martedì 21 agosto 2007

Arrivederci ragazzi

4

1987, Louis Malle.

E' il secondo Leone d'Oro di Malle, dopo Atlantic City nel 1980.

E' la storia, vera, in un collegio cattolico della Francia in piena occupazione tedesca. 3 ragazzini ebrei vengono ospitati sotto falso nome, dal prete direttore, nel tentativo di salvarli dai rastrellamenti della gestapo...

Un film carino, semplice, ben girato.
Omaggio storico ai crudeli eventi, ma poco cinema, poca arte.

4 commenti:

  1. Vabbè a me sto film è piaciuto moltissimo. Sai no? c'entra sempre il collegio...e comunque la storia è così delicata, bella...pulita...non so :) Lo rivedrei molto volentieri.

    RispondiElimina
  2. è bello, sì, la rece no, quasi solo una menzione.
    e va be', era un periodo per me così ;-)

    RispondiElimina
  3. beh allora Roby...aggiungiamo questa dai...

    *mi pareva che ci fosse qualcosa non solo di ingiusto, ma anche di volgare in quel modo di prendersela sempre con i più deboli. Mi guardava attorno sentendo crescere il mio disagio: i compagni del collegio, più o meno tutti, mi parevano rozzi e superficiali. Mi sentivo diverso ed estraneo da quella masnada di ragazzi di buona famiglia soddisfatti e spesso viziati.
    "Ma cosa rimproverano agli ebrei?" "Di essere più intelligenti di noi" rispose pronto. "E anche di aver crocifisso Gesù Cristo." "Ma non sono stati loro, sono stati i romani!" esclamai con slancio.*

    RispondiElimina
  4. fantastico! grande citazione...

    RispondiElimina