domenica 17 gennaio 2010

Bronson

4

2009, Nicolas Winding Refn.

A Marzo dell'anno scorso Michael Peterson compiva 34 anni di carcere, 30 dei quali trascorsi in isolamento, interrotti con soli 69 giorni di libertà, libertà concessa dalla regina d'Inghilterra durante i quali ha trovato modo di farsi rimettere in carcere.

Nome d'arte: Charlie Bronson, scelto durante la breve libertà.
E' lo stesso Bronson, attore d'avanguardia e macchiettistico, davanti alle telecamere ed in un teatro pieno di gente silente e sgomenta, a raccontare la sua vita fatta di delirio e violenza, da leone in gabbia, ma anche di uomo talentuoso non solo nel fisico taurino. Era il suo sogno diventare famoso, ed in effetti lo è diventato: il carcerato più famoso d'Inghilterra e forse, dopo questo scioccante film, anche del pianeta...

Figlio di normalissima famiglia, ceto medio-basso ma dignitoso, fin da ragazzo alla minima escandescenza menava le mani con furia paurosa. Sempre difeso dalla madre, è comunque cresciuto e s'è persino sposato, poi la penuria di soldi lo porta a rapinare un ufficio postale. Si becca 7 anni, ma poi accumula infrazioni e reati a profusione durante la detenzione. Morale della favola: è ancora lì e chissà mai se ne uscirà.


Accompagnati da Beethoven (e qui il richiamo ad Arancia Meccanica è esplicito) e da disco music appropriata, si ripercorrono i momenti salienti. La smania artistica e delirante del personaggio è perfetta per un film a chiari connotati kubrickiani. L'atto violento concepito anche nell'estetica dello stesso, il rifiuto d'ogni regola o morale, il sentirsi invincibile.Un personaggio unico questo Bronson, ammiratelo a destra in una foto di quello vero.

DAVVERO NOTEVOLE!
Nel mio personale Olimpo, per trama scioccante ed originalità. L'interpretazione di Tom Hardy da sola lo merita, ne diventerà un'icona. In Italia non è ancora uscito e non si sa se uscirà: siamo alle solite, nonostante è stato presentato al Festival di Torino. Spero per tutti, se dovesse uscire, che non osino doppiarlo: questo film è perfetto in inglese.

Questo regista si conferma un grande talento da seguire. Anche Pusher m'è piaciuto, ma purtroppo per lui è uscito lo stesso anno di Trainspotting.

4 commenti:

  1. Me lo guardo domani,dev'essere un bel filmone;)

    RispondiElimina
  2. attendo riscontri a breve allora!
    ma ne sarai entusiasta, ne sono convinto :P

    RispondiElimina
  3. Tom Hardy è uno dei più interessanti attori in circolazione!

    RispondiElimina
  4. ehi, che filmone mi vai a ricicciare, grazie! :)
    be', la performance in questo film è già un ottimo curriculum, hai ragione, ottimo attore.

    RispondiElimina