domenica 14 marzo 2010

Somers Town

12
2008, Shane Meadows.

Se si ama questo regista non si può non apprezzare questa sua ultima opera, che come altre non ha visto luce nei cinema italiani. Una piccola perla, forse "minore" solo per la durata (67') ma in tutto e per tutto Meadows.

Due ragazzi, uno inglese (il bravo Thomas Turgoose già ammirato in "This is England") e l'altro polacco si incontrano casualmente a Londra. Entrambi provengono da situazioni di disagio sociale: l'inglese dalle (sempre presenti nei film di Meadows) Midlands, Nottingham, dove ha lasciato una non-famiglia e delle non-amicizie con un biglietto di sola andata; il polacco vive, con qualche stento, col solo padre che lavora come manovale.

Si innamoreranno entrambi di una bella ragazza francese più grande di loro, che lavora in un bar dove vanno ogni tanto, e quando lei dovrà tornare a Parigi coltiveranno il sogno di riuscire ad andarla a trovare...

Piccolo affresco in bianco e nero delle persone che la società ignora spesso che esistano.
Con un dolcissimo finale a colori 16mm.
Belle anche le canzoni, tradotte nei sottotitoli.

12 commenti:

  1. ma che piccola perla questa! è il primo film di meadows che vedo dopo il bellissimo 'this is england' e ne sono rimasto davvero colpito. ha un certo tocco che direi quasi da poesia urbana e quel finale proprio a colori non me lo aspettavo. molto molto bello.

    RispondiElimina
  2. tu sei la "mina vagante" in senso più che buono del mio blog, ogni tanto mi ripeschi certe cose... splendido film, hai ragione. non perderne di meadows, son tutti splendidi!

    RispondiElimina
  3. ahaha 'mina vagante' mi piace davvero molto xD comunque gli altri suoi ce li ho già belli che pronti per la visione.
    nel frattempo ti segnalo un corto di mezz'ora di spike jonze (where the wild things are, essere john malkovich) che si chiama 'i'm here'. molto molto poetico e a tratti così surreale da sconfinare idealmente nella realtà. onestamente sono molto dubbioso su un giudizio finale, non posso fare altro che continuare a dire 'si, bello ma...'; nonostante tutto ci si potrebbe fare un bel discorso, che di spunti ne ha.

    http://www.imheremovie.com/ (streaming hd in inglese)
    http://www.megaupload.com/?d=VVUS26AO (download subita)

    RispondiElimina
  4. ok, allora sul soprannome siamo d'accordo. su meadows pure. pensa che "Dead Man's Shoes" pur non essendo una rece eccellente è tra le più cliccate del blog. aspetto le tue "mine"... :D
    il corto è già sull'hd, lo guarderò sicuramente!

    RispondiElimina
  5. bellissimo questo affresco di meadows,un regista che trasforma in oro tutto ciò che tocca

    RispondiElimina
  6. il re mida del cinema, ahah! bella questa definizione, grande trita.

    RispondiElimina
  7. spettacolore piccolo film: sono pochi i registi che ci fanno sorridere con opere così :)

    RispondiElimina
  8. bravo einzige, sono d'accordo, ed è anche una prova di eclettismo da parte di Meadows

    RispondiElimina
  9. Piccola perla, l'ho recensita tempo fa ed è sempre un piacere vederla pubblicizzata. In attesa dei prossimi lavori di Meadows, che non sa come si sbaglia come un colpo.

    RispondiElimina
  10. ciao dolcetto! vero, anche a me piacciono tutti i film di Meadows

    RispondiElimina
  11. Quindi suppongo tu abbia visto anche la sua miniserie "This is England '86". Te lo dico così, giusto per scrupolo, perché in caso contrario è cosa buona e giusta consigliartela ;)

    RispondiElimina
  12. oddio no, guardo solo film... non sapevo nemmeno della miniserie :P
    grazie dell'info in ogni caso

    RispondiElimina