lunedì 8 febbraio 2010

The Manson Family

5
2003, Jim Van Bebber.

La storia del criminale Charlie Manson, e dei suoi accoliti trasformatisi in criminali sanguinari, colpevoli tra l'altro della strage in cui morì Sharon Tate, attrice e moglie di Roman Polanski.
La storia su wiki è più che completa.

Il film sembra prodotto negli anni 70, le scene sono volutamente "anticate". Tutte le riprese, persino le interviste, sono finzione ma vengono fatte apparire come documenti dell'epoca (1969).
Presentato come "il film più violento di sempre", a parte orge, uno stupro, accoltellamenti efferati, francamente ho visto di molto peggio.

L'ho guardato con interesse per i fatti più che per il film, che temevo sarebbe stato piuttosto mediocre e così è stato.
Espedienti narrativi da trash, recitazioni ridicole, non mi ci perdo nemmeno 5 minuti a raccontarli. Sesso e droga a profusione, qualche tentativo d'impressionare con una marea di sangue, mi hanno fatto solo sorridere.

Peccato perché la storia vera di Manson "meritava" qualcosa di più, ed è proprio quella che rende un minimo sensata la visione.

5 commenti:

  1. Roby, dai una sbirciata a "Blindness", ne vale la pena;)

    RispondiElimina
  2. grande segnalazione vitone! intrigante...
    grazie :)

    RispondiElimina
  3. piacque molto anche a me all'epoca.

    RispondiElimina
  4. Sì, sono abbastanza d'accordo per quanto riguarda "The Manson Family", ma guardate "Deadbeat at Dawn" (1988), il suo film d'esordio, è uno dei più importanti e diretti film indipendenti americani degli anni'80.

    RispondiElimina
  5. lo sto cercando Wilson, dopo il tuo consiglio. ne ho anche letto in giro un gran bene di Deadbeat...
    e l'avrei anche trovato, ma mi mancano i sottotitoli

    RispondiElimina