martedì 20 gennaio 2009

Little Odessa

6

1994, James Gray.

Un grandioso Tim Roth interpreta Joshua, un sicario spietato. Siamo a New York, in pieno inverno. La famiglia ebrea di origini russe di Joshua vive a Brooklyn, appunto in una grande comunità ebreo-russa, ma lui non la frequenta più per via della sua scelta di vita. Un "incarico" lo riporterà nel suo quartiere...

Difficile situazione familiare. Il padre lo ha rinnegato da tempo ed ha anche un'amante, la madre ha un tumore al cervello e a parte rari sprazzi di lucidità è in permanente sofferenza, il fratello minore non se la passa certo bene d'umore. L'arrivo di Joshua, che fatalmente andrà a ritrovare la sua famiglia, porterà non poco scompiglio. A parte il compito da portare a termine, il ritorno nel quartiere da cui manca da molto farà riemergere sopiti amori, rancori, e tante preoccupazioni. Tutti sanno di cosa si occupa Joshua e non sono affatto tranquilli.

Succederanno tante cose, che non svelo perché sarebbe un peccato rovinare la visione di questo film davvero notevolissimo. Ritmo costante e tensione pure. La vita di un sicario vissuta nella sua spietatezza come nei suoi affetti più cari. Momenti crudeli e momenti dolcissimi, sempre però con quel "non so che" che ti fa presagire un gesto inconsulto od un fatto eclatante in ogni istante. Bellissimo film, insisto. James Gray lo ha scritto e diretto: bravissimo. Ci sono alcune scene che danno emozione fortissima, sono diverse ma una su tutte: quella al cimitero ebraico, le lapidi a metà e lo sfondo della città, è arte.
Il finale sarà il destino del sicario, condannato alla sua scelta, di non dovere, o non potere, amare.

Ottimo per la stagione come visione. Tutti gli "esterni" sono girati in un ambiente imbiancato dalla neve e certamente hanno richiesto molta attenzione e pianificazione a regia e cast al completo. Ma è una neve fredda come il protagonista, certo non quella dei film natalizi.

Eccezionali le musiche. Non perdetevi i titoli di coda e alzate il volume che il brano lirico che sentirete è grandioso.

6 commenti:

  1. ciao. io sto facendo un lavoro su questo film, ma non riesco a trovare il titolo della musica di cerimonia funebre!! tu per caso la conosci? grazie

    RispondiElimina
  2. ciao!
    entro stasera te lo dico... ;-)

    RispondiElimina
  3. grazie mille attendo tue notizie.

    RispondiElimina
  4. ti avevo mandato una mail...
    cmq dovrebbe essere "Berliner messe" di Arvo Part, probabilmente.

    ciao

    RispondiElimina
  5. OHHHHHHHH! eccolo! gemello in gusti! :))))

    RispondiElimina
  6. abbiamo un legame dall'infinito passato io e te, cara Milena :D

    RispondiElimina