mercoledì 7 aprile 2010

Sin City

12
2005, Robert Rodriguez, Frank Miller, Quentin Tarantino.

FUMETTI IN TIVVU', FUMETTI IN TIVVU-U-U-UUUUU!!!
'Mmazza che robba aho! Teste che volano, mani mozzate, mignotte strafighe che te sparano o te pijano e te fanno a fette colla katana, eroi invincibili che manco se je metti 'na bomba a mano nelle mutande moiono, 'tacci loro se so' fforti! O famo strano 'sto filme? E famolo va'! ...

Facevano bene Nick Carter e soci. I fumetti in tivvù sempre fumetti restavano. E me li godevo. Quando ci fai il film possono venire fuori delle gran cose oppure delle insensate boiate.
Peccato che questo film non l'han fatto Tsukamoto o Miike, 2 nomi così a caso, che ti fanno scorrere i brividi su tutta la spina dorsale, altro che 'sta roba da educande!

Qua il vero "regista" è Rodriguez. Miller, autore di culto del fumetto di culto omonimo, partecipa a sceneggiatura e regia. Tarantino serve al botteghino, non fa praticamente un beato C, poco male, ma è Doveroso citarlo.

Con una voce monotona fuori campo, amusica e spaccagonadi, entriamo nella testa di 3 "eroi" di questa città perennemente notturna, disumana e violenta. 3 episodi che prima della fine intrecciano le loro storie (oooohhhhh, che stuporeeee!!) in un miserrimo tentativo di continuità. Bon, sulla trama detto pure troppo.
Cast iperspaziale, qualche nota sui protagonisti eroici principali:
- Bruce Willis è un duro nato, il suo pezzo non è male, forse il più noir, ma quante chiacchiere inutili!
- Eccezionale, ed è quello che salva la pellicola dal più profondo del mio Ade, il pezzo di Mickey Rourke. Molta azione, personaggio sadico e sanguinario con senso dell'onore, deforme nel viso e nella mente. Attore eccezionale che manco 'sto trio medusa è riuscito a smerdare.
- Clive Owen, e tutto il suo pezzo, sono patetici.

Mi spiace trattare così un film (non il fumetto, il film!) che ha devoti sostenitori, lo dico sinceramente. Solo che se lo raffronto a quello che i 2 registi che ho nominato sopra sono in grado di fare... che altro posso dire?
C'è gente che dice "... 2 ore di adrenalina!..." Mha... dopo il pezzo di Mickey Rourke ho sbadigliato per 1h20', a prendermi a pugni sui "gioielli" intorpiditi per non addormentarmi. 

Sono convinto che se mi capiterà di leggere il fumetto proverò ben altre sensazioni. La lettura è cosa molto diversa, la narrazione avviene nella tua mente, è un pensiero incanalato.
Non capisco come Miller abbia potuto apprezzare questo scempio. Meglio che si occupi di fumetti e lasci fare il Cinema ad altri. Oppure, caro Miller, vai in Corea o in Giappone, dai registi coi registri cerebrali giusti per fare questo genere di cose, e ne vedrai, ma soprattutto ne vedremo, delle belle!

12 commenti:

  1. personalmente non l'ho trovato così male. certo, la storia frammentata ha dei punti deboli e ogni tanto è poco coinvolgente, però è un film visamente originale e alcuni eccessi sono divertenti

    RispondiElimina
  2. ma sai Marco, il rapporto tra aspettative generate da osanna letti in giro, dalla gran pompa di presentazione dei tempi, e qualità percepita (sempre con l'eccezione Rourke) è 1:10.

    visto anche cast, budget, presenza dell'autore del fumetto, definirlo "non così male" ... ;-)

    RispondiElimina
  3. il fumetto è fantastico. il film è da 7 e mezzo per chi lo vede, 9 per per i fan del fumetto. mickey è una bomba

    RispondiElimina
  4. Una delle poche cose decenti che ha fatto Rodriguez! Tarantino ne ha girato solo una scena di pochi minuti.
    A me è Sin City non è dispiaciuto, considera però che le mie aspettative erano moooolto basse!

    RispondiElimina
  5. o' signùr, chissà il resto di rodriguez cos'è allora, ahah! :D

    direi che darkO, molto più diplomatico ed educato e tollerante di me, ha sintetizzato bene.

    RispondiElimina
  6. Di Rodriguez si salva solo Planet Terror (e va beh diciamo anche Dal tramonto all'alba, anche se insomma...), tutto il resto è indecente a parte questo film che lo è appena appena...

    RispondiElimina
  7. ciao Alessandro! era un po' che non ti sentivo...
    grazie per le citazioni, immaginavo qualcosa del genere :)

    RispondiElimina
  8. Il problema di base è che non hanno capito che fumetto e cinema sono due modi di narrare storie completamente diversi. Certo, la grafica a prima vista stupisce, ma dopo un poco non si dimostra altro che un banalissimo esercizio di stile.
    Da megafan del fumetto l'ho odiato. Sapere cosa sarebbe successo, minuto dopo minuto, mi ha reso la visione ancora più noiosa. Un regista, anche nelle trasposzioni, dovrebbe mettere del suo nelle cose che fa.
    Se ti stipisci dell'approvazione di Miller... beh... ha diretto "Spirit". Questo dice tutto.

    RispondiElimina
  9. guarda, ad oggi il più bel film tradotto da un fumetto è questo tra quelli che ho visto, senza il minimo dubbio: http://robydickfilms.blogspot.com/2010/11/danger-diabolik.html

    RispondiElimina
  10. non l'ho visto ma rimedierò ^^ beh, ma se guardi bene ce ne sono molti di film tratti da fumetot ben fatti: "La vera storia di Jack lo squartatore", i primi due "Spider-man", "A history of violence", "Watchmen", "Il cavaliere oscuro". Basta solo trattare con una certa decenza il materiale di partenza, cosa che qui non è stata fatta.

    RispondiElimina
  11. giusto! ce ne sono alcuni però che mantengono proprio i connotati estetici del fumetto, altri meno.
    tra i primi per me i capolavori massimi sono 2:
    http://robydickfilms.blogspot.com/2010/11/danger-diabolik.html
    http://robydickfilms.blogspot.com/2010/06/v-for-vendetta.html

    RispondiElimina
  12. no Roby, "V for vendetta no"! XD

    RispondiElimina