venerdì 1 gennaio 2010

Grace

3

2009, Paul Solet.

Una figlia fortemente voluta dopo altri persi. Una coppia agiata, lui ha una madre ultrapossessiva, lei gli è in perenne contrasto. La ragazza segue una dieta vegana, è molto colta ma con la fissazione che gli ospedali sono dannosi, vuole partorire da un'amica ostetrica, molto amica.

In un grave incidente d'auto a pochi giorni dal parto muoiono sia il marito che la bimba in grembo. Decide di partorire comunque alla data il cadavere. Dopo un parto terribile (scena da cineteca!) Grace nasce e incredibilmente comincia a respirare e vagire.
Di cosa si è nutrita prima di nascere? Il biberon in locandina dice tutto... la madre da sola non potrà farcela a lungo.
Se il biberon è quello, cosa dargli dopo lo svezzamento?

Girato in ritmi lenti e spietati, poche accelerazioni di tensione dettate più dall'evento che da espedienti di ripresa. Il film fa crescere la trama alla sua spaventosa ipotesi con precisione medica. La qualità delle riprese è davvero eccelsa e la storia assume persino una certa plausibilità.

M'è piaciuto tantissimo.
In Italia difficilmente si vedrà. Per gli Oscar i distributori fanno a botte, ma per le perle che emergono al Sundance non s'impegnano altrettanto.

Da vedere.

3 commenti:

  1. L'ho visto qualche mese fa.La trama è molto interessante e,anche se lentino,scorre bene.Se posso permettermi ti consiglio un altro film francese che mi è piaiuto molto.Ritmi sicuramente più serrati e qualche secchiata di sangue in più:)A L'INTERIEUR del 2007.

    RispondiElimina
  2. http://robydickfilms.blogspot.com/2009/12/linterieur.html
    visto come vedi, bellissimo, ha segnato il mio definitivo riavvicinamento all'horror, anche lì le panze gravide avevano una certa importanza :D
    poi con Béatrice Dalle...
    p.s.: consigli sempre permessi, eccome!

    RispondiElimina
  3. Oh scusa!non avevo guardato l'archivio ehehehhe Infatti te l'avevo segnalato proprio per il collegamento sangue e infante.W l'horror!!:)

    RispondiElimina