mercoledì 13 gennaio 2010

Bangkok Dangerous

0

1999, Oxide Pang Chun, Danny Pang.

Un killer sordomuto con 2 soli amici coetanei. Un ragazzo che lo ha istruito, addestrato alla professione. Una ragazza che lavora in un locale notturno e procura le commissioni da svolgere.

E' un killer fenomenale, preciso, freddo e spietato, infallibile.
Qualche flashback sulla sua infanzia ci aiuta a comprendere qualche ragione di tanto carattere e distacco. Per i suoi 2 amici darebbe la vita, ed anche per una dolcissima ragazza conosciuta in una farmacia.
I 3 formano una piccola banda che agisce al di fuori delle grandi gang, ma per una quasi-fatalità ci si dovranno scontrare...

Film d'azione di velocità supersonica, inquadrature che non conoscono sosta ed angoli fissi, musica ed effetti sonori perfettamente sincroni per ritmo ed intensità agli stati d'animo.
Adrenalina a mille! ...

Ma anche qualità di trama, originale e furba.
Questo genere di eroi che eroi non sono devono parlare poco, è prassi, e meno chiacchierone d'un muto non si può immaginare. Qui poi siamo di fronte ad un personaggio quasi privo d'ogni sensibilità umana, sensibilità che riserva solo ai personaggi citati e ad un finale, eccezionale!, che comunque non chiede né comprensione né perdono.

Cult da non perdere!

Film come questo non si rifanno. E' uscito un remake nel 2008 con protagonista Nicolas Cage che non posso giudicare, diretto dagli stessi fratelli Pang, ma la sensazione che mi possa deludere è forte.

0 commenti:

Posta un commento