sabato 3 gennaio 2009

Viaggio segreto

0

2006, Roberto Andò

Leo e la sorella minore Ale vivono a Roma sin da quando erano bambini. La loro infanzia è però trascorsa in provincia di Siracusa, in una bellissima villa di campagna, dove è stata bruscamente interrotta da un dramma familiare. Leo è uno psicanalista. Ale, ancora molto giovane e bella, aspira alla carriera di attrice e sta per sposarsi con un artista, ricco ed intelligente, di origine slava (bella partecipazione di Emir Kusturica).

Tra i 2 fratelli c'è una particolare relazione, strettamente legata al dramma che hanno vissuto.
Leo riceverà una lettera che lo riporterà nei luoghi natii. La casa è in vendita. Partirà senza informare la sorella, rivivrà gli eventi in sequenza causale fino ad arrivare al tragico evento, che stupirà.

Bellissima storia, drammatica e commovente. Regia raffinata con grande cura nelle riprese e nella fotografia. Anche la musica è ricercata e perfetta. Un grande film italiano, possiamo dirlo!
Le riprese a Siracusa, una delle poche città siciliane che ho potuto ammirare personalmente, sono davvero belle. La villa è un condensato dello splendido barocco siciliano e delle minimaliste ed essenziali masserie che parimenti meritano una visita, emanano un ritmo vitale particolare.
E la spiaggia? Forse quella di Fontane Bianche ma non ne sono certo. Quelle scene girate con lo sfondo del mare emozionano. Le rocce calcaree, d'un bianco abbacinante...

Cinema: cosa fa pronunciare questa parola con certezza? Me lo sono chiesto più volte durante la visione. La sceneggiatura, molto bella, poteva essere polverizzata in una di quelle schifezze immani che prendono il nome di fiction o novelas. Gli ingredienti ci sono tutti.
Invece questo è Cinema. Non ci sono dubbi. Ci sono i tempi di ripresa, la corretta enfasi data ad ogni inversione di narrazione, la musica, le interpretazioni dei bravi attori.
Difficile dare una definizione di Cinema in senso artistico. Forse è un "concerto di arti".

L'orchestra può suonare o steccare, agire in armonia o con snervanti aritmie. Dipende chi la dirige.

0 commenti:

Posta un commento