sabato 9 gennaio 2010

The Wicker Man

3

1973, Robin Hardy.

In Scozia un piccolo posto di polizia riceve una lettera anonima che denuncia, in una piccola isola, la scomparsa da mesi di una ragazzina, Rowan Morrison. Il sergente Neil Howie (interpretazione memorabile di Edward Woodward) gli dà credito e si reca sull'isola, una proprietà privata di Lord Summerisle (un fantastico Christopher Lee) dove già all'arrivo i locali non pare vogliano aiutarlo molto.

Neil, profondamente credente in dio, comincerà le indagini trovando non poche stranezze nei comportamenti degli isolani, che non perdono occasione per ribadire il concetto che loro hanno tradizioni proprie e seguono solo la legge del loro lord. Non tarderà a comprendere durante le sue ricerche, che dimostreranno che la ragazza viene occultata ma non è morta, che la piccola comunità segue antiche tradizioni pagane: orge col culto della fertilità, educazione alla reincarnazione ed alla sessualità degli uomini e della terra, sacrifici....

Il culmine è la Festa di Maggio.
I sospetti che la ragazza sia la futura vittima di un sacrifico umano si fanno certezza, ma c'è un "ma" che Neil non conosce né minimamente immagina. Cerca di rientrare per chiamare rinforzi, l'aereo non parte, ed è proprio il primo Maggio. Finale straordinariamente infuocato.

Scene straordinariamente belle soprattutto nel finale. Trama studiata ed intelligente, basata su fatti veri anche se antecedenti il 1973. Il fatto che un'isola potesse vivere in tale isolamento al punto d'avere religione e legislazione proprie non è nemmeno così improbabile in un mondo, quello anglosassone, dove la legge dello stato tradizionalmente agisce sul suolo pubblico, mentre quello privato è considerato quasi inviolabile.
Tutto quindi è spaventosamente plausibile, e affascinante.
Ho già citato i 2 bravissimi attori. Lee è impressionante, ha proprio il fisico del ruolo, con la sua altezza sembra davvero un dio-signore d'altri tempi. Sarà però Woodward ad interpretare un toccante momento di delirio religioso, momento in cui non ha davvero altro cui appigliarsi.

Evitare come la rogna il pessimo remake del 2006, titolo in Italia Il Prescelto.
Questo è il vero ed irripetibile The Wicker Man! Fantastico!
Procuratevi la versione uncut, ottimamente sottotitolata con anche le traduzioni delle significative canzoni, questo film è molto cantato, quasi un musical.

3 commenti:

  1. l'ho visto stasera spinto dalla curiosita'e dalle ottime recensioni lette su nocturno cinema e devo dire che l'ho trovato assolutamente affascinante sia per le location (a tratti sembravano le stesse di BAD TASTE in nuova zelanda)sia per le canzoncine morbose a sfondo direi esplicitamente sessuale di cui il film e'pieno.ottima la fotografia.mistero che il film non sia mai stato distribuito e doppiato in italia ma circola in rete una versione che dovrebbe essere uncut e sottotitolata e vi assicuro che vale la pena dargli un occhiata

    RispondiElimina
  2. peccato non poterti salutare almeno per nome...
    grazie comunque per il contributo. :)

    RispondiElimina
  3. infatti nella versione uncut c'è la scena di Britt Eckland che balla e canta nuda, io ce l'ho e in questo momento la sto guardando, sono ormai vicino alla fine, questo film è un autentico cult, da molti definito il quarto potere dei film dell'orrore :)

    RispondiElimina