domenica 11 aprile 2010

Los Cronocrimenes (aka Timecrimes)

11
2007, Nacho Vigalondo.

Un uomo con la moglie ha appena preso possesso di una casa in montagna. In un momento di relax scorge nel bosco antistante la recinzione una giovane donna che si spoglia. Esce e la va a cercare. Quando la trova è nuda e distesa vicino ad un masso. Ha perso i sensi, o è morta, non ho capito. Mentre s'avvicina viene aggredito con una forbice da un uomo con la testa completamente fasciata da una garza rosso-rosa. Fugge. Finisce in una casa vicino. Sfonda una vetrata ed entra. Trova apparecchiature tecnologiche il cui scopo è indefinibile ed un walkie-talkie acceso. Parla ed un uomo gli risponde. Gli consiglia di fuggire fino all'altro edificio dove lui si trova perché l'inseguitore. Hector, l'inseguito, raggiunge l'uomo, una specie di scienziato, che lo invita ad entrare in una vasca piena di un liquido bianco per nascondersi dal "garzato" che sta arrivando. E' notte, la vasca si chiude, potrebbe annegare, ma ne esce vivo solo che ora è giorno. Ma è giorno precedente, non successivo! Ha viaggiato nel tempo...

Troppo un peccato rivelare il resto della trama. Scopriremo che ci sono un Hector 2, anche un terzo, che viaggiano in un tempo circolare e che ci faranno rivivere più volte tutta la parte iniziale più o meno descritta da diverse angolazioni, con diversi ruoli giocati, con aspetti visibili quando prima non lo erano. Cose che spesso si fanno nei film ricorrendo a flashback e che qui invece procedono avanzando nel tempo.

Non è una banale ricostruzione di fatti secondo causa ed effetto nella quale, agendo nel passato, si può modificare il futuro a cui tornare. I vari Hector coesistono sul tempo lineare che diventa in realtà virtuale rispetto a quello circolare perché i fatti si spiegano solo se si accetta il triplicamento dello stesso.
Una trama che affascina, diverte. Coinvolge anche per l'attenzione che richiede nel memorizzare ogni situazione che si ripete, con la solita morbosa voglia di cercare l'incoerenza che però non c'è.

Si può girare con quattro soldi un film molto originale? Sì.
Continuo a pensare che anzitutto devono esserci le Idee, che io chiamo sempre e genericamente Contenuti, poi vengano, anzi ben-vengano, effetti, pure 3 e 4 D, tutto quello che si vuole.
Bravissimo Vigalondo! Anche sceneggiatore e attore (interpreta lo scienziato). Un altro talentuoso spagnolo, paese che ormai definire emergente è molto riduttivo. Ne sentiremo ancora parlare.

11 commenti:

  1. da appassionato di film sui viaggi nel tempo quale sono, questo mi sa che non me lo posso perdere!

    RispondiElimina
  2. D'accordo con te e con Marco, m'incuriosisce troppo...
    Devo aggiungere che, di questi tempi, qualsiasi paese sia da definirsi emergente, rispetto al nostro in cui ad emergere e galleggiare sono (quasi) solo gli stronzi... Se nel nostro cinema i giovani talenti con idee originali vengono trattati come nel campo letterario, abbiamo poco da stare allegri...

    RispondiElimina
  3. non vi pentirete della visione.
    hai ragione Zio, ma ho speranza che qualcosa cambierà... ;-)

    RispondiElimina
  4. di qualche speranza ne ho scritto qua:
    http://robydickwritings.blogspot.com/2010/04/cinema-sempre-piu-libero.html

    RispondiElimina
  5. Molto bello questo film. Ritorno al futuro, lacrimuccia.

    RispondiElimina
  6. visto grazie alla tua segnalazione. film veramente grandioso, pieno di inventiva. il regista/sceneggiatore è per me fin da ora un genio!
    non so come una pellicola del genere abbia fatto a passare piuttosto inosservata, visto che tiene incollati allo schermo dall'inizio alla fine e la sceneggiatura non ha cedimenti. ho cercato info, e a hollywood sembra che qualcuno ne abbia già comprato i diritti. basta che facciano un remake pari pari ma con un attore protagonista famoso e si fanno una barca di soldi

    grazie ancora per la dritta!
    e viva il cinema delle idee

    RispondiElimina
  7. bella lì Marco! è stato un piacere. :-)
    sì sì, curiamolo questo regista-sceneggiatore, ne vedremo altri di ottimi.

    RispondiElimina
  8. bravo Ganz, fa piacere vedere altri che conoscono questa perla dispersa.

    RispondiElimina
  9. minchia hector che gran stronzo che è. bel film però, grandissima segnalazione roby!

    RispondiElimina
  10. ciao nick! sono contento che t'è piaciuto :)

    RispondiElimina