domenica 28 marzo 2010

Tokyo!

1
2008, Michel Gondry, Leos Carax, Bong Joon-ho.

Tre episodi di circa 40' firmati dai 3 registi.

Interior Design di Michel Gondry.
Una giovane coppia arriva a Tokyo nella speranza di trovare lavoro e che il film (assurdo!) prodotto dal ragazzo ottenga riconoscimento. Ospiti presso un'amica, che "puzzeranno" presto. Casa non si trova, lavoro solo miserabile. Il ragazzo perlomeno qualcosa riesce a fare, ma lei è una barca senza rotta, e diventerà una sedia.

Merde di Leos Carax.
Un uomo denominato anche nei tg "Uomo delle fogne", d'allucinato aspetto con un occhio vitreo, villo rosso e barba barocca, unghie di nosferatesca memoria, vive nelle fogne che sono un condensato di timori e vergogne ancestrali. Ogni tanto emerge da un tombino in pieno centro gettando tutti nel panico. Alla seconda uscita getta a casaccio bombe a mano operando una strage. Il perché lo fa è ancora più non-sense.

Shaking Tokyo di Bong Joon-ho.
E' la storia claustrofobica di un hikikomori che vive in quasi totale isolamento nella sua casa da circa 10 anni. La casa è una "perfezione" di ordine dove quasi tutto viene conservato. Sarà costretto a guardare negli occhi una ragazza che consegna la pizza che mangia ogni sabato a causa di un terremoto che la farà svenire. La ragazza ha curiosi tatuaggi: sono dei bottoni in corrispondenza di comandi, come quelli dei computer, e premendoli si attiva la funzione.

Tre storie di incredibile fantasia! Sono di un'originalità e di un simbolismo tali da far pensare al miracolo intellettuale-visionario. Corea e Giappone, su questo fronte, sembrano fare fantascienza rispetto all'occidente. Mi sono piaciute tutte, soprattutto Merde e Shaking Tokyo.
Paure e leggende trasportate nella dimensione urbana della grande metropoli.

Non è uscito in Italia. Non ci considerano in grado di apprezzare queste opere evidentemente.
Consiglio tantissimo di procurarselo e di vederlo, è un film troppo particolare.


1 commento:

  1. Basterebbe la presenza del duo Bong/Gondry, per assicurare il filmone.

    RispondiElimina