mercoledì 19 maggio 2010

Lourdes

12
2009, Jessica Hausner.

Questo film devo assolutamente metterlo nel mio Olimpo, per un semplice motivo. All'ultimo Venezia 2009, tra vari riconoscimenti ed apprezzamenti sia di critica che di pubblico, ha ottenuto anche 2 premi che prendere insieme ha del paranormale: Premio Signis (organizzazione cattolica internazionale per il cinema) e Premio Brian (unione degli atei e degli agnostici razionalisti).

Il film è la semplice storia di una comitiva che va in pellegrinaggio a Lourdes a trovare la famosa madonna che tanti miracoli compie tranne di documentabili. Subito la prima scena, perfetta, ci cala nel clima liturgico-esteriore del contesto. Una panoramica su una sala pranzo dove cameriere apparecchiano al ritmo della (bellissima!) Ave Maria di Schubert. E quello sarà il Ritmo dell'intera trama.
La nostra protagonista, Christine, è una donna giovane quasi tetraplegica, non è troppo convinta, partecipa, come dice, per avere l'occasione di una gita ed uscire di casa. Intorno a lei la maggior parte di volontari e volontarie improvvisate pensano più a flirtare tra loro che altro, quando non si raccontano fatti o barzellette che lasciano interdetti. E tutto, sempre, al ritmo dell'Ave Maria, una situazione imbarazzante dietro l'altra.
O meglio, con naturalezza e semplicità, con dialoghi brevi e precisi, puntuali, ci viene mostrato un mondo, quello dei disperati alla ricerca del miracolo e di tutto l'entourage che li circonda, che non può poi essere così diverso dal resto del mondo, nemmeno in quel luogo così totalmente votato a speranze inesaudibili, tranne quelle di chi ci fa affari sopra. Se come Christine vivi l'esperienza nel pieno delle tue facoltà mentali non puoi non porti delle domande ovvie: che razza di fede è questa? che dio è quello che tutto può tranne che guarirmi? ecc... . Per tutte le domande, anche le più subdole, c'è un pretucolo altamente specializzato in "lourdesate" che ha sempre una risposta pronta, che non dice niente di significativo, ma risponde! Forse l'essere più bieco, pur con la sua cicciotta facciotta fintopìa, di tutta la vicenda.
La domande più terribili riguardano gli aventi diritto al miracolo: cosa devo fare per ottenerlo? come devo pregare? ... . Quando, ad un certo momento, Christine si alzerà in piedi, scalerà un colle per una gita, addirittura ballerà, le cateratte dell'invidia e della stoltezza si spalancheranno! E questo, un finale ancora più spietato di tutto il resto, come anche qualche episodio affatto banale che ho omesso, lo lascio scoprire.

Tornando ai 2 premi ricevuti, le questioni sono 2: o la giuria cattolica ha preso una gran cantonata, ipotesi che ritengo più probabile ed a meno di essere dei perfetti idioti è chiaro che hanno scelto il film senza guardarlo, sarà bastato il titolo ad inebriarli d'estasi mistica; oppure hanno scantonato di bestia dai dettami più ortodossi e quindi saremmo di fronte ad una specie di scisma, una critica aperta al culto di madonne, santi, santoni, padripii e sorelleterese, ma questa seconda ipotesi è alquanto improbabile, la scarterei.
Clamoroso, sto ancora ridendo come un pazzo, piegato letteralmente in terra! Ad ogni modo la macchina propagandistica occulta s'è poi mossa, 'sto film in italia se lo sono cagato in pochi, pubblicizzato zero, nelle sale ha fatto appena in tempo a comparire, ha incassato meno di uno spettacolo di marionette.

Per concludere... tutto ciò non toglie il fascino assoluto, mistico, della musica più volte citata. E' una preghiera di grande umiltà, dolcissima e, come direbbe il mio caro amico Lu, piena di Grazia...


12 commenti:

  1. Ti ringrazio per la recensione. Mi hai fatto ricordare che volevo vedere questo film, ma l'avevo dimenticato. E visti i miei post di questi giorni, capita a fagiolo. ;)
    Lo cercherò e ti farò sapere.

    PS Anche "Religiolous" era stato boicottato, ma in quel caso si trattava di un film contro tutte le religioni monoteiste. L'ho visto successivamente e devo dire che - tranne poche, pochissime cose - non mi è piaciuto affatto. Tanto fumo, ma di arrosto neanche un avanzo.

    RispondiElimina
  2. lo vedrò roby, ma mi sembra una gran cazzata come lourdes stessa del resto.

    comunque chissà, forse, magari, imprevedibilmente potrei sbagliarmi.

    forse.

    RispondiElimina
  3. Quanto hai detto che ha incassato in Lobotom-Italy? Pochino? Mannò. Maddài. Ma che strano: non ci credo...

    Mio personale riadattamento di una tua frase (comunque a sua volta impeccabile): che razza di fede è questa, rivolta a un'idea di dio mafioso che ti guarisce se lecchi i piedi a lui o al suo presepe?

    "Cicciotta facciotta fintopìa": ma lo sai che mi stai diventando paurosamente bravo?! :D

    p.s. a me è piaciuto tantissimo anche Religiolus, che però valeva zero come opera d'arte, mentre questo non vedo l'ora di vederlo anche in tal senso.

    RispondiElimina
  4. @Zio Scriba:

    Religiolus è molto più educativo e lo fa senza pretendere di esserlo

    RispondiElimina
  5. il titolo certo non mi ispirava, però mi sa che è un film con il suo perché

    RispondiElimina
  6. Si, la seconda ipotesi la scarterei senz'ombra di dubbio. Magari! Saremmo di fronte a una grande svolta. Strano però siano stati così ingenui da non afferrare il messaggio...mah, se almeno sapessi dove trovarlo andrei a vederlo...ah!! Allora l'hanno capito solo un po' in ritardo!!

    RispondiElimina
  7. religiolus non m'attira minimamente, ma in futuro chissà...
    @Zio: grazie per il complimento :)

    no no ragazzi, questo film è davvero molto bello, forse non l'ho ben sottolineato nelle recensione, lo faccio qua ora. di grande fattura! altro che cazzata... anche a me il titolo aveva inorridito, lo ammetto, ho letto un articolo casualmente (a proposito di ostruzionismo...) e mi sono incuriosito.

    ci tengo anche a dire che c'è grande rispetto sia per la fede in generale e ci mancherebbe, ognuno fa quel che desidera, che in particolare per quei malati che disperatamente si recano in questi luoghi. il film non è un attacco né alla religione né ai fedeli, solo alla bassa mercificazione.

    c'è molto da dire poi sulla personale "ricerca del miracolo", magari ne parlo in Fanfare quando raccolgo sufficiente ispirazione, e su questo argomento non c'è fede o religione che si salva.

    RispondiElimina
  8. @simo: abbiamo commentato insieme :)
    in qualche cinema di seconda visione secondo me si trova o si troverà a breve. non credo però in quelli gestiti dagli oratori, ahah!

    RispondiElimina
  9. ottima recensione mi è venuta voglia di vederlo sicuro
    un saluto

    RispondiElimina
  10. dovevo assolutamente vederlo, dopo la tua esortazione lo metto tra le visioni imminenti e nel frattempo ti dico: GRANDE ROB! gran bella rece !

    RispondiElimina
  11. grazie, sempre molto generosi...
    a propo' di film "occultati", stasera sono stato alla serata inaugurale della rassegna di cinema brasiliano che ogni anno fanno a milano, ho visto una vera perla, produzione italo-brasiliana, presto vi dico...
    ciao! :-)

    RispondiElimina
  12. Ops, un commento qua e uno là, mi scordavo di questo. A tutti quelli che sono titubanti, magari solo perché sviati dal titolo, dico solo di vederlo prima di giudicare. Anch'io ero diffidente, poi mi sono incuriosita quando BadGuy tempo fa lo ha "assolutamente" consigliato, e aveva ragione. Non aggiungo di più.

    RispondiElimina