venerdì 14 maggio 2010

Hard Candy

10
2005, David Slade.

Un grande peccato rivelare la trama, che riserva continue sorprese. Mi limito all'argomento e a poche tracce essenziali.

Hayley è una ragazzina 14enne, Jeff un fotografo di discreto successo. Tipica conoscenza tramite una chat, è Hayley con spigliata iniziativa a stimolare un incontro, che avverrà. E' sempre Hayley ad andare a casa di Jeff, volontariamente. Poi, una volta arrivati e rotti gli indugi, fra allusioni e doppi sensi, Jeff si ritroverà prigioniero in casa sua dell'intraprendente ragazzina, che lo accuserà di essere un pedofilo, colpevole dello stupro ed uccisione di una sua cara amica, ed è decisa a fargliela pagare...

E direi che ho detto abbastanza, il resto ve lo lascio godere e scoprire. Mi limito a dire, concludendo considerazioni da cinefilo, che il film pur con un bassissimo budget è girato bene, molto intenso, i primi piani dei personaggi sono splendidi. L'attrice Ellen Page, all'epoca delle riprese 18enne, davvero notevole e col suo fisico minuto (alta 1,55m) s'è rivelata perfetta nel ruolo.
In breve: un thriller-horror di grandissima godibilità, anche se ci si vuole estraniare dall'argomento, piuttosto forte. Senza o quasi sangue, senza scene di nudo o sesso, ma di grande tensione.

Se invece non ci si estrania è impossibile che il film non faccia riflettere, e non poco. Ho scoperto questo film nel blog di modesty che ne ha scritto una esperienza più che una recensione. Il suo essere donna le ha permesso, cosa a me biologicamente non concessa, di comprendere al meglio carattere e comportamenti di Hayley nella vicenda, ne consiglio la lettura.

Io da uomo sono rimasto su una posizione incerta per tutto il tempo. Pur patteggiando per la ragazza a scena aperta, la cui bellezza, intelligenza, capacità e lucidità non possono lasciare indifferenti, ho seguito la vicenda fino alla fine con una certa apprensione anche perché, fino all'ultimo frame, non si riesce a capire se Jeff è realmente colpevole di quanto Hayley gli attribuisce, allora il garantista che è in te ti frena. Non si vedono immagini compromettenti, nessuna foto o prova, allora qual'è la verità? Se si pensa che il film è ispirato a "...un fatto di cronaca in Giappone, dove delle ragazzine adescavano in chat uomini più grandi, per poi accerchiarli e torturarli..." (da wiki), la cosa si fa ancora più enigmatica.

La locandina è perfetta nel suo simbolismo. Hayley, come un cappuccetto rosso post-moderno, si offre su una trappola fatale ad un lupo che si trasformerà in vittima. E' possibile vederlo come vittima Jeff? Come ho scritto, io stesso mi sono trovato a definire bella l'attrice, bella come personaggio. La pedofilia di cui si parla è border-line, perché se pensiamo a bambini fino ai 10anni o giù di lì siamo tutti d'accordo, ma qui ci troviamo davanti al solito dilemma: quando una donna o un uomo sono in età adulta per decidere liberamente della propria sessualità e con chi praticarla? Ricordo quando andavo alle medie che vedevo ragazze frequentare maturandi del liceo... Sfido chiunque, tra i maschi, ad ammettere di non aver mai guardato ormai adulti, con una certa libidine, ragazze di 14anni o poco più, con corpi e movenze da donne fatte e finite e però con un candore che alle donne "vere" non è più possibile. E poi giù la maschera!, il mondo le utilizza con cinismo già a quell'età quando sono belle, nella pubblicità (famosa quella degli slip Roberta), nella moda, nella televisione, nello stesso cinema, con genitori spesso cinicamente interessati che si fregano le mani ed ingrassano il portafogli. Nella moda poi, dove corpi smunti e magrissimi la fanno ancora da padrona, i richiami ad una fisicità più probabile da adolescenti che da adulti sono chiarissimi. E non parliamo di una certa Noemi va là, che sforiamo nel ridicolo che attanaglia vergognosamente il nostro paese.
Ammettiamolo, e mi rivolgo sempre ai maschi che conosco bene: un po' pedofili lo siamo in tanti quando ammiriamo certe ragazze. Certo, poi passare ai fatti con adescamenti e violenze è altra cosa, ma nei pensieri...

Si potrebbe dire ancora, ma mi sono dilungato già troppo.
Il film, definito in molti modi e torno a parlare dell'opera, ha il grande merito di un realismo assoluto.
Hayley è una paladina, una eroina di riscatto.

Assolutamente da vedere.
Film pluripremiato nel mondo, in Italia non è uscito nelle sale ma è disponibile in dvd.


10 commenti:

  1. Questo è da un pò che voglio vederlo ma non ho ancora avuto occasione. la tua recensione è curiosa e stimolante. Spero di poter colmare presto la mia lacuna...

    RispondiElimina
  2. idem è una vita che sto film e devo ancora vederlo. domenica me lo proietto

    RispondiElimina
  3. devo vedermelo x forza. aspetto però di essere nel mood giusto, che non mi sembra un film leggerissimo da affrontare

    RispondiElimina
  4. Un thrilling eccellente, secondo me uno dei migliori di questi ultimi anni, inquietante fin dalle prime scene, poi claustrofobico, con un crescendo di tensione in cui sprofondi e che diventa talmente insopportabile quando subentrano i dubbi sulla reale colpevolezza di Jeff, e i ruoli di vittima e carnefice si capovolgono, da farti attendere con ansia la fine, qualunque essa sia.
    La tua recensione Roby è così completa (anche per la sincerità delle tue considerazioni di "maschietto"...) che non c'è proprio nulla da aggiungere.
    Presa dall'entusiasmo ho visto anche il successivo "30 giorni al buio" che invece mi ha del tutto deluso.

    RispondiElimina
  5. è proprio da vedere ragazzi...

    grazie Grazia, anche per il consiglio sul "30 giorni".

    RispondiElimina
  6. Uuuuhh bello bello! Me lo voglio proprio vedere:)

    RispondiElimina
  7. Aahahha! L'avevo già visto, che pirla;)

    RispondiElimina
  8. non volevo commentare prima di aver visto il film, però voglio dire che le tue "considerazioni maschili" sono oneste e veritiere. Non a caso in una canzone romantica su due l'oggetto d'amore viene chiamato "Baby"...

    RispondiElimina
  9. @vitone: sei fuori come una grondaia, ahah!

    @zio: eh già, "ooooh baby baby it's a wild world" cantava Cat Stevens. Le parole parlano, ottima osservazione. Una volta notai che in inglese i termini "destra" e "giusto" sono in una sola parola: right. che sottenda significati politici? mha :)

    RispondiElimina
  10. Ciao Roby! Lo sai che appena mi capita tra le mani qualcosa di decente te lo segnalo subito:) Abbi pazienza. Ieri ho visto Peacock: all'inizio sembrava decisamente interessante...all'inizio. Brutto film ahimè.

    RispondiElimina