giovedì 25 febbraio 2010

Voglio la testa di Garcia

9
1974, Sam Peckinpah.

Una giovane ragazza non sposata è incinta. Un favore che il padre, un boss messicano, vuole lavato col sangue. Vuole che gli si porti la testa di Alfredo Garcia, il colpevole. Offre una taglia altissima e parte la caccia all'uomo... peccato rivelare la trama.

Uno strano on-the-road in Messico a ritmi western e gusto noir, come solo un maestro del genere western-non-banale poteva fare.
Un mondo statico, deregolato al limite (nonostante i tanti morti mai vedremo un poliziotto!), anacronistico. Personaggi cinici e spietati, persino i fricchettoni peace-and-love lo sono.

Nient'altro da aggiungere. Bellissimo.

9 commenti:

  1. E' il tuo primo film di Peckinpah? Non credo. Questo non l'ho visto ancora, certo che tu conoscerai già il suo capolavoro "Il mucchio selvaggio", poi ci sono anche Pat Garrett & Billy the Kid (non amo molto il western classico, ma questi sono ben altra cosa), Geteway, Cane di Paglia, ecc.

    Peckinpah è un grande.

    RispondiElimina
  2. Devo ripassarlo parecchio e pensavo di cominciare proprio dal Mucchio.
    Fra qualche gg, stasera ho un grande Welles in programmazione... ;-)

    RispondiElimina
  3. bene, vedo che ti sei portato il lavoro in vacanza... ;-)

    RispondiElimina
  4. non il migliore di Peckinpah(che adoro), io preferisco "la ballata di Cable Hogue"

    RispondiElimina
  5. quoto,grandissimo spaghetti road movie dal ritmo incalzante,Bennie sprigiona carisma e certe scene son così grezze che non te le scordi(per fortuna direi).
    Quando si ferma nel chioschetto per chiedere del ghiaccio e pargheggia la macchina lì davanti ,come se niente fosse, con dentro il sacchetto la testa di garcia in stato di decomposizione,mi sono esaltato davvero.
    Pellicola chiaramente riservata agli aficionados del genere e che sicuramente regala momenti di grande cinema.
    Un magico Peckinpah

    RispondiElimina
  6. ciao Trita! che piacere vederti qua :P
    vieni più spesso dai, i film che recensisco saranno 1/100 di quelli che ti vedi te.

    sì, questo film è proprio un cult.

    RispondiElimina
  7. ma va roby,sto dando un occhiata alle tue recensioni e me ne mancano più di quanto credi,cerco di vederne il più possibile perchè sono goloso.
    non so se hai visto synecdoche new york di kaufman ,un film impossibile da commentare,io non sono riuscito a dire una sillaba in merito,sono curioso di leggere al più presto qualcosa di tuo.Sono rimasto scioccato da quel film

    RispondiElimina
  8. synecdoche è già pronto, magari anticipo la visione e ti dico

    RispondiElimina