domenica 1 novembre 2009

Gummo

17

1997,  Harmony Corine.

L'uragano Gummo ha devastato una piccola cittadina dell'Ohio nella provincia americana più provincia e più emarginata di altre. Alla distruzione sono sopravvissuti soprattutto bambini e adolescenti quasi tutti orfani.
Gummo non ha scoperchiato solo le case, ma anche un mondo sommerso decisamente mostruoso che aspettava solo l'occasione buona per emergere. Senza alcuna trama precisa, a volte con interviste ai sopravvissuti, altre con brevi episodi illustrati, ne veniamo a conoscenza in modo casuale. Me ne risparmio il racconto.

Dallo sceneggiatore di Kids, ora anche regista per la prima volta (a 20 anni!), un film indefinibile, certamente non scontato e non banale.
E' una visione da valutare individualmente, poi si può inorridire e fermare subito il film oppure, com'è capitato a me, andare fino alla fine e godersi un finale di contrasti forti.

Da italiano mi viene in mente un parallelismo sul non-sense cinico che affascina di Ciprì e Maresco, ma dubito molto che Corine sappia chi sono o perlomeno che lo sapesse 12 anni fa.
Un altro parallelismo, già ispirato da Kids, è con "Il signore delle mosche", nel senso della rappresentazione della cattiveria, cinismo, anche mostruosità che può derivare da adolescenti abbandonati a sé stessi. Che "può"...

17 commenti:

  1. questo me lo tenevo in lista da un po'... appena lo guardo ti faccio sapere. ma questo corine merita anche per altri film?

    RispondiElimina
  2. è molto particolare corine, io sono tra chi lo ama, altri manco riescono a guardarlo. l'ho conosciuto in questo bel film: http://robydickfilms.blogspot.com/2009/10/kids.html , era sceneggiatore, poi ha fatto questo film che più o meno conosci, e poi quest'altro: http://robydickfilms.blogspot.com/2009/11/julien-donkey-boy.html che è la sua perla assoluta. considera che i suoi film sono nel Dogma 95, e già questo...

    li guarderei nell'ordine.

    RispondiElimina
  3. caspita, non sapevo ne avesse fatto parte! quelli che hai citato me li procuro il più svelto possibile. apro una parentesi, mi aspettavo di trovare una recensione di 'e morì con un felafel in mano' di lowenstein... lo conosci?

    RispondiElimina
  4. conosco "felafel" per fama ma ne ho letto male un po' ovunque, e me ne sono disinteressato. per alcuni è un cult. tu lo consigli?

    RispondiElimina
  5. prima visione: "mh. si. bello ma. però. boh"
    seconda visione: sono rimasto a bocca aperta e ho cominciato a rompere i coglioni a tutti con citazioni più o meno fedeli.
    il film ha sicuramente tanti pregi: una fotografia spartana ma a tratti eccezionale e una colonna sonora da urlo (nick cave, rem, iggy pop etc etc).
    tutto sommato credo sia uno di quei film 'generazionali' (un po' come 'on the road' di kerouac e 'siddharta' di hesse per i libri): o hai l'età/mentalità giusta per apprezzarlo, o lo odi a morte.

    RispondiElimina
  6. be', non lascia indifferenti!
    a proposito di generazioni: pensa che corine aveva 24 anni quando il film uscì...

    RispondiElimina
  7. Anarchia per eccellenza. Prima che Korine si unisse a quella brutta gente del Dogma (girando comunque uno dei pezzi migliori).

    RispondiElimina
  8. brutta gente? ahah! già, tu non ami particolarmente il fondatore di Dogma...

    RispondiElimina
  9. Ma anche gli altri partecipanti al giochino, mi sta un po' tra gina e pina.

    RispondiElimina
  10. nel Dogma non ci sono solo film "estremi", se permetti te ne segnalo uno che nemmeno me ne sono accorto che lo fosse durante la visione, molto carino: http://robydickfilms.blogspot.com/2009/11/italiano-per-principianti.html

    RispondiElimina
  11. A me non è l'estremismo a dar fastidio, è la paraculaggine del tutto è la spocchia che ci mettono.

    RispondiElimina
  12. c'ho messo un po' di tempo ma alla fine ce l'ho fatta. prima kids, ora questo.. e corine mi sta sempre più simpatico. ho già lì lì in caldo 'julien donkey boy' che m'aspetta.
    e a proposito di kids e ragazzi lasciati a sè stessi, ho letto che a parigi c'è una mostra fotografica di larry clark e puoi ben immaginare le reazioni di protesta dei benpensati e tutto il resto. la cosa però che mi ha fatto davvero ridere (o piangere? boh...) è il fatto che molti visitatori ne fossero usciti delusi perchè "se la aspettavano molto più 'adulta' '', mentre molte foto erano ritratti. robe da matti. robe da matti dico che c'è gente davvero malata a questo mondo.
    buona settimana!

    RispondiElimina
  13. julien è la punta estrema di corine! :)
    ma che cazzo vogliono da clark? come la faceva la sbagliava praticamente! e dei film di corine allora cosa penseranno? ahah!
    interessante news nick, grazie.

    RispondiElimina
  14. un film furbo che gioca sul suo essere volutamente incomprensibile se non dopo attente analisi e valuitazioni. Può essere intressante come esercizio di syiole, ma personalmente mi ha lasciato davvero poco.

    RispondiElimina
  15. difficile che film così lascino un giudizio "medio", ci si può appassionare divertendosi o per nulla. non escludo tu abbia ragione sulla furberia ;-)

    RispondiElimina
  16. Non amo i film (e il libri) fatti bene e originali ma che portano la firma: "sono il primo della classe guarda che casino che roba hard". Mi lascian freddina anche se mentre li guardo penso "bello". Insomma, l'ho trovato fasullotto.

    RispondiElimina
  17. lambertibocconi, non ti biasimo, capisco bene che i film di Corine possano fare questo effetto

    RispondiElimina