditato) per alcune scene aggiuntive di “Blue Fin” (I Cacciatori dell'oceano) ('78) di Carl Schultz, un altro film prodotto dalla South Australian Film Corporation

Beresford convinse il produttore Matt Carroll a permettere alcune riprese di veri esterni di Sydney per inquadrature di Sydney comprendenti sia alcuni esterni che un altro paio di esterni. La maggior parte di questo film è stata girata ad Adelaide, South Australia, ma con una piccola quantità di riprese a Sydney, New South Wales /Nuovo Galles del Sud (NSW), il film è stato così in grado di attrarre un piccolo investimento da parte dell'altrettanto mitica New South Wales Film Association.

In preparazione di questo film su una rapina a una società di sicurezza, il regista Beresford ha lavorato per due mesi presso una filiale di Sydney della MSS (Metropolitan Security Services) prima di partire con le riprese del film. Devon Minchin, il romanziere che ha scritto il libro che è stato la fonte del film, è stato il fondatore della MSS.

Questo film è stato uno dei primi film di azione violenta del moderno cinema australiano. Il film ha ottenuto un certificato australiano "R" (Restricted) che ha limitato la sua visione a persone maggiori di 18 anni.

Questo film è stato uno dei pochi fra quelli australiani degli anni '70 ad essere propriamente di genere poliziesco/drammatico o crime-thriller, anche se durante quel periodo questo genere è stata rappresentato molto più comunemente alla televisione australiana con serie TV di poliziotti e ladri australiani, come “Matlock police”, “Division 4”, “Homicide” e Cop Shop”.

Primo film per adulti "R-rated" (per un pubblico di + 18 anni) prodotto dalla South Australian Film Corporation. Il secondo sarebbe stato “Pacific Banana” (Banana Airlines) ('81) di John D. Lamond.

Il titolo del film, "Money Movers", viene mostrato durante i titoli di apertura nei caratteri che erano stampati sulle banconote dei $ AUS da $ 10 e $ 20. Queste banconote non sono più prodotte dalla zecca australiana in quanto sono state sostituite con le monete di plastica nel 1988.

Bryan Brown di questo film ha detto: "E' stato un film divertente da fare e ora che stiamo facendo un bel po' film di bei film di genere e di crimine violento come “Chopper” ('00) di Andrew Dominik e "Dirty Deeds” ('02) di David Caesar, è stato davvero "Money movers” il film che per primo ci ha messo in quella sorta di territorio".

“Money movers” è stato uno dei cinquanta film australiani selezionati per la conservazione come parte del progetto di restauro del National Film and Sound Archive della Kodak Australia / ATLab Cinema Collection.

Questo film è considerato un "Ozploitation" (un film di genere australiano).

Cameo:
Stuart Littlemor, il futuro conduttore del programma australiano di enorme seguito “Media Watch”, appare nel film come conduttore televisivo.

Spoiler:
Questo film si distingue per la sua sequenza di tortura in cui Terence Donovan, catturato dalla "Gang dei tagliatori di dita dei piedi" e legato a una sedia, e ha uno dei suoi alluci tagliato da una cesoia “trincia-catene”.

Napoleone Wilson


5 commenti:

  1. Merita una visione soltanto per la bellezza della locandina.

    RispondiElimina
  2. Napoleone, purtroppo non sono riuscito a vederlo. come dice Harmo, se tanto ci dà tanto...
    e poi la rece è, oltre che superlativa al solito, molto interessante anche per cultura generale. mi sono permesso di "grassettare" io alcuni passi, dove parli sia della situazione sociale austaliana del tempo, come anche dei soldati aussie che parteciparono al vietnam.

    RispondiElimina
  3. ha ragione robi..recensione molto bella anche per completezza di informazione..film difficile da reperire?

    RispondiElimina
  4. ci ho provato roberto, ma richiede molto molto tempo

    RispondiElimina
  5. quoto Harmonica e mi aggiorno!

    RispondiElimina