mercoledì 17 febbraio 2010

Tetsuo II - Body Hammer

10
1991, Shinya Tsukamoto.

Due anni dopo il mitico Tetsuo - The Iron Man, Shinya ce ne propone un sequel, stavolta a colori, che presto diventerà il secondo episodio di una trilogia.

Bene! Sequel sa di cinema, Trilogia ha più un sapore artistico, poi questi film sono un godimento puro, ben venga il terzo.

A differenza del primo, qui le cose procedono diversamente ed è molto meno criptico, grazie ad un finale che, per quanto fantascientifica, dà una spiegazione "logica" agli eventi, perlomeno sul protagonista diretto...

Un uomo con moglie ed un figlio si ritrova perseguitato da una banda di violenti che sembrano una setta. Gli ammazzeranno brutalmente il figlio e sottoporranno lui ad una sorta di esperimento scientifico. La sua rabbia però esploderà, e quando esplode si manifesta con una metamorfosi fisica "alla hulk" ma ben peggiore: diventa una specie di robot dal cui corpo spuntano bocche da fuoco terribili. Come detto, il finale spiegherà molto.

Pure come secondo episodio, non lo ritengo direttamente paragonabile al primo Tetsuo, decisamente più visionario ed indecifrabile. Rimane il filo-rosso del deus-ex-machina de facto, uomo ed acciaio in un solo essere. Qua però si punta di più ad una trama logica: la macchina nell'uomo è latente e diventa manifesta e devastante al manifestarsi dell'ira nell'uomo stesso.

Più curato nelle immagini, meno spartano, non solo per il colore. Ancora telecamere in spalla ma anche no. Ancora musiche con baccani industriali, sempre fantastiche. Primi esercizi di ripresa veloce e ritmata, prime scene di palestra, come se ne vedranno poi di spettacolarissime in Tokyo fist.

In breve: inutile farsi menate da puristi nei confronti col primo!
Anche questo film è una scarica d'adrenalina sparata diretta in vena, gratis e non dannosa per la salute. Un peccato non farsela.

10 commenti:

  1. Se te la senti caro Roby, ti consiglio "the collector": tensione a fiumi,splatteroso e sanguinolento mmmmmm...gnam!:)

    RispondiElimina
  2. wow! ho visto qualcosina su quello, stasera metto in "procuramento" in versione originale, promette molto bene.
    grazie vitone!

    RispondiElimina
  3. Ok, ho capito che è bello tosto...
    La chiosa finale pare uno spot: metti di tre quarti, e guarda in camera con l'occhio sbellicato! ;-)
    Cmq, leggere le tue recensioni è sempre uno spasso a prescindere dai gusti!

    RispondiElimina
  4. eh caro Lu, lo so che non è il tuo genere. :-)
    a me piace tantissimo saltare da un genere all'altro.
    sei sempre gentile, grazie.

    RispondiElimina
  5. Guarda che il terzo esiste già: Tetsuo - The Bullet Man è stato presentato una (o due) stagioni fa a Venezia, ne parlò anche Ghezzi a Blob definendolo "sublime"! resta il problema della reperibilità...

    RispondiElimina
  6. uh?!? davvero? ero disinformato, grazie Ale.
    parte la ricerca allora! :P

    RispondiElimina
  7. No-no, altro che gentile.. Mi meraviglia leggere di questi film proprio perchè, per mio conto, con ogni probabilità non ne avrei mai saputo nulla. Quindi per me è come leggere un racconto sconosciuto. Più o meno tale e quale. :-)
    Anche tu sei tra la bella gente che scrive davvero bene, che ho conosciuto tramite il blog. E per voi ho una certa idea, ma ve ne parlerò più avanti..
    Cia'! ^__^

    RispondiElimina
  8. Se ne trovi una versione accettabile informami per favore, ovviamente mi interessa molto!

    RispondiElimina
  9. No, non è il genere di Lu... ma il mio sì! :)
    Dai, lo mettro tra i film da vedere!

    RispondiElimina
  10. eheheheh, Alex...ma quanto mi conosci! Attento però, chè potrei sorprenderti!








    ....hai ragione: non potrei.

    RispondiElimina