giovedì 6 maggio 2010

Strange Days

8
1995, Kathryn Bigelow.

Vigilia dell'ultimo dell'anno 1999. Los Angeles di prepara al capodanno del nuovo millennio in una situazione caotica, ad altissimo tasso criminale diffuso, strade colme di polizia ed esercito, gente che gira armata, violenza ovunque, incendi.
C'è ulteriore tensione a causa della morte poco chiara di un musicista nero, gli afroamericani sono carichi come molle, la polizia teme disordini di massa.

Lenny Nero, ex poliziotto, è una specie di spacciatore. Si procura e poi fornisce a clienti selezionati "wire-trip clips", dei filmati che sono stati effettuati mettendo in testa ad una persona una particolare apparecchiatura che registra ciò che i suoi occhi vedono oltre ai rumori ovviamente. Con un dispositivo che si chiama Squid, un lettore cd che si collega al cervello, chiudendo gli occhi e premendo play si rivivono le esperienze vissute dagli altri in playback...

Un genere mostruoso di questi video sono i Black-jack, cd contenenti esperienze di sofferenze agghiaccianti o di morte. Lenny rifiuta questo genere, ma uno lo dovrà vedere, glie lo ha fornito Iris, una prostituta che lui conosce, uccisa con modalità psicologicamente terribile. Si troverà coinvolto in una faccenda delicatissima...

Personaggi noir fatti e strafatti di droghe e di Squid, musica punk rap rock sempre durissima (Juliette Lewis la canta anche personalmente), riprese dinamiche di grande livello. Per gli Squid è stata approntata appositamente una steadicam con 35mm (ed un operatore evidentemente acrobatico). Storia piena di richiami a situazioni esistenti o preesistenti, come la rivolta dei neri, realtà virtuali, caos ingovernabili.

Due ore e un quarto che volano! Decisamente da vedere.


8 commenti:

  1. capolavoro assoluto della Bigelow...nient'altro da dire, basta solo il piano sequenza inziale da orgasmo!!

    RispondiElimina
  2. anch'io sono per definirlo un capolavoro
    uno dei film più importanti degli anni '90 e una juliette lewis strepitoooosa
    persino ralph fiennes che di solito non mi entusiasma qui è decisamente convincente
    film apocalittico ed epocale!

    RispondiElimina
  3. io francamente no..inizio bellissimo..poi la scena della lewis che balla è da grande cinema..poi il film,a parer mio,deraglia nel politicamente corretto,finale compreso,veramente banale...

    RispondiElimina
  4. Questo l'ho visto un totale di tempo fa....e non me lo ricordo!
    Ciao Roby.
    Ste

    RispondiElimina
  5. ciao Ste! :D

    capisco cosa intende brazzz... anche se sono meno "severo" c'è qualche neo effettivamente che non mi ha fatto gridare al capolavoro. se avesse mantenuto il noir duro sempre ed anche nel finale, come Blade Runner, sarebbe stato meglio effettivamente.

    resta però un ottimerrimo film! :)

    RispondiElimina
  6. nel finale un messaggio di speranza di può stare dopo un film così scuro. non sempre i lieto fine sono una cosa negativa, vedi l'happy end di kill bill

    RispondiElimina
  7. Cavolo..come si dice questa è un altro filmone...che parte un pò in sordina...sarà la luce scura...questi sogni indotti...ma alla fine vieni travolto e coinvolto.

    *Sai come faccio a sapere che è la fine del mondo Lenny? Perché tutto è già stato fatto, capisci? Ogni genere di musica è stata provata, ogni genere di governo è stato provato, capisci? Ogni cazzo di pettinatura, ogni orrendo gusto di gomma da masticare, i cereali per la colazione, ogni tipo di schifoso... capisci che intendo? Che ci resta da fare? Come faremo a sopravvivere, per altri mille anni?*

    RispondiElimina
  8. ahah! bella citazione Laura. è un po' pessimista però è emblematica

    RispondiElimina