giovedì 17 giugno 2010

La leggenda di Ip Man

17
2007,  Wilson Yip.

Yip (o Ip) Man è probabilmente uno dei più grandi maestri cinesi di kung fu di sempre, certamente il più famoso del XX secolo. Alla fama come fondatore della disciplina Wing Chun (spero di dire bene) ha unito quella di eroe nazionale per il suo coraggioso atteggiamento durante l'occupazione giapponese dal 1937 al 1945. Il film è ambientato proprio in quegli anni.

Yip è un uomo benestante, vive in una meravigliosa villa con moglie e figlia. Trascorre il suo tempo nello studio del kung fu ed elabora una tecnica che fa della filosofia, buone maniere e fermezza di spirito i punti essenziali per la mente, della velocità di azione e reazione quelli per il corpo. Fisicamente minuto ed affatto appariscente, è persona di modi gentilissimi; spesso sfidato da altri maestri mai affonda il colpo, sempre si complimenta con l'avversario. Nella città dov'è nato e vive, Foshan, sud della Cina, è amatissimo da tutti.

Durante la sanguinosa invasione giapponese Foshan passa da 300.000 a 70.000 abitanti, la casa di Yip viene sequestrata dal comando militare e lui si ritrova a vivere di stenti. Un generale appassionato di arti marziali scopre Yip, che viveva in penombra, e vuole a tutti i costi che lui insegni il Wing Chun ai soldati giapponesi ma lui rifiuterà. Quello che non rifiuterà sarà di sfidare in luogo pubblico il generale in combattimento, per motivi e con risultati che lascio scoprire.

Non riportato dalla trama, cosa che lascia presupporre (e me lo auguro!) un sequel sul resto della sua vita, il periodo post guerra di Yip ad Hong Kong, dove fondò, finalmente, una scuola di kung fu nella quale crebbe una superstar ineguagliata della categoria, Bruce Lee, un'iradiddio che unì all'eleganza dell'arte di Yip potenza fisica e furore agonistico (lo ammetto, Bruce Lee è un mio mito, prima o poi un suo film lo devo recensire, per rispetto). Inarrivabile invece la pacatezza e la cultura di Yip, veramente ammirevoli.

Film biografico quindi, certamente un po' apologetico ma lo si può concedere (qualche storico ha storto il naso, pare, non per Yip che non si discute, ma per qualche personaggio di contorno).
Forse un film per amanti del genere, ma non credo. Non si vedono mostri che con uno schiocco di alluci saltano da terra sui tetti delle case, o gente che vola. A parte le scene storiche con splendide ricostruzioni, i combattimenti sono realistici, ottimamente riprodotti senza effetti strabilianti, veramente stupendi! Esibizione d'arte marziale seria e precisa, di altissimo livello e non posso che dire superbravo all'attore protagonista Donnie Yen.

Osannato da critica e pubblico in Asia e non solo, in italia s'è visto solo in rassegne dedicate ma è reperibile coi sottotitoli (meglio!).
A mio parere è imperdibile e non vedo l'ora di vedere la seconda parte.

17 commenti:

  1. Hai presente il concetto di allergia? Io sono allergico alle arti marziali (è un limite mio psicofisico...): mai visto un Bruce Lee in vita mia!
    (però da ragazzino trovai godibile, pur nella sua furba e semplicistica ruffianaggine, Karate kid, e fra i miei preferiti c'è un gran film come Ghost Dog, tutto incentrato su filosofie samurai... Ecco, se mi dici che qui abbiamo più un Ghost Dog che un Bruce Lee, potrei pure farci un pensierino...) :-))

    RispondiElimina
  2. diciamo che io Ghost Dog me lo guarderò sicuramente! non mi pare paragonabile a questo.
    sia chiaro che questo film è lontano anni luce da quelli "tipici" di Bruce Lee (non sono tutti uguali ma non sottilizziamo), è storico-biografico.
    certo, ci sono anche i combattimenti, ma come ho scritto, se ne sottolinea, delle arti marziali, in particolare la disciplina mentale più che fisica.

    RispondiElimina
  3. Io penso troppo a mio padre quando vedo film di arti marziali... Li vedevo con lui... Però ho un grosso limite tecnico. Nei film orientali faccio una fatica immonda a seguire le vicende perchè i visi mi sembrano tutti uguali e non capisco mai bene il film se non lo vedo almeno 2 volte. Capita anche a voi?

    RispondiElimina
  4. rospo, capisco cosa intendi, ma guarda solo la locandina, ti sembrano davvero tutti uguali? :)
    però ammetto che ho un certo allenamento, di film orientali ne ho visti parecchi, qualcosa conta

    RispondiElimina
  5. ciao! ti devo ringraziare una volta di più... ho appena finito di vedermelo, e devo dire che è uno dei più bei film che ho visto ultimamente. grazie per le recensioni che mi fanno conoscere certi film e che mi invogliano a vedermeli :)
    continua così. oramai sono diventato dipendente di questo blog... magari non commenterò spesso e quando lo faccio scrivo cavolate, ma ci passo tutti i giorni più volte ansioso di trovare perle di recensioni e di film come questa
    ti stimo sempre più

    RispondiElimina
  6. grazie Daniele, i complimenti fanno sempre piacere e stimolano.
    altro che cavolate scrivi! ho sempre in mente ad esempio le tue segnalazioni sui western, e ne devo vedere ancora parecchi, molto merito tuo. :)

    RispondiElimina
  7. appena finito di vedere il secondo (non ci credo, un giga e mezzo in meno di 24 ore... un miracolo). non al livello del primo. vedibilissimo, ma troppo occidentalizzato. han tralasciato la poesia e la carica drammatica del primo per spettacolarizzare... ha ragione chi dice che rocky dovevano lasciarlo fuori (poi capirai ;)). oltretutto il match mi ha ricordato quello di fearless con jet li, non so se l'hai visto (se non l'hai visto te lo consiglio, molto bello)
    IMHO
    complimenti vivissimi agli attori, comunque... donnie yen è un mito, sammo hung se la cava decisamente bene e the twister/darren shahlavi è bravissimo a rappresentare tutta l'arroganza e la superbia degli inglesi. e lynn hung è sempre più bella :P
    fammi poi sapere, magari ne discutiamo :)

    RispondiElimina
  8. dimenticavo: peccato peccato peccato per i sub sponsorizzati... vabbè che la pubblicità è l'anima del commercio, ma così rompe decisamente i coglioni (scusate il francesismo, ma quando ce vò... la figura poi me la faccio io che consiglio agli amici ste cose...)

    RispondiElimina
  9. ehi!! lo sto guardando proprio ora, sono a poco più di metà, e uscirà la recensione, basti questo a dirti che lo sto apprezzando, e chissene degli sponsor, basta vedere il film! ne parliamo nella rece del 2. ciao :)

    RispondiElimina
  10. Mi sto procurando tutta la trilogia. Yo.

    RispondiElimina
  11. come trilogia? a me ne risultano 2 per ora...

    RispondiElimina
  12. hai ragione Ganz, ho appena scoperto che c'è un prequel, appena uscito, dei 2 film :)

    RispondiElimina
  13. Quoto daniele nel dire che questo blog è fantastico! Visto oggi Ip Man.. molto bella la storia e i combattimenti sono spettacolari!
    Nella scena dove Ip combatte con i 10 jappo ho sentito male io per loro haha :)

    RispondiElimina
  14. grazie Gus! molto gentile :)
    alla fine la trilogia l'ho vista tutta, senza pentimento, ma questo è sicuramente il più bello

    RispondiElimina
  15. Questo è un capolavoro! Ancora più bello secondo me è Yip Man 0 (zero perchè girato in seguito ma relativo alla gioventù di Yip Man).

    RispondiElimina
  16. ciao "anonimo" ;-)
    li ho visti tutti, intendi dire questo come zero? The Legend Is Born: Ip Man (aka Young Ip Man)

    RispondiElimina