sabato 19 giugno 2010

Valhalla Rising

7
2009, Nicolas Winding Refn.

E' un regista che tengo d'occhio, dopo la trilogia di Pusher, dopo aver visto lo spettacolare Bronson, non posso non prestargli attenzione.

Un vichingo che assumerà il nome di One-Eye (ha un occhio solo, l'altro è devastato da una ferita), vive in una gabbia, sempre legato da un clan, usato come animale da combattimento, è violentissimo ed imbattibile. Riuscirà a liberarsi mentre la zona è attaccata dai cristiani. Si unirà a questi ultimi per un viaggio in terra santa, quasi allo sfinimento su una barca avvolta dalle nebbie e in bonaccia finiranno in america ma saranno accolti dall'inferno, lo stesso luogo da cui si dice provenga One-Eye.

Non il "solito" film di eroi. E' minimalista e crepuscolare, ha nella lentezza esasperante, salvo alcune scene dove accelera repentinamente, la sua debolezza, forse, ma è una scelta, che può piacere o meno, atta a risaltare massimamente l'Epica di un uomo che vive l'inferno in terra.
One-Eye non parla mai, lo fa per lui un bambino che lo accompagna. Bella e ricercata la fotografia che crea un'ambientazione molto celtica e gotica, avrebbe fatto la felicità di Wagner, peccato non aver usato almeno qualche musica di quest'ultimo. C'è molto Herzog, anche le musiche assomigliano a quelle dei Popol Vuh.

Non mi ha del tutto convinto, ho trovato eccessivo l'insieme che ne viene fuori, è comunque un film molto potente e coinvolgente, trasmette senza metodi convenzionali tutta la rabbia e l'energia del protagonista. Ci avrei messo più trama ed evitato d'indugiare troppo su primi piani e panorami. Soprattutto la "mistica" di One-Eye, un uomo che ha chiaramente un contatto con l'ultraterreno, si poteva sviluppare di più. Sono critiche a un bel film che avrei voluto ancora migliore.

Un tentativo sostanzialmente riuscito di uscire dagli schemi e di europizzare, nordicamente, un genere troppo spesso banalizzato da kolossal americani dove si perde nella spettacolarizzazione la nostra cultura. Quindi da migliorare, ma avanti così!
Merita la visione.


7 commenti:

  1. Non sono riuscito a vederlo fino alla fine. Mi ha annoiato nonostante le buone premesse. Sono arrivato alla barca nella nebbia :)

    RispondiElimina
  2. strano eh? :)
    e sì che al regista le capacità di fare roba tosta non mancano. ha voluto fare lo sborone sull'epica. però il finale alla fitzcarraldo ti consiglio di guardarlo, non è male.

    RispondiElimina
  3. una sorta di danny the dog ...ma diverso ;)

    RispondiElimina
  4. non saprei dirti paul, ma se lo dici te ci credo. :)

    RispondiElimina
  5. per me, qui Refn ha firmato il suo capolavoro (ma pure i precedenti non scherzano :)

    roby, mi faccio un pò di pubblicità e metto... un punto di vista diverso :D
    http://einzige-lunico.blogspot.com/2011/01/valhalla-rising.html

    RispondiElimina
  6. hai fatto benissimo! :)
    però dai, bronson è uno sballo...

    RispondiElimina
  7. Bronson è grandioso (a presto la rece) e Tom Hardy è un fenomeno, ma in Valhalla... ci ho visto un non-so-che che me l'ha fatto amare subito, chissà...

    RispondiElimina