sabato 1 luglio 2006

Z - L'orgia del potere

6

1968, Costantin Costa-Gavras.

Film storico politico di grandissima e meritata fama.
Costa-Gavras non è affatto tenero col suo paese d'origine, solo un anno dopo il colpo di stato dei colonnelli.
Faticoso parlare di cinema in questo caso. Pur avendo questo film una qualità spettacolare per i tempi nella regia, nel montaggio, ecc..., la sua importanza sconfina e prevale al di fuori dell'arte.

Ho cercato qualcosa che lo descrivesse in breve e questo è il meglio che ho trovato: QUI
Ne quoto la parte tematica...

Alla fine dei titoli di testi appare una scritta: Ogni somiglianza con avvenimenti reali, e con persone vive o morte, non è affatto casuale. E' voluta. Questa premessa è importante per collegare eventi e personaggi che il film lascia vaghi e indeterminati (non vengono indicati nomi e nemmeno la città e lo Stato dove si svolge l'azione) ad una vicenda precisa. Il riferimento più che trasparente è all' assassinio, avvenuto a Salonicco in Grecia il 22 maggio 1963, del deputato pacifista Gregorios Lambrakis, professore di medicina all'Università di Atene, e alle successive indagine del coraggioso giudice istruttore Sartzètakis.

Il film denuncia il movente politico dell'uccisione del deputato dell'opposizione, causata da un ramificato e vasto complotto diretto dai vertici dell'esercito e delle forze dell'ordine con la collaborazione di un'organizzazione dell'estrema destra fascista, che si serviva di sottoproletari ignoranti e ricattabili.

Girato nel 1968 ad un anno dal colpo di Stato militare che pose fine alla democrazia greca, Z, l'orgia del potere intende anche offrire un quadro del clima politico da cui il cosiddetto regime dei colonnelli è scaturito. Ne esce un contesto caratterizzato da un grave inquinamento all'interno delle forze armate e della magistratura, ampiamente dominate da forti pulsioni reazionarie e fascisteggianti, che configura per la Grecia una preesistente condizione di semidemocrazia o, se si preferisce, di libertà vigilata, che rendeva difficile e rischiosa l'attività politica delle opposizioni.


Se volete saperne un po' della "dittatura dei colonnelli" su wiki c'è una splendida pagina:

Questo film è un Dovere vederlo.

6 commenti:

  1. Costa-Gavras è uno dei miei registi del cuore e questo film il suo capolavoro. Hai ragione, trascende l'arte, ti indigna, ti rivolta l'anima, ti fa sanguinare. Quando "Z" uscì al cinema la prima volta "l'orgia" in Grecia c'era ancora. A Udine in quel periodo arrivò in teatro anche il grande Mikis Theodorakis. Anni fa, quando ho rivisto il film, mi sono copiata da Wiki il lungo e tragicomico (più tragico che comico) elenco di tutto quel che i colonnelli vietavano. Per la tua lista lavori, se ti va: "Betrayed", "Music Box - Prova d'accusa" e il bellissimo "Amen". Con calma però, credo tu stia già dando il massimo e non so come fai... Purtroppo l'ultimo suo film, "Verso l'Eden", mi ha deluso e concordo con i critici: da uno come Costa Gavras non ti aspetteresti tanta superficialità nel trattare un tema così delicato e importante.

    RispondiElimina
  2. non so come ringraziarti d'avermi ricordato Costa-Gavras!
    no no, io la lista lavori continuo ad aggiornarla, spero di vivere ancora a lungo, ahah!, ma battute a parte, non dimenticare Il Cacciatore di teste, film quasi ignorato ed invece di pregio.

    RispondiElimina
  3. Posso permettermi, a questo punto, una leggera ma, credimi, innocua aria di sufficienza.... che soddisfazione! L'ho visto e anche "Chiaro di donna", con quella straordinaria attrice che era Romy Schneider. Scherzo, io in genere parlo solo di grandi film che prima o poi, è ovvio, si finisce per conoscere, tu scopri le perle rare. A proposito, grazie per Freaks! Non centra niente, ma il genere animazione non ti interessa, oppure .... che?

    RispondiElimina
  4. A voja che puoi permetterti! :D
    Freaks è una meraviglia, dovrei riguardarlo...
    Fantasy e animazione non mi fanno impazzire, è vero, ma ho visto ottime cose solo che ancora non avevo cominciato a scrivere questo blog. Uno che voglio rivedere assolutamente è La Città Incantata, davvero un capolavoro, e lo recensirò sicuramente.

    RispondiElimina
  5. cerco di non esagerare:)

    epico!
    immenso!

    RispondiElimina
  6. ismaele... non esageri! :)
    ciao

    RispondiElimina