lunedì 28 dicembre 2009

Lady Vendetta - Simpathy for Lady Vengeance

7

2005, Park Chan-wook.

Temevo un po' la visione dell'ultimo film della Trilogia Della Vendetta, per 2 semplici motivi. Anzitutto l'inevitabile confronto coi primi 2 film, Mr. Vendetta e Old Boy, due meraviglie di regia e originalità. Poi anche per la ravvicinata temporizzazione delle mie visioni: una settimana.

Ed invece ancora, anche questa volta, Park mi ha strabiliato e, cosa che mi ha inizialmente spiazzato, con un film diverso dai primi 2! Ero ai blocchi di partenza, bandana e canotta pronto ad azione e violenza, ma mi trovo davanti un film più barocco se vogliamo, nei tempi e persino, qui sì palesemente, nelle musiche. Primi piani e soggettive prolungate, pochissime le accelerazioni, uso dei flashback più complesso pur in una trama, di per sé, più semplice e meno contorta dei precedenti, ricercatezza che già nei titoli di testa ti prepara.

FILM GRANDIOSO! E che contenuti, qui Park mi ha ucciso, a me.
Non tiro il filo, scucitevelo da voi il film guardandolo, ma c'è un aspetto che anticipo per trattarlo.
Sul film ho finito, quindi se volete interrompete la lettura qua, il resto è disquisizione, che per me è sempre Cinema.

Dunque:
I parenti delle vittime di un serial killer vengono posti davanti ad un quesito che mai avrebbero immaginato. Hanno davanti a loro le prove inconfutabili che l'uomo è colpevole e l'uomo è legato ed inoffensivo, a loro disposizione. A parte la regia incantevole della telecamera che vaga fra quei visi perduti tra sofferenza e vendetta, giustizia e violenza, (minuti e minuti!), senza divagare sul cinematografico, siamo di fronte ad una possibilità di giustizia privata compiuta con l'avallo di quella ordinaria (sottobanco ovviamente). Badate bene, non si tratta di un linciaggio, non c'è il parossismo della massa imbarbarita! Qui c'è ragionamento, religione, presa di coscienza, valutazione di pro e contro disperata ma senza fretta... Godetevi il risultato, e non sarete ancora alla fine del film.

Classifica finale: 3 opere d'arte meravigliose!

p.s.: devo molto a questo film perché ha risolto o quasi una mia teoria personalissima riguardo alla pena di morte, che scrissi qualche tempo fa. Tutt'altra roba, si parla di diritto, non di cinema.
Se qualcuno ha molto, ma molto tempo da perdere, la trova QUA.

7 commenti:

  1. Trilogia della madonna,in termini tecnici:)

    RispondiElimina
  2. grande film, lo adoro quasi quanto old boy

    RispondiElimina
  3. hanno 2 stili diversi, old boy più spettacolare, questo più pregno, io li metto alla pari

    RispondiElimina
  4. Della trilogia è quello che mi è piaciuto meno, in tutta onestà...non ricordo con precisione perché l'ho visto molto tempo fa, ma ricordo che qualcosa nella sceneggiatura non mi aveva convinto e che, rispetto agli altri due, risultava un po' troppo lento..meno appassionante.
    rimane comunque un signor film, esteticamente è un gioiello.

    RispondiElimina
  5. Nicky, questo della trilogia è certamente il meno action, però come ho scritto è più "contenutistico". poi i gusti ovviamente non si discutono mai :)

    RispondiElimina
  6. tra i due della trilogia che ho visto, questo è sicuramente il migliore. la scena dei parenti riuniti nella stanza è, come dici, la migliore e più d'impatto del film. fredda, irrazionale, passionale, emotiva, eppure distaccata, calcolata e ragionata nei minimi dettagli.
    l'olimpo gli sta a pennello.

    ps. durante il ponte dovrei essere in grado di buttare giù quelle famose '2 righe' :D

    RispondiElimina
  7. bravo dr.nick, quando ti ci metti fai sempre sul serio! :)
    aspetto senza ansia le "2 righe", no problem... ciao

    RispondiElimina